Tornare a casa


E appena varchi il portellone dell'aereo il caldo ti assale, 25 gradi di differenza sono tanti. La luce del sole che ti bacia, il cielo terso dell'Italia ti saluta: ben tornata a casa.
E tiri un sospiro di sollievo perché non ne potevi più di quel freddo e di quella luce che non illumina.

E a casa ti attende il tuo comodissimo letto. I tuoi cuscini. Le tue stanze illuminate.

Peró che disordine, che secco in giro. Terra marrone, erba gialla, campagna disordinata, traffico, semplicemente Italia.

Commenti

Post popolari in questo blog

L'Angelo Nero, Tabucchi

La scuola è finita

Mal di testa