Nanà, Zola


Nella mia vita precedente, quando ero una felicissima insegnante di Storia dell'Arte, avevo deciso di leggere quest'opera di Zolà per meglio comprendere il tempo degli impressionisti e per discuterne in classe. Nel mentre la mia vita è radicalmente cambiata e questo libro mi è risultato più pesante del necessario.
Eppure leggendolo mi sono immaginata quadri prender vita, di Manet, Monet e Degas. Quello che loro hanno trasmesso attraverso il colore Zolà lo rende attraverso le parole.
Il colore prende vita, non è difficile immaginare co,e i personaggi sono vestiti, come si atteggiano, dove si trovano, perché tutto è reso dal pennello degli impressionisti.


Nana Coupeau è fuggita dalla sua famiglia e dalla miseria. Diventata attrice, si diverte a umiliare i suoi spasimanti, primo fra tutti il conte Muffat che la mantiene principescamente. Incapace di amare altri che il suo bambino, avida di lusso e di piaceri, Nana finisce coll'essere abbandonata da Muffat e col rovinarsi economicamente. Morirà di vaiolo, mentre nelle strade echeggia l'annuncio della dichiarazione di guerra alla Prussia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Mal di testa

Il Profeta

Sui luoghi perduti e ritrovati