Passa ai contenuti principali

Hai visto più di 40 di questi film ??

Il creatore di questa lista crede che la maggior parte delle persone abbia visto meno di 4
1. Fahrenheit 451 - Francois Truffaut (forse)
2. Gli uccelli - Alfred Hitchcock (forse)
3. C'era una volta in America - Sergio Leone
4. La febbre dell'oro - Charlie Chaplin
5. Il gabinetto del dottor Caligari - Robert Wiene
6. Frankenstein Junior - Mel Brooks
7. Salvate il soldato Ryan - Steven Spielberg
8. La vera gola profonda - Gerard Damiano
9. Il Gattopardo - Luchino Visconti (forse, lo confondo con il libro, o forse mentre lo vedevo mi sono addormentata?)
10. La banda degli onesti - Camillo Mastrocinque
11. Amarcord - Federico Fellini
12. Shutter Island - Martin Scorsese
13. Lolita - Stanley Kubrick
14. Psycho - Alfred Hitchcock
15. Arancia meccanica - Stanley Kubrick
16. Match Point - Woody Allen
17. Schindler's list - Steven Spielberg
18. Per un pugno di dollari - Sergio Leone
19. Il padrino - Francis Ford Coppola
20. Il settimo sigillo - Ingmar Bergman
21. The Elephant Man - David Keith Lynch
22. Matrix - Fratelli Wachowski
23. Il gladiatore - Ridley Scott
24. La leggenda del pianista sull'oceano - Giuseppe Tornatore
25. I soliti ignoti - Mario Monicelli
26. Miseria e nobiltà - Mario Mattòli
27. Amici miei - Mario Monicelli
28. The Departed - Il bene e il male - Martin Scorsese
29. Il grande dittatore - Charlie Chaplin
30. Zelig - Woody Allen
31. Kill Bill - Quentin Tarantino
32. Quei bravi ragazzi - Martin Scorsese
33. Novecento - Bernardo Bertolucci (forse)
34. Pulp Fiction - Quentin Tarantino
35. Lo squalo - Steven Spielberg
36. La caduta degli dei - Luchino Visconti
37. I predatori dell'Arca perduta - Steven Spielberg
38. Guerre Stellari - George Lucas
39. Taxi Driver - Martin Scorsese
40. Ultimo tango a Parigi - Bernardo Bertolucci
41. Apocalypse Now - Francis Ford Coppola (forse)
42. Hannibal - Ridley Scott
43. Il Monello - Charlie Chaplin
44. Gli intoccabili - Brian De Palma
45. Full Metal Jacket - Stanley Kubrick (forse)
46. Brazil - Terry Gilliam
47. Il laureato - Mike Nichols
48. 9 settimane e ½ - Adrian Lyne
49. Notting Hill - Roger Michell
50. Il marchese del Grillo - Mario Monicelli
51. L'esorcista - William Friedkin
52. Platoon - Oliver Stone
53. La dolce vita - Federico Fellini
54. Manhattan - Woody Allen
55. Wall Street - Oliver Stone
56. Fight Club - David Fincher
57. The Blues Brothers - John Landis
58. Sciuscià - Vittorio De Sica
59. Trainspotting - Danny Boyle
60. The Millionaire - Danny Boyle
61. Forrest Gump - Robert Zemeckis
62. Luci della ribalta - Charlie Chaplin
63. Easy Rider - Dennis Hopper
64. Colazione da Tiffany - Blake Edwards
65. The Dreamers - Bernardo Bertolucci
66. A Beautiful Mind - Ron Howard
67. Basic Instinct - Paul Verhoeven
68. American Psycho - Mary Harron
69. Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso* (*ma non avete mai osato chiedere) - Woody Allen
70. Pretty Woman - Garry Marshall
71. L'armata Brancaleone - Mario Monicelli (forse)
72. Nuovo Cinema Paradiso - Giuseppe Tornatore
73. Blade Runner - Ridley Scott
74. V per Vendetta - James McTeigue
75. La signora della porta accanto - Francois Truffaut
76. Totò, Peppino e... la malafemmina - Camillo Mastrocinque
77. 8 ½ - Federico Fellini
78. Roma Città Aperta - Roberto Rossellini
79. Jurassic Park - Steven Spielberg
80. 2001: Odissea nello spazio - Stanley Kubrick
81. Philadelphia - Jonathan Demme
82. La Stangata - George Roy Hill
83. Casablanca - Michael Curtiz
84. Ladri di biciclette - Vittorio De Sica
85. Scarface - Brian De Palma
86. Il miglio verde - Frank Darabont
87. Il postino - Michael Radford
88. Gomorra - Matteo Garrone
89. Il Divo - Paolo Sorrentino
90. E.T. l'extra-terrestre - Steven Spielberg
91. I Tenenbaum - Wes Anderson
92. Le iene - Quentin Tarantino
93. Il terzo uomo - Carol Reed
94. Quarto Potere - Orson Welles
95. Quinto Potere - Sidney Lumet
96. Edward mani di forbice - Tim Burton
97. Il Favoloso Mondo di Amelie - Jean-Pierre Jeunet
98. Blow - Ted Demme
99. Rain Man - Barry Levinson
100. La Passione - Mel Gibson


Almeno 4 su 100 la gente della mia età li ha visti (se chiedete ad un diciotenne forse a 4 non ci arriva davvero...), per quanto mi riguarda 35 sono sicura di averli visti, su alcuni sono incerta, molto incerta dato che sono film usciti tra gli anni 80 e 90 o che giravano molto in tv in quegli anni e credo che magari li ho visti ma non me li ricordo proprio per nulla...

Commenti

Post popolari in questo blog

Maturi!

Oggi per me sono finiti gli esami, ho concluso quello che dovevo fare, salvo poi chiudere il pacco e il rito della cera lacca. Com'è andato questo nuovo esame?
MAH.
1) Rimpiango la terza prova scritta. Trovo che era un ottimo strumento di verifica per le discipline, non era un quizzone come dicevano i tg, ma una serie di domande serie e a volte difficili, è vero, ma serviva per imparare a scrivere, ora non c'è più. Io la rimpiango. 
2) La busta all'orale fa quiz televisivo. Non è una buona soluzione. In teoria serve per accostare la maturità ad un concorso pubblico, ma di fatto non è  adatta.
3) LA busta rimpiazza la tesina: con questo sistema la tesina la fanno gli insegnanti e non gli alunni, alla fine quasi tutti gli orali sono stati simili, come se ogni ragazzo si fosse preparato il suo percorso e in un modo o nell'altro lo abbia fatto quadrare con l'argomento della busta. Tantovale che presentino loro qualcosa su cui hanno realmente lavorato senza fare voli pi…

Skopas, Menade Danzante

Fino ad ora ho aggiunto a questa mia collezione privata opere che in quel determinato momento significavano qualcosa per me, magari perché le stavo spiegando in classe o perché stavo leggendo un libro. In seguito ho aggiunto due filoni tematici che mi hanno sempre affascinata: i baci e le donne in bianco. Ma di opere che amo fortemente ce ne sono poche.
La Menade danzante di Skopas è una scultura che mi è sempre piaciuta tantissimo sin dal Liceo. Non ho ancora avuto la fortuna di andare a Dresda ad ammirarla dal vivo e mi sono sempre accontentata delle fotografie.
La statua rappresenta una delle menadi, le fanciulle seguaci del dio Dioniso di cui ne celebravano il culto con cerimonie orgiastiche e danze forsennate al suono di flauti e tamburelli, al culmine delle quali aveva luogo il sacrificio di un capretto o di un capriolo, dilaniato a colpi di coltello e divorato crudo nel momento del parossismo estatico. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad una copia di età romana. Di q…

Ia Orana Maria, Gauguin

Gauguin è uno dei miei pittori preferiti, lo sento da sempre uno spirito affine, condivido con lui l'irrequietezza che lo ha portato ai confini del mondo alla ricerca di un vivere primitivo a totale contatto con la natura per spogliarsi delle convenzioni occidentali, cosa che purtroppo non ha mai trovato, nemmeno a Tahiti, nemmeno nelle isole Marchesi.

Venere di Milo a cassetti

Il fascino della venere di Milo di esemplifica, a mio avviso, in quest'opera di Dalì. Dalì riproduce la Venere inserendo dei cassetti nella testa, nei seni, nella pancia e su un ginocchio. Aggiunge ai cassetti un pomello di pelliccia che ci invita ad accarezzarlo per rinvigorire la sessualità repressa dalla diffusa morale cristiana. I cassetti sarebbero i nostri segreti più intimi che solo oggi la psicoanalisi è in grado di aprire.
Ma secondo Breton i significati sarebbero altri e per i dadaisti non significa semplicemente niente, anzi qualcuno suppone che ci sia lo zampino di Duchamp in questa opera di Dalì...

Il bisogno di fermarsi

Sento impellente il bisogni di fermarmi. Il bisogno di solitudine. Da troppo tempo siamo in continuo movimento, sempre affaccendati in cose, sempre alla ricerca di cose da fare e mi sento ormai esasperata da continui discorsi  cose da fare. Ho bisogno di fermarmi. Darmi pace e ritrovare il mio equilibrio prima del periodo più brutto dell'anno: il Natale. Che PAlle, odio il Natale, gli addobbi, i regali e tutto quello che ne consegue. Potessi addormentarmi l'8 dicembre e risvegliarmi il6 gennaio sarei davvero felice.
Odio coloro che già adesso iniziano a fare l'albero e quelli che iniziano il countdown ad Agosto. Ma che problemi hanno? Cosa ci sarà mai di bello nel Natale dove bisogna stare insieme per forza, condividere regali che devi trovare per forza e che non hai il piacere di fare e di ricevere? Per me sotto l'albero ci sono sempre state grandi delusioni, cose fatte per forza, mai una gioia. Nessuno si è mai sforzato di chiedermi cosa volessi per davvero, ma solo…

Picasso, Prima Comunione

Stamattina in cerca di ispirazione per il post del Mercoledì ho sfogliato la mia WebGallery e mi sono chiesta: " Se fossi davvero una collezionista, questa mattina che dipinto acquisteresti?" e ponendomi questa domanda ho fatto caso che ci sono pochissime opere di Picasso, uno dei miei artisti preferiti. Quindi oggi vi Presento "Prima Comunione" di Picasso. Ebbene sì Picasso sapeva disegnare. Ebbene si questo è un Picasso. Un giovane Picasso che ritrae sua sorella Lola nel giorno della prima comunione. Siamo nel 1896, Picasso ha 15 anni. E' lui stesso a confessarci questo: "A quattro anni dipingevo come Raffaello, poi ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino". E' la mia citazione preferita. Racchiude in poche parole l'essenza del 900, la fuga dalla realtà, la crudele realtà, per rifugiarsi idealisticamente nel periodo dell'innocenza, l'infanzia. Anche oggi non ci proponiamo di rimanere bambini tutta la vita per e…

bacio alla Finestra, Munch

“Il bacio con la finestra” è un dipinto di Munch del 1892 conservato al National Museet for kunst di Oslo. Una coppia di amanti clandestini si baciano vicino a una finestra, nascosti al mondo esterno da una tenda. Al di fuori, pochi passanti e qualche vetrina illuminata. La pittura è carica di tinte macabre e realizzata con pennellate spesse. Le tinte fredde richiamano le atmosfere nordiche. Il dipinto fa parte di un gruppo di opere sul tema del ciclo della vita, della morte e dell’amore.

Piccoli attimi di felicità

Spesso quando spiego in classe mi lascio prendere dalla passione. Spiego opere che mi piacciono e mi lascio trasportare da evidente passione. In questi mesi ho Pian piano scoperto che questa passione è passata ai miei studenti e anche loro credono davvero che quello che ,ostro loro sia bello e soprattutto sia necessario essere visto.  Oggi mi hanno dato prova di credere in ciò che dici, di essersi affidati a me totalmente per apprendere.... non vi nascondo che per me é un’emozione nuova. Sono sempre stata contestata,  messa in discussione e d è la prima volta che mi sento approvata Totalmente. Forse anche perché è la prima volta che credo in me stessa e nelle mie capacità e nel mio sapere. Fino ad oggi mi sono sempre sottovalutata io stessa, mentre ora credo moltissimo nelle mie capacità grazie alle mie colleghe Maura ed Enrica che nei tre anni scorsi mi hanno insegnato tantissimo e fatto crescere professionalmente più dell’univer E della SSIS. Forse per formare gli insegnati bisogne…

Monaco in riva al mare

Ho sempre adorato quest'opera, per il mare, per il paesaggio, per il suo recondito significato.

L’opera, del 1808-1809, mostra un paesaggio simbolico in cui la rappresentazione della natura non è più fine a stessa, ma si carica di significati complessi; l’artista, in questo quadro, immerge la figura del monaco in un paesaggio dominato dal blu del cielo e del mare.

L’uomo immerso nella natura, solo e sospeso tra desiderio e angoscia di fronte all’infinito: è proprio questo che il filosofo tedesco Immanuel Kant definisce nella critica del giudizio come il sentimento del sublime.

Nafea faa ipoipo (Quando ti sposi?)

Il 4 Febbraio questo quadro di Gauguin ha battuto il record: è il quadro più costoso di tutti i tempi. L'opera è stata venduts da un collezionista svizzero per la cifra di 300 milioni di dollari ad consorzio di musei nazionali del Qatar.
In Nafea faa ipoipo (Quando ti sposi?) Gauguin dipinge due donne tahitiane sedute nella boscaglia, una indossa un abito europeo rosa, mentre l'altra presenta un abito tradizionale composto dal pareo rosso e una camiciola bianca.
Molti dicono che è un costo esagerato, per Gauguin non ne vale la pena, averceli, li spenderei volentieri invece. L'unica cosa che lascia un po' basita è che Gauguin visse una vita di stenti, in totale povertà e con pochi riconoscimenti in vita, mentre oggi risulta il pittore più pagato al mondo.