Attimi di me



Da quando ho cambiato il telefono non scrivo più i miei deliri di un attimo, ma la app Apple per blogger è davvero brutta. 

Oggi ho un mal di testa atroce resistente ad ogni cosa e mi sono fatta l'idea che fissare il mare in silenzio l'avrebbe fatto passare. Illusa. Sono qui da venti minuti ma niente, il dolore è forte e vorrei solo piangere. Fisso il mare e non nascondo che vorrei vedere spuntare un delfino. Non è raro a volte succede.

Vorrei una svolta nella vita. La vita sicura per cui ho combattuto fino ad oggi non mi piace. Il posto fisso è una gabbia dorata non un punto di arrivo.
Ora che c'è l'ho me ne vorrei solo liberare.  Continuo a dirmi che è solo un momento, che passerà, che devo solo trovare un mio equilibrio.

Sono quattro anni che inseguo l'equilibrio e non lo trovo. Cosa intendo per equilibrio? Non lo so nemmeno io. E cercavo una risposta nel mare, tra le onde. Ma proprio non riesco a trovarla.

Commenti

Post popolari in questo blog

La piccola bottega dei ricordi, Annelise Corbrion

Allerta Rossa

Roma è serendipità