Paul Auster, Timbuctù


Non so come abbia "incontrato", oppure "conosciuto" Paul Auster, probabilmente da qualche rivista, ma è stato un incontro decisamente fortunato.
Questo libro mi è piaciuto veramente tanto. Finalmente. Ne sentivo davvero il bisogno, dopo tantissimi libri deludenti, uno che mi ha entusiasmata.

Il libro parla dell'amicizia fra un uomo e il suo cane in modo davvero nuovo.
Ho apprezzato veramente il continuo cambio di narratore: si passa da Willy (il padrone) e il suo flusso di coscienza a quello di Mr Bones (il Cane) in soluzione di continuità. I pensieri del padrone confluiscono nel cane e saldando il loro rapporto di amicizia e fedeltà, un rapporto tra pari senza servilismi.

Ho scelto questo libro per il titolo. "Timbuctù" mi evocava Africa, infatti è una città del Mali, stato a cui sono legata a doppia mandata in questo periodo, ma in questo libro Timbuctù è solo il nome esotico e misterioso e soprattutto evocatore che sostituisce il Paradiso. Willy è Ebreo, ma essendosi tatuato non potrà accedere al regno dei cieli, almeno così ho capito, e necessariamente occorreva un posto dove "vivere" dopo la morte e perché non a Timbuctù, luogo leggendario per secoli, di cui si è scoperta l'esistenza solo nel 1622, capitale lussureggiante del sultanato del Mali. A volte dei libri mi rimangono solo cose secondarie, ma spesso sono uste che mi entusiasmano e mi emozionano. Spero un giorno di andare anch'io a Timbuctù e trovare lì la Gilda che mi aspetta, perché Mr Bones ha molto in comune con la mia Gilda, anche se lei ha incontrato i veri padroni nella sua seconda vita e non nella prima.
Abituati a viaggiare insieme sulle strade americane, Willy, poeta giramondo, e Mr Bones, cane dalla spiccata intelligenza, vengono separati dai freddi giochi del destino. Mr Bones dovrà imparare a cavarsela da solo e a difendersi anche da chi sembrerà volerlo aiutare. Così continuerà a fuggire, finché in lui si farà strada la convinzione di poter raggiungere Willy a Timbuctù, terra favolosa dove uomini e cani parlano la stessa lingua e conversano da pari a pari. Che cosa sia davvero Timbuctù, Mr Bones non lo sa, a parte qualche frase sibillina buttata lì da Willy nei suoi discorsi di poeta maledetto e infaticabile clochard. Eppure è proprio in quel luogo che un brutto giorno il poeta se n'è andato lasciando solo il fedele quadrupede.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ci siamo quasi

Ma le stelle quante sono, Giulia Carcasi

Mugabe si dimette