Un'estate come negli anni 80


Questa mia estate 2017 potrebbe benissimo essere stata una qualsiasi estate a caso degli anni 80, i luoghi sono stati esattamente gli stessi, sono cambiati gli attori, i giorni passati in una località piuttosto che in un'altra sono stati diversi, ma i luoghi sono stati quelli. Non l'ho fatto a posta è capitato.
La nostra estate è iniziata con un week ed a San Vincenzo, alla costa degli Etruschi in un Agriturismo. Per qualche anno è capitato che la mia famiglia andasse in campeggio per 15 giorni tra Cecina e San Vincenzo per le vacanze estive. Noi non siamo tipi da tende, troppo comodi, tipi da resort, quindi un soggiorno tra agriturismo e terme è il nostro standard. Negli anni 80 queste cose non usavano. Mentre i miei genitori erano scout e alla tenda erano abituati, noi davvero per niente.
Poi ci siamo fatti tanto mare, l'isola è sempre la solita, la Palmaria, quella non si cambia mai.
Per sfuggire alla calura estiva che in questo 2017 ha messo a dura prova anche una freddolosa come me ci siamo rintanati sui miei monti in Lunigiana. Da piccola ci passavo gran parte dell'estate con i nonni, almeno due mesi su tre, quest'anno ci abbiamo passato almeno 15 giorni su due mesi e mezzo di mie ferie e per me sono stati una vera boccata di ossigeno nel viale dei ricordi.
Nessun altro viaggio. Nessuna vacanza all'estero. Nessuna visita in una grande città proprio come quando io ero piccola. Una estate come negli anni 80.
Ieri ho letto che ci dobbiamo abituare ad una vita di attacchi come a Barcellona e Londra era tutti quelli che si sono susseguiti in questi ultimi mesi, ma io non ci riesco. Preferisco abituarmi in questo modo, ad un ritorno alle origini, ad una vita come la conoscevo prima. A parte che poi a Febbraio sono comunque andata alle Canarie e ci tornerò comunque a febbraio 2018 nonostante l'Isis. Non andrò in Egitto per il momento questo è vero, però per il momento preferisco esplorare tutte le Canarie, poi si vedrà.
Forse sbaglio, comunque penso che le mie bambine sono ancora troppo piccole per visitare una capitale o una grande città e per scappare di fronte ad un pericolo. Se questa è davvero la normalità e mi ci devo abituare, voglio che loro siano abbastanza grandi per poter scappare. Ora non lo sono e io preferisco vivere come negli anni ottanta.

Commenti

Post popolari in questo blog

E se stasera l'Italia perde?

Sognare

Ma le stelle quante sono, Giulia Carcasi