Tipi da spiaggia II


Oggi ho visto il tatuaggio più bello dopo la schiena con il panorama di Firenze.  Un tizio aveva sul collo  tatuato un codice a barre. Chissà se ha mai pensato di farlo leggere alla coop oppure all'esselunga con le machinette per la spesa veloce!

E che dire della tipa palestrata  che sembra un uomo e proprio non riesco a guardarla. Ha così tanti muscoli che pare uno scorticato, oppure ancora peggio quei modelli della mostra di anatomia che ho visto a Torino e che mi avevano tanto impressionata. Proprio non la posso guardare!

Poi c'è la tipa allampanata con le due figlie che poverine non è colpa loro se sono così. Quando arrivano in spiaggia iniziano a gonfiare tutto l'armamentario: Salvagenti, braccioli e giubbotto di salvataggio. Così attrezzate poi scendono in piscina a fare il bagno. La piscina è alta 70 cm al massimo e la bambina in questione ha almeno 5 anni e l'acqua le arriva all'ombelico. Sono le uniche bambine dello stabilimento che rimangono sotto la vigile sorveglianza materna tutto il giorno senza mai fare gruppo con tutte le altre. Sì, ne sono convinta, adulti problematici nascono da genitori problematici. Lo stabilimento è un luogo abbastanza sicuro, dove orde di bambini scorrazzano quasi indipendenti, guardati dai vari genitori dislocati nei vari punti dello stabilimento, perché obbligarle a stare attaccate a lei quando possono assaporare la libertà?

E poi vogliamo parlare della cosa che proprio non capisco? Certi genitori vengono, portano i bambini, si piazzano poi su sdraio e lettini e dormono tutto il giorno. Indovinate poi dove sono tutti i bambini? Ma sotto il mio ombrellone! Così noi ci troviamo a dover badare a 5/6 bambini per volta. Ma non mi dispiace per niente, basta che le mie figlie siano contente, tanto per i miei gusti sono già abbastanza abbronzata!

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Profeta

Maturità 2017

Mal di testa