Vento

Stasera spira un forte vento e la pioggia scroscia nella sua direzione.
L'acqua e il vento fanno paura... con le immagini dell'ultima alluvione negli occhi quello che hai nelle orecchie non ti rassicura... ti spaventa.
E finalmente la piccola di casa si è addormentata fra i giocattoli guardando i cataloghi dei supermercati...

Io invece continuo a pensare cosa può portare babbo natale.  Vittoria vuole il tablet ma non lo avrà. Ed è difficile pensare a 5 regali a testa....senza andare a finire nel doppio e senza riempirsi la casa di cose troppo ingombranti e inutili.
Era meglio ai miei tempi... un regalo da mamma e papà,  uno dagli zii e i soldi dai nonni.

Commenti

  1. Di sicuro ai nostri tempi c'era più magia, eppure noi siamo una famiglia numerosa e di regali forse ce n'erano più allora che oggi, visto che combattiamo la crisi all'ultimo spicciolo. Io punto su utile+dilettevole! un regalino si ma che non si rompa domani e che e' qualcosa di veramente desiderato. Credo che ai bambini di oggi, manchi un po' l'aspetto dell'attesa, la capacità di desiderare veramente qualcosa e di dover attendere per averla. Questo e' il brutto, perché e' da li che poi arriva la soddisfazione e la felicità, nel veder realizzato il desiderio, da li arriva il piacere.

    RispondiElimina
  2. Vittoria non ha ancora imparato a desiderare veramente qualcosa... per questo una cosa vale l'altra, subito ne sarà entusiasta ma dopo 1 minuto si stancherà subito.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Colazione da Pandora

la quinta elementare

Non siamo dei falliti

Campioni di generosità

Stelle Nere

Con chi vorrei andare a letto stasera

L'Olpe Chigi e il Museo di Villa Giulia

Roma a sangue freddo