Il cattivo giorno ha l'incazzatura in bocca

Oggi è un giorno no.
Ti alzi, sai che è giovedì e sai che comunque dovrai andare al lavoro.
Ti alzi e vedi che piove.
Ti alzi e guardi il calendario... 30 maggio e poi il termometro che segna 12 gradi.
Ti alzi e ti viene naturale pronunciare solo culofan. .. per essere educati.
Scopri poi che i cassetti sono vuoti, la pila di roba da stirare è alta quanto te, la pila di roba da lavare invade il bagno... e fuori piove.

Cerchi di dare un senso a tutto questo e ripercorri gli impegni del prossimo mese, scopri 3  giorni liberi, fai castelli in aria e poi ti rendi conto che non puoi andare da nessuna parte se non a casa gli unici 3 giorni che non lavori in tutto il mese. Culofan.
Scopri poi che non avrai modo di spostarti fino al 18 luglio. Culofan. E che comunque il 4 agosto devi esser qui. E poi realizzi che non hai più la casa al mare. Culofan.
Che cazzo di giornata di merda.
(Scusate il frasario ma non mi escono altre parole)

Commenti

Post popolari in questo blog

Paola Calvetti, Gli Innocenti

Una visita a Torino

Manchester... e il prossimo?