Gli occhiali d'oro, Giorgio Bassani


Ogni tanto leggo anche qualcosa di serio e impegnato. Sapete qual è la differenza tra un libro serio e un libro di poco valore? Il libro serio ti invade e poi ti perseguita per giorni e giorni, ti insegue anche quando lo hai finito. Le domande ti sorgono spontanee dal nulla e il pensiero si posa sempre lì.

Il libro fa parte di un ciclo. Ultimamente adoro le saghe e anche questo può rientrare nel genere. Naturalmente ho sbagliato. Il primo libro del ciclo è un altro, questo è il secondo. Ma il bello dei cicli è che puoi leggere un libro oppure un altro e nulla cambia. Fa parte di questo ciclo anche Il giardino dei Finzi - Contini, già letto e già amato che non ha per niente disturbato la lettura di questo libro, agile e veloce che contiene grandissimi temi, trattati con distacco e malinconia, ma che fanno riflettere moltissimo. Il tema centrale non è la persecuzione Razziale, ma l'omosessualità del dottor Fadigati, perseguitato non per la sua religione ma per la sua scelta omosessuale e messo ai margini della società proprio per questo.


I temi di riflessione sono molteplici, ma ho apprezzato anche l'uso della lingua e anche la tecnica narrativa del Bassani, nonché l'inserimento dei pittori Ferraresi anche in questo romanzo. Più livelli di lettura trovo, più un libro mi intriga, più ho bisogno di pensare e "rimuginare". Ma mentre penso ed elaboro non smetto di leggere e questa funzione hanno i libri leggeri: quella di lasciarmi spazio per riflettere sul libro precedente.

Ovviamente procederò nella lettura del romanzo di Ferrara, e spero di farvi anche una visita, a questo punto ho bisogno di vedere coi miei occhi Ferrara.

Anche da questo libro è stato tratto un film nel 1987 e spero di vederlo al più presto, anche se devo dire che la trasposizione cinematografica del Giardino dei Finzi contini mi aveva delusa (qui).

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Profeta

Mal di testa

La seconda prova di maturità