Sui luoghi perduti e ritrovati

Con le bambine frequento lo stesso stabilimento balneare di quando ero piccola, solo che allora era organizzato diversamente, e vagamente ricordo ancora com'era. Oggi ne rimangono solo ruderi di questa parte alta e con la Viki siamo andati a rivederli, in un attimo di noia. Oggi funziona solo la parte bassa, quella a mare, con le cabine piccole, il bar e la piscina, mentre anni fa esisteva una parte alta con la mensa e le così dette cabine grandi che erano vere e proprie stanze dotate di letti e di angolo cottura  dove volendo ci si arrangiava anche la notte per settimane intere. Forse negli anni 80 si era più spartani e ci si accontentava, forse si avevano meno pretese, meno soldi, non so, ma mio padre prendeva questa cabina grande e la usavamo per la villeggiatura di luglio che doveva essere fatta al mare a quei tempi. Cosa darei oggi per avere quella cabina grande! Una stanza con 4 letti e un angolo cottura me la farei bastare eccome! Condividerei anche il bagno, con altre 4 famiglie, non mi farei di certo dei problemi, siamo spartani e molto wild ultimamente, il tempo dei resort è finito. Abbiamo solo voglia di lunghissime vacanze e pochissimi soldi.
Mentre rievocavo questa mia infanzia perduta e mi rivedevo proprio fra quelle rovine con i miei nonni sono stata avvicinata da una volontaria che mi ha invitata a visitare la vicina batteria ( http://dallapartedeiforti.weebly.com/) sono rimasta un po' stupita perché ero in costume e non avevo niente con me, ma questi volontari erano molto disponibili e per nulla ci hanno spiegato la storia del forte. Così io e Vittoria abbiamo avuto il nostro momento di serendipidità, cercavamo la mia infanzia e abbiamo visitato il forte che di solito è sempre chiuso e non si può mai visitare, veramente io c'ero andata da piccola, ma ho sempre ricordi molto vaghi , avevo comunque sempre meno di 5 anni. Ci hanno spiegato tutto il sistema di protezione militare del golfo,  come funzionavano le difese terrestri e come sono cadute in disuso con la guerra aerea. La storia militare è molto affascinante, e la mia città ne è pregna, e credo che questa dovrebbe essere una risorsa. Siamo pieni di fortini, batterie, caserme, castelli e quant'altro e sono bellissimi da visitare, tanto quanto un museo. Se non di più . Mi stupisco sempre dell'alta ingegneria ottocentesca, e ancor di più di quella precedente, se paragonata a quella odierna che non regge proprio niente.
Così ho anche scoperto che probabilmente la mia isola rimarrà wild, così come piace a noi, speriamo, davvero.
(Spiare questo affollamento da un angolo selvaggio è sempre una vera goduria!)

Commenti

Post popolari in questo blog

sognando le vacanze che non farò

La seconda prova di maturità

Un libro con il nome di un personaggio nel titolo