Il giardino dei Finzi Contini, il Film


Premetto che non sono un'appassionata di Cinema, e devo dire che ne capisco anche meno di niente, solo cheora mi è presa questa scimmia di leggere il libro e vedere il film. 
Ieri ho trovato finalmente il tempo per vedere questo film, dopo aver letto il libro, e devo dire che il film mi ha deluso tantissimo. Non mi  piaciuto per niente.
Ha snaturato la bellezza e la poesia del libro, e se vogliamo lo ha anche banalizzato.

Il film è un indiscusso capolavoro, tant'è che ha avuto riconoscimenti internazionali come l'orso d'oro e l'oscar come miglior film straniero, ciò non toglie che il passaggio tra il libro e i film sia a mio modesto avviso penoso. Il film presenta una patetica storia di amore non corrisposto sulla scena della Shoah. Anzi la Shoah è la grande protagonista. Negli anni 70 non se ne parlava molto, quindi credo che il successo del film sia dovuto anche a questo. Solo che Bassani lascia il tutto in un sottofondo di detto - non detto che è inquietante, ancora più inquietante di scene palesi. Ne fa cenno solo all'inizio e alla fine, con poche scarne parole. Qui e là accenna qualcosa, ma mai in maniera eclatante e in tono accusatorio. Eppure l'immagine che suscita con le sue parole di Micol che passa dal camino mi ha perseguitato per giorni interi e mi ha angosciata davvero. 

La stessa forza evocativa della parola nel film manca. Tutto è palesato. 
Si perde del tutto la metafora del giardino che nel libro è la chiave di lettura. Il giardino salvifico, il giardino che nasconde, il giardino che protegge... tutto mi è apparso banalizzato. 
Si da enfasi ai sentimenti non corrisposti di Giorgio e basta. 
Ecco perché non mi piace questo film.
E non è un caso che De Sica e Bassani entrarono in conflitto durante la stesura della sceneggiatura. Anche senza saperlo si nota subito.

A me piace la letteratura, non il cinema, per questo nessun film sarà all'altezza del libro, per me. Ed i libri evocativi e poetici come questo hanno solo da perdere nella trasposizione cinematografica.

Commenti

Post popolari in questo blog

La leggenda del Santo bevitore

La piccola bottega dei ricordi, Annelise Corbrion

la quinta elementare