Pensieri e parole

Ennesimo libro letto. È stato un libro curioso ma ripetitivo. Alcune affermazioni di Freddie Mercury erano curiose e interessanti, altre estremamente ripetitive. Però alla fine è stata una lettura agile. Come dice la mia Gertrude non bisogna leggere solo libri belli ma anche quelli brutti e quelli insignificanti. Ogni libro ha il duo particolare momento. Ora sono perduta nella lost generation e null'altro mi appare accettabile. Ma devo centellinare questa bellezza in quanto questa non è infinita ma finita in quanto sono tutti morti.

Il mio bisnonno Giuanin in qualche modo apparteneva alla generazione perduta... era nato negli anni 90 e aveva fatto la guerra. La prima ovviamente.
Ma quello che so di lui è talmente poco che non posso davvero pensare che sia uno di loro. Ma Hemingway che odiava le etichette dice che a suo modo ogni generazione è perduta.  Invece io non mi sento perduta semmai arresa. Ecco arresa. Arresa agli eventi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Mal d'Africa

E se stasera l'Italia perde?

Sognare