le immagini che non vorresti vedere, le parole che non vorresti scrivere

Avevo deciso che non sarei andata in vacanza anche per evitare di trovarmi in situazioni del genere. La paura era troppa. Negli ultimi mesi avevo creduto che mi ero fatta influenzare troppo dalla tv, che il pericolo non era reale, che mi ero lasciata suggestionare.
Scegliere di passare le vacanze fra la Palmaria e il mio piccolo paese in Lunigiana era stata una scelta troppo radicale, invece oggi mi rendo conto che tutto sommato ho fatto bene. Il pericolo infondo è reale. E' successo di nuvo. La città è un'altra, il modo di operare lo stesso. Un furgone lanciato sui turisti inermi. Morti, feriti. Una cosa che nemmeno ti aspetti e ti accade.
Mi sono vista io lì 6 anni fa con Rachele nella fascia che ciucciava il latte mentre io tranquilla percorrevo la Rambla... e poi le immagini della gente per terra, il sangue, la gente chiusa nei negozi per salvarsi...

Questo mondo proprio non mi piace.
No, per niente.

Commenti

Post popolari in questo blog

E se stasera l'Italia perde?

Sognare

Ma le stelle quante sono, Giulia Carcasi