Gauguin, Te Rerioa


La madre seduta quasi al centro dell'opera guarda assorta verso lo spettatore, ma non ci vede, è assorta. In basso a sinistra la culla della bambina che dorme e le pareti tutte intorno non sono decorate ma ci svelano i sogni della figura assorta, perché il sogno non è solo rivelatore dell'inconscio in senso Freudiano, ma è anche la chiave per entrare in un altro mondo e Gauguin svela l'altro mondo, il mondo sognato sulle pareti della stanza per rivelarcelo.

Gauguin sogna costantemente un altro mondo, per lui il mondo lontano e perduto è Thaiti.
Il suo sogno è il mio, Thaiti. Un giorno ci andrò con i suoi scritti in mano accompagnata da gente del posto per toccare con mano la magia che lo ha attratto agli antipodi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Mal di testa

Il Profeta

Sui luoghi perduti e ritrovati