Reading Challenge 2016 - 1. A book based on a fairy tales

Lo scorso anno ho cercato invano consigli su quali libri leggere per partecipare alla Reading Challenge, quindi quest'anno ho deciso di stilare una lista per aiutare chi come me vuol partecipare ma non sà neanche da che parte iniziare. Così cercherò ogni giovedì di stilare una piccola tbr di libri da cui attingerò io stessa, e anche una piccola selezione di libri che ho già letto, in modo da offrire una vasta gamma di scelta a chi si appresta a leggere i miei post.

1. A book based on a fairy tales - Un libro basato su una favola

Ovviamente io interpreto il genere in maniera più ampia possibile, anche perché non mi piacciono troppo le restrizioni, non amo sentirmi legata.
Quindi in questa sezione possono rientrare a pieno titolo tutti i libri della saga di Harry Potter, io li ho letti tutti almeno 10 anni fa... ma sono convinta che ci siano ancora persone che non li hanno letti.
Rientrano a pieno titolo anche i libri di J.J. Tolkien, dal Signore degli anelli a lo Hobbit.

Se interpretiamo letteralmente potremmo leggere anche Cinder. Cronache lunari di Merrissa Meyer che rivisita la favola di Cenerentola trasponendola in un futuro lontano dove la Terra è divisa in sei grandi regni e Cinder è una ragazza metà umana e metà cyborg. Questo è il primo libro di una serie piuttosto vasta che include prequel e sequel, se avete voglia potete leggere tutti i 10 libri, a patto che essi siano tradotti in Italiano.

Invece io ho deciso di leggere il libro di Megan Morrison, Il fantastico viaggio di Rapunzel. Mi piace un sacco Rapunzel, è il mio classico Disney preferito.


Penso che lo acquisterò di carta per poi passarlo alle mie figlie, infondo è un romanzo per ragazzi. Ma sto scoprendo che la letteratura per ragazzi è variegata e allettante, perché non leggere qualcosa ogni tanto? Provare non nuoce. Per esempio la Viki sta leggendo Olga di carta:

Anche se è un libro per bambini mi sta chiamando da diversi giorni, e lo leggerò prima o poi. A lei piace molto, e visto che abbiamo più o meno gli stessi gusti so che piacerà anche a me. Anche questa è una favola e a pieno titolo può rientrare in questo primo punto.








Commenti

Post popolari in questo blog

Una visita a Torino

Paola Calvetti, Gli Innocenti

Manchester... e il prossimo?