Le parole del giorno: populismo e morte dignitosa

L'Italia è il paese dei balocchi dove tutto è possibile. Ma non possibile in senso buono, in senso giusto, ma in senso assurdo dove l'assurdo diventa realtà. Dove una persona si arroga il diritto di far saltare in Aria le persone e sciogliere nell'acido altre manco fosse il creatore e poi chiede una morte dignitosa tra le braccia dei suoi cari. Di fronte alla comune indigniazione c'è chi dice che morire con dignità è sancito per costituzione e negarla è populismo. Ogni qual volta qualcuno insorge si parla di populismo e mai di buon senso. Io credo che in Italia si sia perso il buon senso, che viga semplicemente il tutto contro tutti. Tu politico fai una legge? (Anche il 41bis) bene io ho il diritto di trovare un giudice che la metta in discussione e oggigiorno si trovano! Quindi in Italia vale la legge del più forte non la costituzione. Bernardo Provenzano può essere quasi in stato vegetativo in 41 bis, Totò Riina no. Così io commetto un delitto ma ho culo e la passo liscia e il povero innocente per colpa della burocrazia rimane in carcere 20 anni. È questa l'Italia, e sinceramente mi fa schifo.
D'altronde non so neanche da che parte iniziare per riuscire a cambiare le cose, se non emigrare in un paese dove le cose sembrano andare meglio.
Oggi sono proprio arrabbiata, come tanti Italiani.

Commenti

  1. Per me è già assurdo che qualcuno si preoccupi della fine che fanno alcuni, metterci in moto tutte queste discussioni poi...

    RispondiElimina
  2. Per alcuni bisognerebbe solo buttare via la chiave

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La leggenda del Santo bevitore

La piccola bottega dei ricordi, Annelise Corbrion

la quinta elementare