Passa ai contenuti principali

Post

Un'ottima proposta

Qualche giorno fa ho letto su orizzonte scuola un articolo ripreso da una proposta lanciata dal corriere della sera, che proponeva una cosa meravigliosa per noi insegnanti, ovvero una specie di percorso di carriera che preveda a partire dai 50 anni un semi esonero nella scuola superiore per essere mandati all'università come ricercatori, sia nell'ambito dell'innovazione didattica, sia nel campo della disciplina sia nel campo della formazione dei docenti. Per me sarebbe davvero una proposta magnifica, Inutile dirvi che troverei davvero importante poter tornare all'università come ricercatore. Tutti gli ambiti di minteressano, anche se preferirei prendere parte alla formazione di nuovi insegnanti. Quest'anno sono stata tutor di una collega neo immenssa e mi è piaciuto parlare e discutere con lei in ambiti professionali, lo scambio di idee mi ha dato nuovi spunti per il prossimo anno e mi ha spinta verso nuove riflessioni professionali. Trovo l'idea davvero accaa…
Post recenti

The season finale in Seattle

Quando andrò negli Stati Uniti sicuramente passerò da Seattle. Centro delle mie serie preferite, devo assolutamente visitarla. Questa settimana sono terminati sia Grey’s Anatomy che Station 19. Nessun finale cruento, nessuna morte. Tutto incentrato su questioni giudiziarie e amori, nessun finale catastrofico come nelle passate serie, meglio, ma quale curiosità mi porterà fino ad ottobre? Meredith verrà arrestata? Jackson che fine avrà fatto? Jo uscirà dalla psichiatria? Sono domande a cui posso tranquillamente dare una risposta e non destano in me molto curiosità. Decisamente più interessante il finale di Station 19. Più che altro per gli intrecci amorosi, decisamente più interessanti che quelli dì Grey’s. Uno per tutti Sullivan ed Herrera. Anzi è super interessante tutta la storia di Herrera. Poi gli altri fanno solo da corona.
Cosa guarderò quest’estate?  Mi sposto a Los Angeles, meglio a Beverly Hills. Sto riguardando tutte e 10 le stagioni originali in attesa delle nuove puntate …

Riflettere su me stessa

Il gesto estremo compiuto da G. Mi ha portato a lunghe riflessioni, su me stessa, sul mio periodo di depressione, sul mio attuale stato, sul mio essere insegnate e su quello che voglio essere e su cosa voglio dal mio futuro. Che questo gesto sia avvenuto 10 giorni dopo il mio compleanno mi ha portato a fare anche dei bilanci. Appena laureata  la mia missione era insegnare ai professionali perché volevo essere colei che insegnava a chi non aveva opportunità, colei in grado di cambiare un ragazzo. Ai professionali ho insegnato per sei anni su tredici di carriera e ho toccato con mano quanto questa missione, seppur nobile, richieda troppa parte di te per essere svolta. Lo scorso anno ho deciso di abbandonare e chiedere trasferimento perché ero troppo coinvolta nelle loro storie e non riuscivo ad aiutarli perché ero io la prima ad avere bisogno di aiuto. Le loro storie mi coinvolgevano troppo emotivamente e stavo troppo male, non nascondo che se fossi stata l’insegnante di G. Come lo sco…

Crepuscolo, Kent Haruf

In Robin Hood della Walt Disney la topina, moglie del sacrestano dice a Fra Tuck "Lo conservavamo per un giorno di pioggia" e da una moneta per i poveri al Frate. Così anch'io ho dei libri che "conservo " per i tempi duri, quando sono disperata e non ho niente di bello da leggere per trovare un po' di consolazione.  Con Kent Haruf vado sul sicuro, è sicuramente nell'olimpo dei miei scrittori e non sbaglia un colpo. Semmai io ho sbagliato a leggere l'ordine della trilogia della pianura, lasciando Crepuscolo, che è il secondo libro, per ultimo. Poco male, perchè tutti i libri di Haruf parlano di Holt e dei suoi cittadini e le storie si intrecciano e bene o male non ho commesso un grande danno.
Mi piace tantissimo la scrittura ascitta di Haruf, è scritto esattamente come vorrei fosse scritto ogni libro. L'ho decisamente amato dall'inizio alla fine.

Immenso dolore

Oggi ho avuto una terribile notizia, una mia alunna ha deciso di porre fine alla propria vita. Quando l’ho saputo mi è mancato il fiato, la terra sotto i piedi.  Una ragazza con tanta tristezza, una vita difficile, e forse nessuno che le è stato accanto. Io non so cosa dire o cosa fare. Se fossi stata ancora la sua professoressa non avrei retto. Non sarei riuscita ad uscirne. Ne sono così profondamente addolorata che non riesco a pensare ad altro.  Adoravo quella classe, ho un ricordo bellissimo di tutte le ragazze, una per una. Lei era la migliore, la più brava. In questo momento non è retorica, ma realtà . Forse ho parlato di lei in queste pagine è proprio ieri la pensavo, mi sono trovata a pensarla, ora che si avvicinava la maturità.  Che dire... sono svuotata dentro. Non ho parole. Solo mancamenti. Spero solo che riposi in pace.

3, 2 ,1 ... Vacanze estive

Quest'estate andremo in vacanza! E ho già prenotato!
Con una coppia di amici abbiamo prenotato una settimana in Sardegna, eravamo partiti da un viaggio a Cuba, siamo passati poi ad crociera nelle isole greche ma per problemi di buget ci siamo trovati in Sardegna, insomma abbiamo fatto il giro del mondo per poi sistemarci in Italia. Solo io sono stata in Sardegna, ma dalle parti di Oristano, mentre stavolta andremo in Gallura.
A forza di cercare abbiamo trovato un prezzaccio in una struttura a tre stelle immersa nella natura, un posto un po' rude stando ai giudizi di che c'è stato, ma noi siamo liguri e sapremo adattarci. Siamo abituati a scarpinare per avere un pezzo di mare, la poseidonia non ci spaventa, anzi siamo abituati al mare ricco di poseidonia, ricordiamoci che è un bioindicatore e sarebbe auspicabile trovarla in ogni spiaggia. Ombrellone e sdraio? Possiamo farne a meno, a noi basta uno scoglio.
La cosa che ci interessa di questa vacanza è stare insieme, divertir…

L'orgia di Praga

Lo devo ammettere, questo libro di Roth non mi è piaciuto. Lo sento così diverso dagli altri e non saprei neanche esprimere un giudizio o una critica.
Generalmente quando mi trovo così spiazziata di fronte un testo mi dico sempre : "Non ho capito cosa voleva dire", innvece mio malgrado devo ricredermi perchè il messaggio anti sovietico e liberticida l'ho capito e l'ho capito benissimo, solo che... mi ha lasciata con l'amaro in bocca. Ma leggendo qua e là questo libro ha lasciato tutti un po' frastornati. L'idea che me ne sono fatta è una ma potrei sbagliarmi di grosso, spesso viene osannato il comunismo come grande movimento culturale, ma poi alla fine non è che un "ismo", è una dittatura. Quando gli intellettuali ne vengono a diretta conoscenza non riescono a scindere il comunismo ideale e letterario da quelo reale e dittatoriale e il disincanto si manifesta in testi come questo.  testi freddi e vuoti che devono dire che non c'è nulla di b…

Station 19

Prima del 2012 non sarei mai riuscita a vedere una serie come questa.  Mi sarebbe salita un’ansia indescrivibile, mi avrebbe tolto il sonno. Prima del 2012 mio marito era un pompiere operativo che ogni giorno poteva trovarsi in situazioni simili. Io non ho mai voluto sapere cosa accadeva al lavoro nel particolare perché lo sapevo che ogni intervento era potenzialmente pericoloso e perfino mortale. Le sue telefonate dal pronto soccorso erano in qualche modo rassicuranti, perché se chiamava lui non si era poi fatto così male. Poi è arrivato anche il giorno che dal pronto soccorso non è riuscito a telefonare, perché ci è arrivato semi cosciente . E Poi tutta la nostra vita è cambiata. A volte quando guardo questo telefilm un po’ di ansia mi sale lo stesso. Situazioni che ho già vissuto, cose che mi dico “per fortuna non accadrà più”. Oppure situazioni che ho vissuto in prima persona, che sul piccolo schermo mi tolgono il fiato, perchè è proprio così che va per la famiglia dei pompieri. …

Todi

Lo ammetto, sono stata a Todi solo per andare alla tomba di Jacopone. La letteratura del 200 e del 300 ha lasciato profondi segni nella mia formazione e non potevo davvero saltare questa meta. Avrei voluto comprarmi anche un bel testo di Jacopone con le sue laude, ma si è rivelata una mission impossibile, potete sempre trovare un pdf qui, ma io avrei gradito un bel testo di carta, ma a quanto pare non è più in ristampa. La tomba si trova nella chiesa di San Fortunato, probabilmente è possibile raggiungerla in macchina, ma noi abbiamo lasciato la macchina nei pressi di una porta della terza cerchia di mura e siamo saliti a piedi. MAps mi ha consigliato una strada panoramica, ma tutta a scale, e dopo mangiato.... ha aiutato la digestione. Nella chiesa si trova anche un'affresco molto deteriorata di mano di Masolino da Panicale.
Dopo la visita alla chiesa siamo andati un po' per le vie del cetro, visitato la piazza e la Cattedrale, per poi lasciare la città alla volta della cost…

Narni

Abbiamo passato una splendida mattina in questo fantastico borgo: Narni. È il paese che ha solleticato la fantasia di Lewis per dare il nome al suo mondo fantastico: Narnia. Narnia era il nome romano dell’abitato che poi in età medievale é diventato Narni. Il paese è arroccato su un’altura e Volendo può essere metà di un’intera giornata. Noi abbiamo visitato un po’ il paese e poi ci siamo concentrati sulla visita alla Narni sotterranea che vi consiglio vivamente. Si visita una parte del convento rimasta sepolta dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale e svela il passato inquisitorio di questo convento. La visita è stata unica e interessantissima.
Abbiamo pranzato in un piccolo ristorante in vicolo Belvedere che si chiama la gallina liberata. Un piccolo locale con una bella volta, dove i pasti vengono preparati con cura, come a casa, quindi c’e Un po’ da aspettare ma vale davvero la pena, almeno per il rapporto qualità prezzo.
Non ho visto con attenzione il famosissimo ponte…

40 anni oggi

Mi auguro di essere alla metà della mia vita, anche se gradirei anche andare oltre, lucida se è possibile, perchè se me la devo passare male, allora no grazie.
La prima metà della mia vita come è andata?
Ho fatto quello che si aspettavano da me. Più o meno. Ho fatto spesso di testa mia, ma poi mi sono omologata ai "loro desideri". Per questo ho un po' il rimpianto di aver lasciato troppo indietro per essere diligente. Nei confronti di alcune situazioni sono stata remissiva, e rimpiango di non aver avuto più coraggio.
Per la seconda parte della mia vita vorrei essere più libera, assecondare certe mie attitudini, ritrovare la capicità di sognare e la forza di reagire e realizzare i mei sogni. Vorrei ritrovare le forze perdute, vorrei ritrovare la spinta vitale che il 27 agosto 2012 mi è stata portata via. MA non so se sarò in grado di raddrizzare quello che ormai ha preso una brutta piega. Non è facile trovare la forza per prendere tutto in mano e ritornare protagonisti, …

For the love of English

Questo mio cruccio di aver libri semplici da leggere prima di dormire mi ha portato ad una stressante ricerca che con questo libro ha decisamente toccato il fondo.
Non l'ho abbandonato perché non è mio costume farlo, ma posso agevolmente confessare di aver saltato a piè pari intere pagine.
La storia in sé non sarebbe neanche stata così terribile, anche se piena di luoghi comuni e cliché sulla società americana totalmente priva di assistenza, dove spesso i ragazzi rimangono soli con se stessi ed abbandonati solo al loro coraggio che guarda caso però non finiscono mai nella droga o nella prostituzione come potrebbe accadere in Italia ma trovano sempre un principe azzurro ricchissimo e bellissimo che le salva. Poi c'è di mezzo English, la figlia di lui, adorabile, contesa. Anche qui la storia poteva anche essere interessante però il linguaggio... questo libro si vede che è uscito da una scuola di scrittura, con un determinato cliché, con le cose che accadono in sequenza del tutt…

Springbreak: San Gemini (parte II)

La prima sera ho deciso di dormire a San Gemini, un piccolo borgo famoso per le sorgenti San Gemini e Fabia.Ho scelto fra parecchi borghi intorno alle cascate delle marmore, ma questo mi è piaciuto perchè c'è la sorgente. Siamo arrivati alla sera, verso le 19 e ho pernottato all'Hotel Duomo, proprio dentro alla cinta muraria. L'albergo è dentro all'antica residenza di campagna dei principi di Santa Croce ed è molto bello. Ha camere superior con vasca idromassaggio in stanza, e camere standard che paiono sale di una residenza signorile. Mi piace soggiornare in questo modo. Al primo piano dell'albergo c'è anche una grande sala affrescata, veramente suggestiva. Il paese è piccolo, ma caratteristico e lo abbiamo visitato prima di mangiare in una tipica osteria situata nella via principale, la Pecora nera, dove si possono gustare piatti tipici del luogo. Il prezzo è giusto, il servizio un po' lento, ma tutti i piatti sono preparati con cura.
Dalla mia stanza go…

Finchè morte non sopraggiunga

Questo libro è comparso nelle librerie in contemporanea alla morte di Amos Oz, anche se è stato pubblicato ad Ottobre 2018,  e sono stata attratta dalla copertina, dal colore e dall'immagine. Di solito quando vengo attratta così fortemente da una copertina poi rimango delusa dal suo contenuto. E così è stato. Il libro contiene due racconti lunghi  «Amore tardivo» che si svolge nella Tel Aviv degli anni settanta, mentre «Fino alla morte» è ambientato nel 1096 all'alba della prima crociata. Il primo racconto mi è anche interessato, parla di un vecchio conferenziere che si sposta da un  kibbutz all'altro sostenmendo la minaccia bolscevica, ma ormai è vecchio e malato e lui stesso accetta il suo accantonamento. Il secondo invece mi è parso un pochino più macchinoso e difficile, la ricerca ossessiva dell'ebreo che fa andare tutto a rotoli si conclude in niente di fatto e mi ha fatto apparire la storia sospesa e senza senso. forse era proprio questo il senso, mamentre legge…

Springbreak tra Umbria e Lazio, part I

Durante questo ponte di primavera sono stata tra Umbria e Lazio per un piccolo viaggio tra natura, camminate e archeologia e naturalmente relax.

Nel mese di Marzo sono stata malata e avevo bisogno di qualcosa che mi ridasse lo sprint per arrivare a giugno, anche se manca molto poco a dire la verità, ma avevo bisogno di vedere cose nuove. Così ho cercato di spendere il meno possibile per i pernottamenti e ho organizato questo break di 4 giorni nel centro Italia.

Il primo giorno ci siamo fermati alle Cascata delle Marmore, era da quando ero in terza elementare che sognavo di andarci. Faceva parte di quei luoghi fantastici e immaginari che trovavo nel mio sussidiario e che desideravo visitare. La realtà delle Cascate è stata come me le aspettavo, non hanno deluso le mie aspettative. Anche se devo dire che la magia del luogo era un po' offuscata dalla troppa gente. Era il 25 aprile e c'era tantissima gente così non ho potuto vedere il momento in cui sono state aperte e l'acqu…