Il frutto dell'amor

Alcuni mesi fa avevo visto i gabbiani che abitano sui tetti intorno a casa accoppiarsi e con quello credevo che fosse finalmente arrivata la primavera. Credevo appunto,  visto che di caldo non se ne parla ancora oggi che è il 2 di giugno.

Da diversi giorni ascoltavo il pigolio dei pulcini di gabbiano e mi chiedevo dove potesse essere il nuovo nato. L'ho sentito alla mattina e anche alla sera, quando verso l'imbrunire mi piace stare alla finestra e ascoltare il garrito delle rondini. Mi ricorda quando ero piccola e la sera prendevo il fresco sul terrazzo seduta con il mio papà. E ogni volta che ascolto le rondini mi viene in mente quest'immagine di pace.
Stasera mentre stendevo... oltre a sentire il pigolio li ho visti! E quest'anno i gabbianini sono due. Ora son proprio piccoli e tutti grigi arruffati. Quando sapranno volare l'estate sarà finita.
Le stagioni attraverso un gabbiano.... chi l'avrebbe mai detto.
Speriamo almeno che dal momento in cui lasceranno il nido sia venuto un po' di bel tempo... io ho voglia di andare al mare!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Profeta

Mal di testa

La seconda prova di maturità