Svegliarsi dopo un sogno

Eccomi di nuovo a casa.
È un po ' come risvegliarsi dopo un sogno bellissimo. Hai l'amaro in bocca e continui a sognare ad occhi aperti e vorresti tornare a dormire in modo da riprendere il sogno.
Nessun camino da accendere. Però ho il mio bimby che mi è mancato tanto. Ho fatto la panna cotta,  il pane e il pane dolce. Ieri sera ho scoperto che il pane dolce riscaldato sulla brace è spettacolare. Quindi la prossima colazione che farò su alla fattoria sarà con pane dolce alla brace e poi nutella sopra in attesa che le ciliegie maturino pee farci la marmellata (sempre con il bimby).
La mia massima aspirazione ora sarebbe vivere lì,  con il mio bimby e una stufa economica.  Allora si che mi piacerebbe esser casalinga.
Sto invecchiando.

Alla fattoria non sentivo le bambine. Avevano da trafficare, da aiutare la zia, da guardare galline e conigli, e anche marito si perdeva tra le cianfrusaglie del nonno. Io avevo il mio tempo e il mio spazio, le cose che più mi mancano nella vita di tutti i giorni. Invece stamattina è un delirio. Le bambine che continuano a battibeccarsi, fuori diluvia e marito malaticcio non voleva nemmeno alzarsi.
Vorrei tornare a letto e continuare a sognare... o più semplicemente tornare alla fattoria.

Commenti

  1. Certi bisogni vanno assecondati quanto più possibile...secondo me ci indicano la strada giusta per noi, sono segnali che dobbiamo cogliere e magari seguire. :-)))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Mal d'Africa

E se stasera l'Italia perde?

Sognare