Napoli '44, Norman Lewis


Ho letto molto sulla seconda guerra mondiale, ho letto di ebrei sfuggiti all'olocausto, ho letto di partigiani, ho letto romanzi e ricostruzioni ma mi mancava proprio di leggere qualcosa da parte degli alleati. 
Norman Lewis è un giovane ufficiale dell'intelligence inglese di istanza a Napoli per 13 mesi.
Il suo compito è quello di raccogliere informazioni.
Dagli appunti giornalieri che traeva per il suo lavoro nasce questo libro, un bellissimo resoconto della Napoli appena liberata e messa in ginocchio dalla guerra.
Lewis è capace di analizzare l'Italia con occhio critico e lucido, descrivendo alcuni aspetti che sono ancora tutt'oggi validi. Descrive certi costumi tipici di Napoli, come i funerali, l'importanza delle apparenze, e descrive gli italiani come nessun italiano è mai riuscito a fare.

Una bellissima testimonianza che dovrebbe essere conosciuta da tutti.



Risvolto (da Adelphi)

Entrato a Napoli nel 1943 con la Quinta Armata, il giovane ufficiale inglese Norman Lewis si trovò stupefatto al centro della città delle signorine e degli sciuscià, scena mobile della prostituzione universale, oltre che di un’arte consumata dell’inventarsi la vita dal nulla. Come non bastasse, fu subito adibito a funzioni di polizia, quindi costretto a constatare ogni giorno le turbolenze, i fantasiosi maneggi e gli imbrogli che si celavano tra vicoli e marina. E capì subito che, di quanto gli accadeva, era il caso di prendere nota. Così, facendo della sua qualità principale, il saper «entrare e uscire da una stanza senza che nessuno se ne accorga», un fatto di stile, Lewis si aggira in una Napoli trasformata dalla guerra in un immenso, miserabile mercato nero – e registra tutto sui suoi taccuini. Mentre i colleghi si dedicano alla maldestra realizzazione di piani fantasiosi, come quello di far passare le linee a un gruppo di prostitute sifilitiche per diffondere l’epidemia nel Nord occupato, lui indaga su figure e avvenimenti che gli paiono, al momento, del tutto normali: signore in cappello piumato che mungono capre fra le macerie, statue di santi preposti da una folla in deliquio a fermare l’eruzione del Vesuvio, professionisti in miseria che sopravvivono impersonando ai funerali un aristocratico e imprescindibile «zio di Roma», ginecologi deformi specializzati nel restauro della verginità, nunzi apostolici che contrabbandano pneumatici rubati, e cosi via. 
I taccuini che Lewis tenne in quel periodo finirono poi per costituire questo libro, di cui il minimo che si può dire è che mai un occhio tanto sobrio e preciso si era posato su una realtà così naturalmente folle e sgangherata. E questo ne fa «un’esperienza unica per il lettore così come deve essere stata un’esperienza unica per chi lo ha scritto» (Graham Greene). 
Pubblicato in Inghilterra nel 1978, Napoli ’44 è stato definito «uno dei dieci libri da salvare sulla seconda guerra mondiale» («The Saturday Review»).

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La piccola bottega dei ricordi, Annelise Corbrion

Allerta Rossa

Roma è serendipità