La piscina naturale

Oggi tra Portovenere e la Palmaria era un giorno speciale, è stato chiuso il canale e si poteva andare a nuoto da una riva all'altra. Non un'impresa eccezionale, ma sempre una cosa abbastanza impegnativa. La scrivente, antisport per natura ci ha provato e non ci è riuscita, vuoi perché ha paura dei pesci, vuoi perché comunque la corrente è molto forte, vuoi la mia scarsa voglia di riuscire nell'impresa. Oggi c'era molta gente e io non mi sono neanche avvicinata al luogo, preferisco andarci gli altri giorni quando è meno affollato, però è bello vedere come un'iniziativa semplice riesca ad attrarre così tanta gente. Il tratto di mare è splendido e davvero merita una nuotata è un po' di snorkeling pertanto vi aspetto tutti il 26 Agosto, giorno in cui l'iniziativa si ripete, perché una nuotata nel canale  una volta nella vita va fatta. Ne vale la pena. Qui non ci sono spiagge, solo scogli. Portatevi solo lo stretto indispensabile: un asciugamano, un materassino gonfiabile. Qualche euro per comprarvi un panino con le acciughe  oppure coi muscoli (quelle che voi chiamate cozze).

Commenti

  1. Mi segno la data... hai visto mai...
    Ma se uno nuota col salvagente o attaccato alla tavola ci arriva all'isola, o la corrente è troppo forte e ti porta via? nella foto vedo molti salvagenti... Atapo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ci sono riuscita, ma ci ho provato una sola volta e senza niente e non ci ho mai più riprovato. Ieri la corrente era molto forte e non ci sono riusciti in molti ma erano presenti molti cani e molti mezzi di salvataggio. Molti la fanno agevolmente con un supporto come un salvagente o un materassino. Oggi per esempio non c'era corrente e si sarebbe potuto fare agevolmente senza fatica, dipende tanto dalle condizioni del mare. Ieri invece la corrente era veramente forte.

      Elimina
    2. I bambini della mia amica sono stati recuperati dalla moto d'acqua della polizia e trainati a riva, si sono divertiti un sacco, se ti vedono in affanno qualcuno ti aiuta.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La leggenda del Santo bevitore

La piccola bottega dei ricordi, Annelise Corbrion

la quinta elementare