Nulla, solo la notte

Dopo Stoner, non potevo mancare. Inevitabilmente ho adorato anche questo libro.
Mentre lo leggevo mi dicevo: " devo rivedere la mia posizione sull'uso degli aggettivi, non posso essere totalmente contro l'abuso di essi, devo essere contro il cattivo uso che ne fanno i cattivi scrittori, perchè a volte due aggettivi insieme fanno poesia, non riempimento di piagine".

E come tutti i bei libri semplicementi vanno letti, potrei scriverne qui il riassunto, l'analisi, ma rovinerei la sorpresa. Il libro è poetico, emozionante, intrigante, un buon libro che rimane sospeso nella mente per giorni, un libro che vale, un libro che merita di essere letto e posseduto, di carta ovviamente. Ogni parola è misurata, evocativa, al posto giusto. Il tipo di libro che piace a me. Dall'inizio alla fine.

Commenti

Post popolari in questo blog

E se stasera l'Italia perde?

Sognare

Ma le stelle quante sono, Giulia Carcasi