Feria d'Agosto, Cesare Pavese


Quando compro i libri al mercato dell'usato prendo di tutto, prendo ogni qualsiasi cosa mi capiti sottomano e che in qualche modo attiri la mia attenzione.

Erano anni che non leggevo un libro di Pavese e l'ho trovato entusiasmante.
Ritrovare una prosa limpida, evocativa e mai superflua è stata una pura emozione.
E poi i temi... il tempo ormai andato, di ragazzi che correvano su e giù per le colline, di un tempo in cui tutto era più facile e meno equivoco.

Ritrovare i grandi della letteratura Italiana del secolo scorso è un viaggio affascinante che non voglio far finire.


Racconti colmi di incanti sommessi, una prosa attenta e precisa in un libro che è un inventario dei temi piú cari di Cesare Pavese: il mito innocente e selvaggio che si svela nella campagna, la solitudine metropolitana, l'io fanciullo e la memoria dell'infanzia, le contraddizioni che rimandano ai valori archetipi dell'esistere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Felicità

Benvenuti a casa mia

It's a hard life