La Sarta di Mary Lincoln, Jennifer Chiaverini


Ultimamente trovare un libro che mi piaccia davvero tanto è davvero difficile. Questo è stato pesante.  Tanto pesante. Interessante sia chiaro, ma non era scorrevole, per nulla. Un libro di storia annacquata, un Bignami, non un Romanzo.

Elizabeth è stata veramente la sarta e la confidente di Mary Lincoln, quindi immagino che la narrazione sia priva di frivolezze proprio per questo, credo che questo sia anche il motivo per cui il libro è così pesante, farcito di storia com'è, doveva rimanere il più fedele possibile ai dati senza inventare nulla. La verosomiglianza storica incalzante, del resto, è dono di pochi.

Quindi ho continuato a leggere questo libro solo per amor della storia, non di certo per l'intreccio fra Elizabeth e la First Lady, che di fatti è inesistente, ridotto ad un rapporto di servilismo obbligato piuttosto che vera "confidenza".

Cosa mi aspettavo da questo libro? Il raccolto del lavoro di una Sarta. Peccato che sia tutto così superficiale... nessuna entusiasmante descrizione di tessuto o di abito... niente. Si sofferma su battaglie, editti, discorsi e articoli di giornali e ben poco sui sentimenti e sulla descrizione del lavoro.


1860. Novembre. Mancano poche ore al risultato delle elezioni per il sedicesimo presidente degli Stati Uniti d'America e a Washington la tensione è altissima. Le strade brulicano di uomini che fanno la spola fra taverne e alberghi in cerca di notizie o si assiepano davanti alle porte dell’ufficio del telegrafo. Le sale dei circoli che costellano il quartiere della Casa Bianca sono già piene di passanti accorsi numerosi per approfittare del whisky offerto gratuitamente. Soltanto una donna di colore, Elizabeth Keckley, si affretta a tornare alla sua pensione di mattoni rossi stringendo al petto il suo cesto da cucito. È una sarta specializzata in eleganti abiti femminili alla moda. A Saint Louis, dopo anni di sacrifici e risparmi, è riuscita a comprare la libertà per sé e per il figlio George, studente in una lontana università dell’Ohio. Si è trasferita a Washington, la capitale federale dell’Unione, animata da un solo intento: continuare a garantire al figlio quell’istruzione che a lei è stata preclusa. Nonostante il clima teso a causa delle dispute legate all’abolizione della schiavitù e ai propositi secessionisti del Sud, Lizzie lavora alacremente. Non importa se per orlare le tende di un hotel malandato riceva soltanto due dollari e mezzo o se, per ultimare il vestito della moglie del senatore Davis, rientri così tardi da avere a malapena il tempo per un pasto e un bagno. Bravissima a confezionare i corpetti complicati e aderenti per i quali le dame del tempo impazziscono, Lizzie vede la sua fama accrescersi e farsi largo a poco a poco tra i circoli più in vista della città. Finché un giorno non si trova al cospetto di una donna sulla quarantina dai capelli scuri, con una bella carnagione e limpidi occhi azzurri che denotano acume e intelligenza: Mrs Mary Lincoln, la moglie del presidente appena eletto, la first lady nota per le sue bizze e i suoi improvvisi accessi d’ira. Lizzie le sistema magnificamente un abito rosa di moiré antico che Mary sfoggia con successo al primo grande ricevimento in onore dell’insediamento del marito. Da quel momento diviene non soltanto la sarta personale di Mrs Lincoln, colei che si occupa di vestirla e acconciarla per balli, cene e ricevimenti, ma anche la ex schiava cui l’inquieta, volubile Mary confida le sue angustie e i suoi rancori, il suo disappunto di first lady oggetto di malevolenze, invidie e gelosie. Un sodalizio che da parte della fedele Lizzie non verrà mai meno, neanche quando Mary Lincoln, sola e abbandonata da tutti, dopo aver perso il figlio Willie, a causa di una malattia, e poi il marito, vittima di un attentato, rivolgerà il suo risentimento contro di lei, scambiando un estremo gesto d’amore per un insulto alla sua dignità di ex first lady dell’Unione. 
Con uno stile avvincente e una trama arricchita da splendide descrizioni che restituiscono tutto il fascino dell'epoca, La sarta di Mary LincolnNew York Times bestseller, «porta alla luce, con stile, grazia e rispetto, gli scatti dimenticati di un’America passata» (Book Reviews), raccontandoci la storia vera di Elizabeth Keckley: ex schiava, sarta della Casa Bianca e autrice di un libro di memorie che scandalizzò l'intera nazione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Figlia mia non so che libro consigliarti

la quinta elementare

Quale scegli?