Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2012

Ragionare per parole chiavi

Immagine
Sarà twitter, sarà la voglia di emergere, ma ultimamente sul web non si fa altro tipo di ragionamento che quello per parola chiave. Per essere notata, per essere letti cosa si fa? Si cerca di dire la propria sul fatto del giorno, su quello più cercato, sul fatto più discusso, in modo da emergere. Il più delle volte si emerge con cose che non stanno ne in cielo ne in terra, ma l'importante è emergere. E la gente si incazza intorno a questa pochezza, fa discorsi inutili intorno a questa persona che è inutile e che usa parole a casaccio solo per emergere. Per me entrambe meritano quel che valgono: indifferenza.

Un mondo fatto di numeri

Immagine
Quando rinasco voglio vedere il mondo fatto di numeri. Voglio vedere il mondo e le esperienze e la vita tutta come un insieme di numeri, calcoli statistici e calcoli di probabilità, null'altro solo numeri.
E' una vita tremendamente facile. E' una vita dove l'irrazionale non esiste in quanto tale. Tutto è un numero, un sistema binario, un calcolo statistico, un calcolo di probabilità.
Fare parte dell'altra parte del mondo, quello dove l'irrazionale e il sentimento sono accettati, ti complica la vita, gestire l'irrazionale ti crea ansie e dubbi. Meglio il sistema binario 1 oppure 0, 0 oppure 1, non c'è via di mezzo.

Via le ruotine!

Da qualche giorno Vittoria ha tolto le rotelle (o ruotine) alla bicicletta e in un batter d'occhio eccola andare su due ruote invece che con quattro.
Ha fatto incredibilmente presto ad imparare.
E io sono sgomenta ricordandomi come il mio papà prima avesse piegato una ruota e poi l'altra per spronarmi a trovare l'equilibrio e poi ne aveva tolta una e poi anche l'altra... Era stato un processo lento... Mica durato due ore!
Inutile dire... Sono orgogliosa di lei...
Mentre Rachele e' riuscita ad addormentarsi mentre la spingevo sul suo triciclo.... E poi stanotte mi fa fare l'una....

A proposito di libri...

"Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima", diceva Cicerone più di 2000 anni fa. E per me è  ancora così.
La mia casa è gonfia di libri. Nel mobile di sala sono su tre file e poi anche di traverso. Qualcuno è sul divano, altri sullo scaffale che doveva servire ad altro...
E quando vado in casa d'altri è la prima cosa che noto, la loro presenza oppure la loro assenza.
E non sapete quanto mi da' fastidio quando criticano i miei libri...

twilight saga vs The Vampires Diaries

Immagine
Un giorno mio marito mi disse: "ho il film di twilight da vedere" e io risposi: "aspetta che prima vorrei leggere il libro".
Questo deve essere successo circa tre anni fa. In quei mesi estivi del 2009 divorai letteralmente i libri della saga twilight, li amai profondamente, e mio malgrado, iniziarono a piacermi i vampiri.
Mi obbligai a non leggere il diario del vampiro, nonostante quella copertina nera e quelle pagine bordate di rosso suscitassero in me ammirazione e soprattutto voglia di leggere. Solo che avevo letto troppi parei nauseanti su internet e non volevo spendere soldi in spazzatura.
Poi venne il telefilm. The Vampire Diaries... e venne Damon.
E così mi iniziai ai vampiri veri, a quelli che succhiano sangue e non mangiano gli animali. Ai vampiri che possono stare alla luce del sole grazie a speciali anelli, ai vampiri che bruciano al sole, non quelli che brillano. Ai vampiri che sono come noi, non pallidi e bellissimi. Ai vampiri che bevono sangue, ai va…

La terra trema...

Non ne posso più. Quest'anno non se ne può più.
Continui terremoti, ogni tot la terra balla e io non so se è la mia testa oppure la terra, e quando mi rendo conto che è la terra non so che fare, scappare? Rimanere? Girarmi dall'altra parte?
Ma l'ho sentito solo io?
Domande. Dubbi. Tensioni.
Aspettando the big one.
E mio marito che continua a ripetermi che il 21 dicembre è la fine del mondo.

SPA

Immagine
SPA sta per salus per aquam, ovvero la salute attraverso acqua. 
Niente di più giusto è mai stato affermato prima.
E i romani, gran popolo, avevano capito questo più di duemila anni fa. Infatti dotarono tutte le città di un edificio termale. Il più delle volte venivano usate acque comuni, non acque curative, erano per lo più importanti luoghi di ritrovo e anche di socializzazione.
Lo sviluppo interno tipico era quello di una successione di stanze, con all'interno una vasca di acqua fredda, la sala del frigidario, solitamente circolare e con copertura a cupola e acqua a temperatura bassa, seguita dal calidario, generalmente rivolto a mezzogiorno, con bacini di acqua calda. Tra il frigidario e il calidario vi era una stanza mantenuta a temperatura moderata, il tepidario.
Queste erano le stanze principali delle terme, ma si potevano anche fare molte altre cose (tra cui lavarsi) recandosi nelle altre aree delle terme dove si poteva leggere o partecipare ad altre attività o assistere…

La pastiglia della pressione

Se dico "La pastiglia della pressione" mi viene in mente mio nonno. da che l'ho conosciuto ha sempre preso la pastiglia della pressione... per abbassarla ovviamente... io invece da oggi la prendo per alzarla... a volte la vita ti gioca davvero brutti scherzi. C'è chi passa la vita ad abbassarla, e chi ad alzarla. Se pronuncio "la pastiglia della pressione" mi viene in mente il nonno... mi viene in mente la sua voce che imperterrita esclama: "la pastiglia della pressione!" perchè aveva dimenticato di prenderla...
E ora io la prendo per alzarla... strana la vita.
Oggi continuo a ripetermi "la pastiglia della pressione" perchè mi torna in mente LA SUA voce.
Oh nonno... tu non sai come mi manchi, mai l'avrei detto...

Pessima casalinga

Sono una pessima casalinga. Ogni volta che entro in casa e mi si poggia lo sguardo su di essa, mi piglia male. Mi sento una pessima madre, pessima moglie, pessima donna, pessima qualsiasi cosa. Poi il giorno che per un qualsiasi motivo non vado a lavorare mi rendo conto che posso fare bene un solo mestiere alla volta. O faccio la mamma, o faccio la profe, oppure la casalinga. Tutte le cose insieme non ce la faccio. Non sono wonder woman, non sono poi così tanto multitasking come certe riescono ad essere.... Sono io, una sola, e non ho neanche tanto il fisico per reggere tutto quanto.... In questi momenti vorrei rinegoziare tutta la mia vita....

Una nuova bambola (anzi due)

Anche se ho la casa piena, anzi strapiena, di giochi ogni tanto sento il bisogno , quasi fisico, di regalare qualcosa alle mie bambine. Portarle nello stesso negozio di giocattoli dove mi portava mio papa' (devo ammettere con molta più regolarità di quello che faccio io) e mi faceva scegliere quello che volevo. Ricordo quando scelsi la mia Simona, tutte quelle bambole sul bancone e io che incrociai i suoi occhi... Fu amore a prima vista. E ieri quando ha messo tutte quelle bambole sul bancone per Rachele, lo stesso bancone, la stessa posizione, che tuffo al cuore. E Rachele che senza esitare prende la sua, e si porta il sacchetto più grande di lei fino a casa. E ieri Vittoria, di nuovo in quel negozio che sceglie la sua bambola. Chissà se stavolta ha trovato quella giusta a cui fare da mammina come io facevo con la Simona. Sicuramente questa e' la sua alter ego, ha scelto la bambola che viene punta dalle zanzare...  E visto che ieri sera non ha avuto molto tempo per giocare...…

Hot pants

Il giovedì sta a me accompagnare Vittoria all'asilo. Stamattina mi sono resa conto di non avere nè il grembiulino rosa, ne quello giallo pulito. Non sapevo come evitare la sceneggiata di dover per forza metterle quello verde... così, non so come mi è venuta la brillante idea di proporle di mettere sopra i leggins la gonna di Jeans. Di solito per andare all'asilo mettiamo solo cose comode, non di certo gonne e pizzi, quelli li lasciamo al week-end.
Quindi non le sembrava vero di poter mettere la gonna all'asilo e il grembiule... è passato veramente in secondo piano. mentre le allacciavo la gonna mi ha espresso questo desiderio: "Mamma mi puoi comprare un paio di jeans corti corti da mettere sopra ai leggins?".
Io sono rimasta un pochino stupida della richiesta... a 5 anni un paio di hot pants, a 15?
Non ho resisistito.
Visto che negli ultimi giorni sono stata un po' assente ho pensato di ricompensare le mie bambine: hot pants a Vittoria e una bambola a Rachele…

20 anni

Mi sono resa conto che domani saranno 20 anni dal giorno in cui ho iniziato a tenere un diario. 20 anni. 20 anni che più o meno cerco di scrivere di me. Prima fu la carta, negli ultimi 5 anni i pixel. Cavolo 20 anni.... E quella data mi e' rimasta indelebile nella mente 16 maggio 1992. Perché iniziai? Bho non lo so, ma in questi 20 anni sapete cosa non e' mai cambiato? Che non ho mai scritto un vero diario segreto, anche quando era di carta era sempre aperto, sul comodino. Scritto per essere letto.  Non so dirvi se la mia mamma l'abbia mai letto, ma di sicuro l' ho sempre scritto per chi doveva venire, per lasciare traccia di me. Avevo solo 13 anni, e volevo già essere ricordata....

Invecchio?

Molte volte mi chiedo cosa mi aspetto dalla mia vita futura. Sempre più spesso la risposta e' questa: "finita la giornatina lavorativa vorrei anche percorre dei kilometri, ma raggiungere la mia casetta, in riva al mare, contemplare il paesaggio e rilassarmi alla musica della natura con un libro in mano". Questa immagine l'ho sempre nella mia mente da quando ho provato a stare alla capanna anche se lavoravo. Percorrere la strada in motorino tra cielo e mare e poi rilassarmi nel patio... Fanno cadere ogni bruttura della giornata... Ohhh se la capanna fosse mia.... Desiderare la campagna, il mare, a discapito della città vuol dire solo una cosa... Sto invecchiando. Ho anche bisogno di una vacanza... Mi basterebbe raggiungere una delle due case per più di un giorno... Peccato che non ne abbia assolutamente l'occasione questo mese.... Che bisogno d'evasione!

Proibito

Immagine
Per mail mi sono arrivate queste parole, decido di metterle qui perchè sembrano proprio descrivere il momento, per me, che stranamente, son rimasta senza parole.......


E' proibito non fare le cose per te stesso, avere paura della vita e dei suoi compromessi, non vivere ogni giorno come se fosse il tuo ultimo respiro. E' proibito sentire la mancanza di qualcuno senza gioire, dimenticare i suoi occhi e le sue risate solo perché le vostre strade hanno smesso di abbracciarsi. Dimenticare il passato e farlo scontare al presente.

Pablo Neruda





Ci sei o ci fai?

I lpricipale problema di gestione del nonno nei suoi ultimi anni di vita era "ci sei o ci fai?" ovvero noi non sapevamo mai quando ci faceva o c'era. Ovvero non sapevamo quando se era sordo oppure quando non voleva sentire, non sapevamo se non si ricordava oppure se non voleva ricordare e via dicendo. Il filo che divideva il c'era dal fare era così sottile che ti mandava in bestia.
Sta succedendo anche a mia mamma.
Ma mia mamma lo fa con 20 anni di anticipo rispetto a mio nonno.
Mio papà esagera sempre, ma già qualche tempo fa avanzava questa ipotesi... medicalmente è provato che più o meno hanno la stessa diagnosi neurologica, ma con la differenza che mio nonno è andato incontro a questa sorta di demenza dopo due lutti importanti a concluisone di lunga e logorante malattia (moglie - cognato) mentre la mamma va incontro a questo con una ventina d'anni in anticipo e senza aver assistito h24 un malato terminale.
Il problema è la gestione di Vittoria.
Il problema è …

Perché non ho mai spiccioli?

Gli spiccioli mi servono per il caffè, per le macchinette e ultimamente non ne ho mai! Perché? Chiedetelo a Rachele... Il suo nuovo sport e' quello di svuotarmi il portafoglio e disseminare i miei spiccioli ovunque. Ora li ha usati modello gettone nel letto. Quindi i miei spicci giacciono nel cassettone del letto... Finiti quelli e' il momento delle tessere del supermercato @___@ Nooooooooo l'abbonamento del treno nooooooo! Ora la faccio piangere....

Perché ho votato?

Non volevo andare a votare perché sapevo sarebbe stato un plebiscito non una votazione. Infatti il sindaco in carica e' stato riconfermato al primo turno con un numero imbarazzante di voti. Si vede che alla popolazione della mia citta' le cose stanno bene come sono e non ha voglia di cambiare. La sorpresa eclatante e' stata la disfatta del pdl... Il candidato ha raccolto solo il 15%... Con 3 liste che la sostenevano. E il candidato grillino ha spiazzato tutti con un 10%, e' lui che ha vinto, altroché! Quella che ha perso sono io, che come al solito la penso in modo diverso dalla massa... Tanto valeva far parte del primo grande partito italiano, quello dell'astensione!

80/40

Immagine
80/40... due numerelli carini... no non sono davvero le mie misure, tantomeno le mie taglie, ma la mia pressione sanguinea. Diciamo che un essere umano dovrebbe essere un attimino più attivo e tale numero è più da cadavere ... specialmente dopo che prof. Mat2 mi ha detto che la pressione ideale è 129/80 perchè sono due numeri in cui è nascosto il numero aureo 0_o ma non so di cosa stesse parlando... io so come mi sento e so che 80/40 non è un buon numero.
Pi volte oggi ho creduto di svenire... quindi sono scesa in segreteriaa e per domani ho preso un giorno di malattia, non sia mai che domani svenga in carcere. Passi svenire in cattedra a scuola, ma svenire in cella proprio non si può fare..

Prima mi son guardata allo specchio e un po' mi son fatta paura... ho bisogno proprio di riguardarmi... non ho il fisico. Basterà domani per rimettermi in sesto?

votare?

Oggi sarei, in teoria, chiamata ad eleggere il nuovo sindaco. Ma nella mia citta' non c'e' storia, piu che una votazione e' un referendum. Poi quest'anno ci sono almeno 13 liste ed in ogni lista conosco personalmente almeno un candidato, per non parlare di almeno altri due candidati che magari conosco, nel senso che so chi sono. Quindi fra amici, genitori e parenti di amici, amici di vecchia data, colleghi, persone che frequentano la casa dei miei genitori e chi piu ne ha pou ne metta io non so per chi votare. Non ho nemmeno piu' un partito di riferimento a livello nazionale figuratevi a livello locale... E allora ho pensato di fare cosi': mi faccio dare la scheda e faccio ambarabbacciccocco fra tutte le liste escludendo quelle che sostengono l'attuale sindaco (che e' un ebete) e in quella che viene voto la persona che conosco. Bel metodo democratico...... Com'e' messa bene l'Italia, anzi come l'hanno ridotta...... °°° Alla f…

Parole chiave

Immagine
Mi diverto un sacco a controllare le parole chiave, ovvero le parole che vanno cercando le persone e per caso si trovano qui.
Vorrei sapere se le persone che cercano "cacca" trovano esaurienti risposte tra i miei post, come quelle che cercano indicazioni di stile su Kate Middleton.
Mi piacerebbe anche sapere se colei, o colui che ha digitato "sbrogliare la matassa" oppure "nonna italiana fa sesso" abbiano trovato informazioni, perchè assolutamente a me non sembra aver fornito tali informazioni nei miei 70 e passa post. Come del resto "mamma padrona piedi"... mamma ci sta... padrona... ok che comando io, ma piedi?
 Ecco... ora ci sono anche i piedi... i miei naturalmente, ammollo nelle acque cristalline del mio golfo. Che siano di buon auspicio per una calda primavera, visto che tanto per cambiare piove ed è freddino. Pensare che l'anno scorso di questi tempi si andava già al mare....

°°° aggiungo questa, è esilarante: beatrice cornacchia cin…

Ca..o, ho gli anni di Cristo!

Immagine
Ricordo con chiarezza quando mia mamma compì la mia attuale età, trentatre' anni. Ricordo che era sconcertata perchè aveva l'età di Gesù e si considerava ormai arrivata. Io avevo 10 anni, mio fratello 5, aveva una bella casa grande, un lavoro a tempo indeterminato, insomma era adulta e arrivata, era anche snella e sempre in tailleur e decollete e caschetto biondo.
Io oggi ho trentatrè anni tanto quanto.
Ho due bambine, Vittoria ha 5 anni, Rachele 2.
Ho una laurea, una specializzazione, un libro pubblicato, e un bel contratto a tempo determinato in scadenza il 30 giugno.
Vivo in un quartiere popolare in una casa in eterna costruzione (della serie tela di Penelope).
Sono almeno 15kg in sovrappeso, ho sempre le scarpe da ginnastica slacciate, jeans e maglietta, ovviamente sempre spettinata.
Ho gli armadi e i cassetti pieni di sogni, tanto che non ho posto per i vestiti... alcuni li realizzo, altri sono in attesa, altri... bhè rimarranno ad occupare posto.
Sarà ancora più sco…

una brava mamma

Ieri ho fatto la brava mamma. Ho fatto dormire Rachele per un oretta scarsa, poi veloce a prendere Vittoria e al posto del solito giro per negozi l'ho portata al campetto verde a giocare. Inizialmente ha giocato con sua sorella a fare gli scivoli, poi ha tentato di fare amicizia e giocare con altri bambini... Com'e' diversa da me... Io non lo aveei mai fatto. Anzi mi veniva voglia di dirle di stare alla larga dagli altri... Poo giocando qui e la' ha trovato una sua compagna dell'aailo e sono partiti i veri giochi... Il treno...i dondoli.. E infine le capriole nel prato. Ad un certo punto eravamo tutte e tre(quattro) sdraiate sul prato, il cielo azzurro, il venticelo fresco... E io ero felice, e loro erano felici. Poi con rametti e fili d'erba ho costruito loro le canne da pesca e i pesci erano le foglie dei tigli... E poi li abbiamo cucinati. E' stato come tornare bambina, quando mi inventavo giochi con il niente, quando giocavo nello stesso parco. Si perch…