Thanks god it's thursday

Quest'anno ho la settimana corta. Giovedì alle 13e40 la mia settimana lavorativa termina. Grazie a Dio.

Questa è stata una settimana sfinente. Pesante. Quest'anno mi trovo male al lavoro. E ho la segreta speranza di andarmene. Ho voglia di cambiare ambiente, di fare qualcosa di nuovo, ho bisogno di nuovi stimoli.
Aspetto con ansia il 15 novembre nella speranza di ricevere un nuovo incarico in una nuova scuola. L'ambiente si è reso insopportabile ed è impossibile vivere in un ambiente non sereno, figuratevi lavorare.
Il mio capo non è mai stato illuminato ma quest'anno ha proprio spento la luce.
Eppure dovrebbe sapere che se si respira tensione si lavora tutti male. Se prima speravo di lavorare per sempre lì, adesso.... non vedo l'ora di scappare.

E oggi è anche il giorno delle mie serie tv preferite, quest'anno le hanno concentrate tutte al giovedì e sono Grey's Anatomy,  The Vampire diaries e infine the Originals. Di per se questo mi tira su di morale e mi sento bene al solo pensiero.

Oggi è anche il giorno della promozione della lettura sui social,  avrei voluto pensare ad un post ad oc ma non ne ho la forza. Non ho la forza di fare nulla.
Nessuno dei miei contatti Facebook ha partecipato all'iniziativa e da Twitter mi sono cancellata da tempo. Non ne ho mai capito il funzionamento e poi mi avevano anche craccato il profilo e pubblicato twet pubblicitari.
#socialbookday serviva per promuovere la lettura, che in Italia è a livelli molto bassi. Si pensi che nel 2013 si stima che 6 italiani su 10 non abbiano letto neanche un libro. Secondo l'istat 1 famiglia italiana su 10 non ha nemmeno un libro in casa e sempre secondo l'istat un lettore seriale legge 1 libro al mese.
Con questi livelli la lettura va promossa eccome!!!!
Sono felice di aver letto 69 libri nel 2015 e sono ancora più felice che mi figlia,  8 anni ne abbia letti 36. Ma noi siamo veramente fuori media. Siamo perle rare. Semplicemente abbiamo spento la tv.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ci siamo quasi

Ma le stelle quante sono, Giulia Carcasi

Mugabe si dimette