Il Diario di Eve Rosser


Sono alla costante ricerca di nuovi ed interessanti libri sui vampiri ed esplorando ho trovato questa serie chiamata i Vampiri di Morganville scritta da Rachel Caine e strutturata in più di 15 capitoli ma ahimè in Italiano sono stati tradotti solo 4 libri.

Il diario di Eve Rosser è il primo capitolo, ma non so se andrò avanti nella lettura della saga, l'argomento non è dei più felici, per me intendo, i vampiri non sono i buoni e i belli in questa serie, ma cattivi e spietati, comandano la cittadina di Morganville e tutti devono sottostare ai loro sopprusi.
Non sono i vampiri che cerco. E nemmeno gli Hunter's Vampire che mi hanno appassionata in alcuni casi. Anche se so che una serie strutturata su 15 libri non si può giudicare sul primo volume, ma a mio avviso leggerne solo 4 su 15 è ugualmente troppo poco.
Proprio per questo motivo credo che lascerò perdere, ma non si sa mai, chissà in una sera di noia prenderò in mano anche il secondo capitolo.






Claire Danvers è una matricola del college di Morganville, nel Texas. È appena arrivata nel dormitorio femminile e già le sembra un incubo: le ragazze più popolari dell'università l'hanno presa di mira, e passano velocemente dai piccoli rispetti alle minacce, fino ad arrivare alla violenza fisica. Cercando un rifugio fuori dal campus, Claire si ritrova a Glass House, un'antica e imponente casa dove vivono tre ragazzi: Eve, una barista dark; Shane, un tipo affascinante esperto di cucina messicana; Michael, il proprietario della villa, il quale nasconde un grande segreto che lo lega alla luce del sole e alle mura che lo circondano. I nuovi coinquilini diventano subito amici di Claire, si alleano con lei, la difendono dalle molestie e la mettono in guardia dai pericoli della città. Perché Morganville ha delle regole ben precise, nasconde una storia oscura e tormentata fatta di patti e sangue, e ogni passo falso può costare la vita a chi si avventura per le strade quando cala il buio, senza nessun tipo di protezione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Una visita a Torino

Paola Calvetti, Gli Innocenti

Manchester... e il prossimo?