Desmond Morris, La scimmia nuda


Questo è un libro bellissimo. Mi pento di averlo preso in ebook, e anzi alla prima occasione lo prenderò di carta. avrei voluto di carta perché volevo sottolinearlo e commentarlo con attenzione, cosa che proprio non mi riesce di fare con gli ebook.


Morris analizza i comportamenti dell' animale uomo con gli occhi di uno scienziato che l' osserva come se si trattasse di una specie qualsiasi, sottolineandone i tic e le compulsioni dovuti ai condizionamenti biologici e culturali, ma anche l' unicità e la grande libertà di orizzonti, in un quadro di riferimento di tipo naturalistico.  Sono molti i passaggi che mi hanno colpita e a cui proprio non smetto di pensare, come la spiegazione della necessità della religione e la spiegazione di alcune banali malattie. L'ho trovato illuminante e serio. Mi ha aperto davvero un mondo e ho davvero voglia di addentrarmi nell'antropologia, ho scoperto che mi interessa davvero.

La tesi sulla nostra nudità (mancanza di pelo) è quella che mi ha sbalordita di più. Non ci sono prove a suffragarla, ma è veramente affascinante immaginare che l'uomo, milioni di anni fa, sia stata prima una scimmia acquatica e poi una scimmia nuda terricola. Ok non ci sono prove, non abbiamo fossili, però la spiegazione dell'assenza di pelo con una versione acquatica di scimmia è davvero affascinante. Spiegherebbe del resto la nostra affinità con l'acqua... o almeno io la penso così. Ce ne sono molte di cose accennate a malapena che mi hanno fatto pensare e pensare, per questo il mio approccio con l'antropologia non termina qua.

Commenti

Post popolari in questo blog

La leggenda del Santo bevitore

La piccola bottega dei ricordi, Annelise Corbrion

la quinta elementare