1. Un libro che ha ispirato un film che hai già visto

Quest'anno la Challenge di Pop Sugar è molto bella. Fino a ieri mi sono trattenuta anche dal solo leggerla perchè non volevo anticiparmi proprio niente, anche se non nascondo che mi stavo tenendo già alcuni libri da parte proprio per Gennaio.

Da qualche anno a questa parte non guardo mai un film prima di aver letto il libro, anzi prima di vedere un film prima mi informo se ne esiste il libro e poi finisce che ne leggo tutti i libri e non vedo mai i film. Però in passato è accaduto che ho visto dei film e solo in seguito ho scoperto che esisteva anche il libro, come per esempio La Storia infinita di Micheal Ende. Quando ho visto il film non leggevo ancora e non sapevo neanche che i film si ispirassero ai libri. Questo libro è nelle mie TBR da anni ormai e questa è l'occasione giusta per leggerlo.
Ma non è di certo l'unico che ho trovato nelle mie infinite liste, c'è anche Il diavolo veste Prada, comprato anni fa e mai letto, a dire il vero non saprei neanche dov'è, è un po' che l'ho perso di vista perso fra i volumi della mia libreria, ma ho circa 360 giorni per ritrovarlo. Anche se ho letto recensioni contrastanti, dove dicono che il libro non sia assolutamente all'altezza del film, e ciò lo rende davvero interessante.
Sempre sperso nella sezione fantasy della mia libreria c'è InkHeart di Cornelia Funke, di cui non ricordo assolutamente il film anche se so di averlo visto.
Per aumentare la mia lista mi sono appuntata anche Robin Hood di Dumas padre, visto in ogni salsa, mi manca di leggerlo, anche se nei miei studi di letterature medievali sicuramente qualcosa di riconducibile alla leggenda di Robin Hood ho già letto.
Due libri, che aggiungo e so che tanto non leggerò mai in questo 2018, anche se mai dire mai, sono Anna Karenina di Tolstoj di cui ho visto il film perchè sapevo che non sarei mai riuscita a leggere il romanzo e devo dire che lastoria non mi è piaciuta nemmeno sullo schermo, e Via col Vento film che ho visto giusto perchè dovevo vedere, ma mi sono addormentata più volte e non penso che il libro potrebbe essere interessante a questo punto. poi posso confessarlo, Via col vento mi fa paura perchè è enorme, troppe pagine. I libri così alti mi spaventano.

Commenti

Post popolari in questo blog

Colazione da Pandora

la quinta elementare

Non siamo dei falliti

Campioni di generosità

Stelle Nere

Con chi vorrei andare a letto stasera

L'Olpe Chigi e il Museo di Villa Giulia

Roma a sangue freddo