Il secolo lungo della Modernità


Pian piano ho comprato tutti i libri di Daverio e altrettanto piano piano li sto leggendo. 
Li adoro.
Adoro il suo punto di vista, adoro come racconta gli eventi. Adoro ogni singola parola. 

Lo consiglio vivamente a chi vuole conoscere l'arte dell'800: credo che sia un ottimo punto di partenza. Lo stile è colloquiale ma mai banale, e per chi già conosce protagonisti e storie durante la lettura avrà modo di approfondire e di meditare.




In questo libro Philippe Daverio ci accompagna alla scoperta dell'età moderna, ovvero del Secolo Lungo che parte dalla Rivoluzione francese e finisce nella catastrofe della Prima guerra mondiale. Questo volume affronta i temi più importanti della modernità attraverso oltre seicento opere d'arte raccolte tematicamente per vettori storici: quello politico, da Delacroix e Géròme al Quarto stato di Pellizza da Volpedo; quello della macchina e del lavoro, da Turner a Courbet e a Boccioni; quello della fuga dalla realtà nella dolce vita della Belle Epoque, nell'esotismo e nel sogno - da Tissot a Manet, da Dante Gabriel Rossetti a Fortuny, Gauguin e Van Gogh -, fino al Simbolismo e all'Art Nouveau. Fra i padiglioni e le sale del museo sono previste anche soste in locali e ristoranti a tema, dove si immagina di sorseggiare un caffè o gustare un pranzo circondati dalle opere dei Macchiaioli al Caffè Michelangelo, e degli Impressionisti alla Closerie des Lilas. Un gioco serio, che scardina il nostro abituale punto di vista e ci fa ritrovare il gusto di guardare la pittura e leggere il nostro passato guidati dalla penna più impertinente d'Italia.

Commenti

  1. Li ho anche io tutti e soltanto uno non autografato :(
    Lo adoro anch'io perché sa raccontare l'arte immergendola perfettamente nel suo tempo con rimandi storici dotti.
    Buona lettura.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Non siamo dei falliti

I viaggi del 2018

POP Sugar Reading Challenge 2018