Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2016

Un libro e il suo prequel

Immagine
Ormai siamo alla metà dell'anno e ho già letto più di 40 libri quindi a questo punto ho già un libro letto per questo punto.
Ho letto Shadow e Obsidian di Jennifer Armentrout, rispettivamente prequel e primo capitolo della saga LUX, ed ho parlato qui e qui delle mie impressioni.
Lo devo ammettere, avevo pensato a qualcosa di più alto per questo punto, ma alla fine ho seguito i miei interessi. Comunque sempre rimanendo nel genere Young Adult ottimo anche BEFORE e AFTER di Anna Todd, e comunque per i lettori di saghe c'è l'imbarazzo della scelta in questo campo.

Buona lettura

Venere di Milo a cassetti

Immagine
Il fascino della venere di Milo di esemplifica, a mio avviso, in quest'opera di Dalì. Dalì riproduce la Venere inserendo dei cassetti nella testa, nei seni, nella pancia e su un ginocchio. Aggiunge ai cassetti un pomello di pelliccia che ci invita ad accarezzarlo per rinvigorire la sessualità repressa dalla diffusa morale cristiana. I cassetti sarebbero i nostri segreti più intimi che solo oggi la psicoanalisi è in grado di aprire.
Ma secondo Breton i significati sarebbero altri e per i dadaisti non significa semplicemente niente, anzi qualcuno suppone che ci sia lo zampino di Duchamp in questa opera di Dalì...

Viaggio alla fine del millennio

Immagine
Questo libro fa prete della famosa TBR del mio collega chiamata "libri da leggere prima della maturità", l'anno della maturità l'ho già passato da un po', ho preso anche una laurea in lettere e anche una specializzazione ma di quei 300 libri da leggere in un quinquennio sono ancora molto indietro.
Così mi sto allineando cercando qualche titolo ogni tanto, perché infondo i miei gusti mi portano davvero altrove.


Su internet troverete milioni di recensioni tutte uguali. Non da me.
Questo libro è misogino. Mi ha altamente infastidita. Va bene che è un ottimo romanzo storico, ben costruito, verosimile come Eco insegna, con un lessico alto e ricercato. Bellissimo l'intreccio e lo stile narrativo. Peccato la misoginia. Ok nell'anno mille non possiamo certo aspettarci la parità dei sessi, ma essendoci qua e là riferimenti al nostro tempo portati nell'anno mille, anche la misoginia potrebbe essere un messaggio antico riportato nel futuro.
Non condanno la bigam…

La sovrana lettrice, Alan Bennett

Immagine
Lo ammetto ho scelto questo libro per la copertina e per il titolo e non sono assolutamente rimasta delusa, anzi credo che rientri a pieno titolo tra i miei libri preferiti.

Avevo letto già qualcosa di Alan Bennett e non mi aveva entusiasmata, ma io sono quella delle seconde opportunità. E di solito non rimango delusa due volte.

Il libro è agevole, 95 pagine che si leggono tutte d'un fiato. Pur non citandola mai per nome si intuisce che la protagonista del libro è Sua Maestà la Regina Elisabetta II che casualmente riscopre il piacere della lettura che ovviamente è un passatempo mal visto a corte. Ovviamente la lettura è dannosa perché ci fa scoprire noi stessi, perché ci guida verso una consapevolezza che stride con le grande manovre mondiali. Leggere e studiare è pericoloso, meglio una massa ignorante che obbedisce. Quindi la sovrana non può istigare (instradare) il suo popolo alla lettura, sovvertirebbe l'ordine naturale delle cose. Per governare si ha bisogno di un popolo …

Terremoto

Immagine
Dopo i brutti terremoti del 2013 ero finalmente riuscita a non avere più paura del terremoto. Mi ero tranquillizzata, e oggi? Una nuova scossa 4.1 con epicentro vicinissimo alla mia città.
Grazie al cielo oggi proprio all'ultimo ho deciso di venire al mare, di non stare in casa come avevo preventivato. E meno male! Qui sull'isola non abbiamo sentito niente. A parte che i gabbiani si sono ammutoliti, tutto è rimasto invariato. Ma in città la paura è stata tanta. Spero solo che sia paura e nessun danno.
Comunque me ne rimango al mare, non si sa mai, siamo all'aperto e chi sta meglio di noi? Speriamo bene, non ho tanta voglia di rivivere tutte quelle paure...

Un libro ambientato d'estate

Immagine
Immagino che ci sia l'imbarazzo della scelta in questo campo da Io non ho paura di Ammaniti, al Grande Gatsby di Scott Fitzgerald fino a Tre uomini in barca...
Ma io sceglierò Tempo d'Estate di Coetzee, questo libro è un'originale autobiografia del grande scrittore, ambientata in un'estate africana calda e depressa.

Venere di Milo

Immagine
Non ricordo neanche più il tempo che ho passato ad osservarla sul libro al Liceo. Quanto l'ammiravo! L'ho sempre trovata perfetta. E ricordo perfettamente quando l'ho incontrata per la prima volta al Louvre... ero rimasta sgomenta per i suoi piedi, così grandi! Questa scultura ha affascinato i grandi artisti sin dal suo arrivo a Parigi, come non citare Delacroix e Dalì? E chissà quanti altri giovani e anonimi artisti l'hanno ammirata e riprodotta per mero esercizio nel corso dei secoli.

La libreria dei desideri, Claire Ashby

Immagine
In questo periodo non sono in grado di leggere cose troppo complicate, mi mancano le letture impegnate sia chiaro, ma non riesco proprio a reggerle. Ho dovuto lasciare lì una di queste e dedicarmi a qualcosa di meno impegnativo per poter leggere comunque. Nel mio kobo ci sono quasi 600 libri e quella sera ho deciso di leggere qualcosa che avesse a che fare con una libreria e ho scelto questo.
E' stata una lettura piacevole che mi ha ricordato libri già letti. Io Prima di te della Moyes, anche se qui si parla di un veterano dell'Afganistan con una gamba sola e soprattutto c'è l'happy end. Ma anche Lo strano caso dell'apprendista libraia. Anche se questo l'ho trovato più divertente e naturalmente completo. Almeno questa storia termina decentemente. Mentre leggevo continuavano a venirmi in mente dei paragoni con altre storie e quindi mi son persa un po' la magia del libro in sé.
Sembra il tipico libro che ti serve quando ti è piaciuto immensamente un libro e …

The originals serie 4

Immagine
Ho scoperto solo ora che la quarta stagione di The Originals inizierà solo nel 2017, nella pausa delle altre serie della cw grazie ad un post su Instagram della stessa cw.
Sono rimasta sconvolta.
Più volte ho scritto che preferisco TO a The Vampire Diaries, ma veramente tanto di più. Solo che ora questo telefilm è in crisi e cercano di resuscitarlo in tutti i modi, sia con colpi di scena, a quanto pare tornerà Elena, sia con crossover con The Originals, più di uno a quanto pare è per fare questo è dare più risonanza ad entrambi andranno in onda nella pausa delle altre serie dopo le midseason finale delle altre serie.
Aspettiamo... Anche se sono delusa. Invece The vampire diaries andrà in onda il 21 ottobre, sempre al venerdì. Quindi save The date, in attesa di sapere quando inizierà Grey's Anatomy.
Penso che sia arrivata l'ora di appassionarsi ad altre serie... Ma non saprei neanche quale scegliere...

L'Italia al mare

Immagine
Finalmente il meteo ci ha concesso una bella giornata di sole e noi siamo andati all'isola a passare una bella giornata di sole. Oggi giocava l'Italia con la Svezia e noi ci siamo goduti la partita in spiaggia tutto insieme. Inutile dire che i bambini facevano avanti e indietro dal mare scuriosando ogni tanto il risultato. Papà e nonni invece erano attenti ed un loro urlo ha avvisato tutta la spiaggia del goal della vittoria. Bambini che salivano dal mare, mamme che lasciavano la loro sdraio per vedere il replay del goal. Insomma una bella festa in famiglia per vedere ancora una volta l'Italia vincere.

Un Favoloso appartamento a Parigi

Immagine
Era parecchio che avevo questo ebook nel kobo e visto che sono in vena di sole letture leggere in questo periodo, ho scelto di leggerlo. Mai mi sarei aspettata di trovare questa storia, di conoscere Marthe de Florian. 
Sinceramente mi chiedevo come mai ultimamente si fosse concertata l'attenzione degli addetti ai lavori su Boldini, artista della belle époque non molto presente sui manuali. Ci sono state importanti mostre, mi pare una l'anno scorso a Forlì. E solo ora, per caso ho intuito il perché. Grazie al ritrovamento reale del "favoloso appartamento" di Marthe de Florian e al ritratto che le fece Boldini, non conosciuto e poi venduto all'asta per 2 milioni di euro.  Due milioni non sono tanti, sia chiaro, Van Gogh, Picasso e Munch hanno battuto cifre sopra i 100 milioni, Gauguin e Cezanne sopra i 250 milioni di euro per farci un'idea. Uno che può essere paragonato a Boldini è per esempio Telemaco Signorini e lui è valutato sui 500 mila euro, quindi vende…

Un libro dove il protagonista fa il tuo stesso mestiere

Immagine
Sono un'insegnante quindi per questo punto devo trovare un libro che parli di un'insegnante come me.  A dire il vero non me ne viene in mente neanche uno, ma cercando in rete ho trovato:
Sala professori di Markus Orths

Frank Mc Court, Ehi, prof!

Luigi Meneghello scrive molte opere autobiografiche che riguardano anche la scuola, e credo che sia un buon motivo per scoprire questo autore.
Anche Daniel Pennac è un "mio collega" e  Diario di Scuola rientra in pieno in questo argomento, peccato che l'ho già letto.

Skopas, Menade Danzante

Immagine
Fino ad ora ho aggiunto a questa mia collezione privata opere che in quel determinato momento significavano qualcosa per me, magari perché le stavo spiegando in classe o perché stavo leggendo un libro. In seguito ho aggiunto due filoni tematici che mi hanno sempre affascinata: i baci e le donne in bianco. Ma di opere che amo fortemente ce ne sono poche.
La Menade danzante di Skopas è una scultura che mi è sempre piaciuta tantissimo sin dal Liceo. Non ho ancora avuto la fortuna di andare a Dresda ad ammirarla dal vivo e mi sono sempre accontentata delle fotografie.
La statua rappresenta una delle menadi, le fanciulle seguaci del dio Dioniso di cui ne celebravano il culto con cerimonie orgiastiche e danze forsennate al suono di flauti e tamburelli, al culmine delle quali aveva luogo il sacrificio di un capretto o di un capriolo, dilaniato a colpi di coltello e divorato crudo nel momento del parossismo estatico. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad una copia di età romana. Di q…

Massimo Recalcati, L'ora di Lezione

Immagine
Questo libro mi è stato consigliato durante il corso di formazione per l'immissione in ruolo. L'ho letto volentieri, anche se è molto specifico e decisamente solo per addetti ai lavori. Mi sono annotata moltissimi passi, importanti per la mia professione di insegnante, su cui voglio riflettere adeguatamente in futuro. L'idea di insegnante ideale che traccia è molto vicina al mio ideale, per questo questa lettura mi è stata molto utile sul piano professionale.
E' un libro ottimistico e pieno di fiducia, anche se la scuola italiana è davvero allo sfascio, e non so se gli insegnanti che sanno di far parte della scuola di Telemaco riusciranno a vincere. La scommessa è grande ma la posta in gioco lo è ancora di più, perché è la scuola che salverà il futuro. Se gli insegnanti mollano, non avremo futuro.
I temi sono davvero avvincenti e forse un giorno approfondirò anche la sua conoscenza leggendo altri suoi testi come "Il complesso di Telemaco".

Vittorino Andreoli, Corso di Sopravvivenza per genitori e insegnanti

Immagine
Questo libro mi è stato consigliato da una persona che avevo appena conosciuto, una collega, durante un corso di formazione. L'ho letto perché faceva parte della bibliografia usata per il corso, che mi è piaciuto tantissimo e che ho trovato utile per la mia professionalità.
Lo ammetto, dopo la SSIS non ho più aperto un libro di didattica perché ne avevo la nausea. Mi avevano inculcato tante cose nella testa che non hanno trovato applicazione concreta nel mio lavoro e per questo ne sono rifuggita. Ma quando è un collega a consigliarti una lettura sorge spontaneo dire: "perché no?"
L'ho letto sull'iphone nei momenti di libertà, ho sottolineato dei passi che ho trovato interessanti. 
Ne ho apprezzato molte parti e con altre non sono d'accordo, come la riflessione finale sulla necessità di non bocciare durante la scuola dell'obbligo. Oggi per obbligo in Italia si intende fino al compimento del 16° anno di età. Ecco io credo invece che sia utile fermare i rag…

Un libro uscito nel 2016

Immagine
Ormai siamo nel II semestre del 2016 e non è difficile trovare un libro da leggere tra quelli usciti nel I semestre, sono veramente tanti.
Se ancora non li avete letto ci sono : 

DOPO DI TE di JoJo MoyesScrivere è un mestiere pericoloso, di Alice Basso Porcelain. Storia della mia vita, di Moby “La meraviglia degli anni imperfetti” di Clara Sanchez“ADESSO” di Chiara Gamberale“Purity” di Jonathan Franzen“Before” di Anna ToddLife and death di Stephanie MeyerI frutti del Vento di Tracy Chavalier di questi ne leggerò almeno 4... e due li ho già letti, Before e Life and Death e poi chissà quali non mi sono venuti in mente

Il Partenone

Immagine
Oggi aggiungo alla mia webgallery il Partenone, il tempio per eccellenza.  Quel è il motivo?  Ho tantissima voglia di Grecia. L'estate stamattina si è finalmente affacciata sulla mia città, è una splendida giornata di sole, il mare mi aspetta e la voglia di vacanze è tanta. Vorrei progettare un bel viaggio in Grecia, ma non so ancora quando potrò allontanarmi dalla città e sogno quindi l'emblema della Grecia stessa ovvero il Partenone.
Non mi perderò in una descrizione artistica, quante ce ne sono nel web, ma in un ricordo, quando l'ho visto per la prima volta. Ero così delusa dalla grande metropoli che era Atene: calda, trafficata e sporca, mentre lui svettava candido sull'acropoli nella sua bellezza infinita. Lo ammiravo estasiata dalla terrazza dell'hotel come simbolo di perfezione che si ergeva dal marasma della modernità.
E poi come dimenticare l'ascesa all'acropoli, l'emozione che saliva, la sindrome di Stendhal da domare...


Gli occhiali d'oro, Giorgio Bassani

Immagine
Ogni tanto leggo anche qualcosa di serio e impegnato. Sapete qual è la differenza tra un libro serio e un libro di poco valore? Il libro serio ti invade e poi ti perseguita per giorni e giorni, ti insegue anche quando lo hai finito. Le domande ti sorgono spontanee dal nulla e il pensiero si posa sempre lì.
Il libro fa parte di un ciclo. Ultimamente adoro le saghe e anche questo può rientrare nel genere. Naturalmente ho sbagliato. Il primo libro del ciclo è un altro, questo è il secondo. Ma il bello dei cicli è che puoi leggere un libro oppure un altro e nulla cambia. Fa parte di questo ciclo anche Il giardino dei Finzi - Contini, già letto e già amato che non ha per niente disturbato la lettura di questo libro, agile e veloce che contiene grandissimi temi, trattati con distacco e malinconia, ma che fanno riflettere moltissimo. Il tema centrale non è la persecuzione Razziale, ma l'omosessualità del dottor Fadigati, perseguitato non per la sua religione ma per la sua scelta omosess…

La mia sulle recensioni

Immagine
Quando ho deciso di scrivere su quello che leggevo ho deciso di dare semplicemente il mio parere, di non costruire una vera e propria recensione (il web ne è pieno) ma lasciare semplicemente traccia di quello che ho provato.

Nessuno mi regala libri. Le case editrici non mi hanno mai mandato nulla gratis, sono io che scelgo cosa e quando leggere un libro. Mi ha fatto piacere quando qualcuna leggendo le mie emozioni ha scelto di leggere proprio quel libro e in qualche modo me lo ha fatto sapere.
La mia missione principale è quella di far amare la lettura. Nel mondo reale ci riesco spesso, e anche in quello virtuale raccolgo frutti, ed è questo quello che mi fa stare bene.

Leggere è importante,  credo che sia utile anche leggere cose facili, divertenti perché leggere deve essere piacere puro e divertimento. Se ti imponi di leggere solo cose alte e difficili è certo che prima o poi lasci, non mantieni il ritmo. Devi essere capace di lasciarti andare, di lasciarti portare dovei tuoi gusti…

I tre moschettieri

Immagine
Ogni tanto mi capita di guardare un film... ho messo da parte alcuni dvd da vedere con le bambine, dopo gli esperimenti con i film basati sui romanzi di Jane Austen, ieri sera ho provato con questo adattamento da Dumas del 2011, scelto anche per la presenza di Orlando Bloom.
Dopo 10 minuti volevo toglierlo. 
Non sono riuscita a prestarvi attenzione. Dumas in versione Kill Bill è inaccettabile. Ho amato i romanzi di Dumas, ho letto sia I tre moschettieri, Vent'anni dopo e Il visconte di Bragellone quasi tutti d'un fiato. Ho un idea di D'Artagnan e dei moschettieri del re molto diversa da quella dello sceneggiatore. La Viky si è anche divertita, ma I Moschettieri su di un vascello volante nel XVII secolo proprio non si possono vedere. Poi tutto ambientato a Versailles... quando il Luigi in questione è il XII e non il XIV...
Insomma se avete letto il libro, questo film vi deluderà, ma vi deluderà in ogni modo, i tre moschettieri sono troppo presenti nell'immaginario per …

Onyx, Jennifer L. Armentrout

Immagine
La voglia di lasciare qui questa serie è molto forte. Ho letto 3 libri e sono stufa. Mi pare un libro per tredicenni e sinceramente mi stanno annoiando davvero. Magari con un po' di pausa ritroverò il gusto e la voglia di finirlo. La storia fra Daemon e Kat proprio non mi prende, forse perché assomiglia troppo a cose già lette? 
Non posso dire moltissimo su questo libro, anzi non posso dire niente. Mi ha lasciata assolutamente imparziale, anzi fra un paio di settimane dimenticherò perfino di averlo letto.

Un Grapich novel

Immagine
Non ho mai letto un fumetto che non sia stato Dylan Dog oppure Topolino, ma quest'anno volevo leggere il Grapich Novel di Vampire Accademy, una serie che ho molto amato.


E devo dire che questa può essere un occasione per iniziare a leggere in Inglese.

Marthe de Florian

Immagine
Aggiungo alla mia webgallery personale anche questo ritratto "ritrovato" di Boldini, Marthe de Florian.  Marthe è ritratta nel pieno della sua bellezza, in un abito rosa seduta su un divano in una posa sensuale.
Nel 2010 fu ritrovato a Parigi un appartamento chiuso da ben 70 anni contenente moltissimi oggetti d'arte e di valore, quello che rese spettacolare il ritrovamento fu questo dipinto di Boldini, non menzionato negli elenchi ufficiali in quanto dono dello stesso pittore alla sua amante.
Marthe de Florian non è che una delle tante cortigiane parigine di cui possiamo trovare narrata la vicenda in Nanà di Zola.  Perché l'ho ripresa? Perché mi è capitato tra le mani un libro intitolato "Un favoloso appartamento a Parigi" credendo fosse un Romance qualsiasi... e invece? E invece mi sta facendo scoprire un altro tassello della belle époque che tanto mi piace.