Passa ai contenuti principali

La sovrana lettrice, Alan Bennett


Lo ammetto ho scelto questo libro per la copertina e per il titolo e non sono assolutamente rimasta delusa, anzi credo che rientri a pieno titolo tra i miei libri preferiti.

Avevo letto già qualcosa di Alan Bennett e non mi aveva entusiasmata, ma io sono quella delle seconde opportunità. E di solito non rimango delusa due volte.

Il libro è agevole, 95 pagine che si leggono tutte d'un fiato. Pur non citandola mai per nome si intuisce che la protagonista del libro è Sua Maestà la Regina Elisabetta II che casualmente riscopre il piacere della lettura che ovviamente è un passatempo mal visto a corte. Ovviamente la lettura è dannosa perché ci fa scoprire noi stessi, perché ci guida verso una consapevolezza che stride con le grande manovre mondiali. Leggere e studiare è pericoloso, meglio una massa ignorante che obbedisce. Quindi la sovrana non può istigare (instradare) il suo popolo alla lettura, sovvertirebbe l'ordine naturale delle cose. Per governare si ha bisogno di un popolo ignorate e la regina non può dare il cattivo esempio. Questo è il succo, dolce amaro, di questo splendido libro.

Ci vogliono tutti ignoranti, non lo dobbiamo permettere, dobbiamo leggere, dobbiamo resistere.


A una cena ufficiale, circostanza che generalmente non si presta a un disinvolto scambio di idee, la regina d’Inghilterra chiede al presidente francese se ha mai letto Jean Genet. Ora, se il personaggio pubblico noto per avere emesso, nella sua carriera, il minor numero di parole arrischia una domanda del genere, qualcosa deve essere successo. E in effetti è successo qualcosa di semplice, ma dalle conseguenze incalcolabili: per un puro accidente, la sovrana ha scoperto quegli oggetti strani che sono i libri, non può più farne a meno e cerca di trasmettere il virus della lettura a chiunque incontri sul suo cammino. Con quali ripercussioni sul suo entourage, sui sudditi, sui servizi di sicurezza e soprattutto sui lettori lo scoprirà solo chi arriverà all’ultima pagina, anzi all’ultima riga. Perché oltre alle irrefrenabili risate questa storia ci regala un sopraffino colpo di scena – uno di quei lampi di genio che ci fanno capire come mai Alan Bennett sia considerato un grande maestro del comico e del teatro contemporaneo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Make a Wish

Vorrei trovare la lampada di Aladino e avere i miei 3 desideri.
Cosa chiederei?1. Finire la casa al più presto2. Avere la vita che avevo prima (l'anno più bello della mia vita è stato il 2011 anche se ho perso mio nonno, e vorrei essere felice come allora, viaggiare come allora, e tutto come in quell'anno)3. Imparare bene il maledetto ingleseNon so come fare a realizzare queste poche cose, realizzabili anche senza Aladino e la sua lampada, ma con piccoli e giornalieri sforzi. Una volta ero una maga nel sognare e poi realizzare i miei sogni, adesso non ci riesco più.  Devo poter ricominciare a vivere così.

Antonio frilli, nudo disteso sull'amaca

Antonio Frilli, Nudo disteso sull'amaca (1890) Collezione Lord Lloyd-Webber
Spesso la scultura neoclassica è snobbata, considerata fredda e di poco valore, ma a dire il vero a me piace e anche molto. Reputo questa fanciulla addormentata sull'amaca davvero notevole. Adoro quando il marmo si fa stoffa, si fa carne, si fa qualsiasi cosa tranne duro e gelido marmo.
Probabilmente Antonio Frilli raccolse più successi all'estero che in patria, ieri come oggi, visto che non esiste quasi sul web se non in pagine di lingua inglese. A riprova di questo un aneddoto: questa scultura fu portata dal fratello dell'autore a St. Luis nel Missuri dove vinse diversi premi.

Cosa è cambiato dal 24 febbraio 2020

Inutile, niente è come prima.Oggi guardavo le stories di Dario Bressanini su Instagram e mi sono resa conto che nulla è come prima, nonostante mio suocero proprio un paio di giorni fa sostenesse proprio il contrario.Il 24 febbraio 2020 la mia vita è drasticamente e drammaticamente cambiata.Prima cosa: ho sperimentato lo Smart working che per me non è stato per niente positivo. Nessuno mi ha dato delle direttive, ho dovuto improvvisare, inventare e sperimentare e nessuno mi ha detto se ho fatto bene o male. Nessuno mi ha detto se ho fatto troppo o poco. Sono stati mesi terribili.La didattica a distanza delle mie figlie è stata caotica, difficile, straziante.La gestione delle bambine abituate a mille attività, forse iperattive, rinchiuse in 120mq di spazio è stata difficile. I rapporti interpersonali con i miei amici non sono stati più gli stessi, sono state dette cose che mi hanno segnata, in negativo e in positivo. I rapporti non sono più gli stessi e purtroppo con alcuni non ci sarà …

Piccoli attimi di felicità

Spesso quando spiego in classe mi lascio prendere dalla passione. Spiego opere che mi piacciono e mi lascio trasportare da evidente passione. In questi mesi ho Pian piano scoperto che questa passione è passata ai miei studenti e anche loro credono davvero che quello che ,ostro loro sia bello e soprattutto sia necessario essere visto.  Oggi mi hanno dato prova di credere in ciò che dici, di essersi affidati a me totalmente per apprendere.... non vi nascondo che per me é un’emozione nuova. Sono sempre stata contestata,  messa in discussione e d è la prima volta che mi sento approvata Totalmente. Forse anche perché è la prima volta che credo in me stessa e nelle mie capacità e nel mio sapere. Fino ad oggi mi sono sempre sottovalutata io stessa, mentre ora credo moltissimo nelle mie capacità grazie alle mie colleghe Maura ed Enrica che nei tre anni scorsi mi hanno insegnato tantissimo e fatto crescere professionalmente più dell’univer E della SSIS. Forse per formare gli insegnati bisogne…

Attraverso i loro occhi

Alcuni di loro non li ho mai dimenticati. Li sento sempre vicini, ho matenuto i contatti attraverso facebook e attraverso instagram.
Li ho visti laurearsi, sposarsi e avere bambini. li ho visti diventare grandi e persino provare a diventare miei colleghi, del resto con i primi ci passiamo giusto 10 anni.
Ho visto nascere un sacco di amori fra i banchi di scuola, e da uno di questi amori, ormai diventato maturo, aspettiamo con ansia la nascita di un bel maschietto fra qualche giorno. Ogni anno ho un nuovo "nipotino" che nonostante tutto mi rende felice. Ora spetto lui, guardo le foto del magnifico viaggio di nozze di un'altra e le foto della laurea di altri di loro che si sono impegnati e ora stanno concludendo i loro studi. Di qualche altro seguo con fierezza la carriera professionale, magari spendendo una parola di conforto nei momenti difficili. Mi piace esserci ancora anche se non sono più la loro prof.

E ora che sono tornata ad essere prof e ho alunni tutti miei son…

Time for rest - il riposo - una riflessione

Anche Dio si è riposato e noi non dobbiamo essere così presuntuosi da non sentirne il bisogno. A dire il vero non capisco come l’uomo moderno abbia il bisogno di sentirsi così superiore è autosufficiente da non aver più bisogno nemmeno di Dio. Spesso confondiamo la superficialità e la debolezza dell’uomo con Dio e affermiamo che Lui non esiste. Ho imparato da chi non crede quanto Dio sia vero, quanto Dio esista nelle loro parole di disprezzo.Ma stavo parlando di riposo, non di Dio.Da febbraio tutto è caotico. Troppo lavoro. Reinventare la professione. Tante domande. Perché sono una una professionista? Ma sto facendo una cosa giusta? Un aiutino? Perché mi state lasciando sola? Signor ministro per favore sia chiaro, mi indichi la strada... ma niente, sono una professionista, chiederò a qualche collega e mi inventerò la mia via. Ne invento una e la perseguo. Non ne sono convinta. Non so se le scelte fatte sono quelle giuste. Però ho i feedback adeguati. Alla fine qualcosa è arrivato, va …

Artemisia che fece l'impresa

Ieri sera mi è venuta in mente un'impresa per me eccezionale e per ferragosto mi vengono sempre in mente di queste cose. Oggi andremo per qqualche giorno alla fattoria prima della seconda tranche di vacanze italiane e  mi è venuto in mente di fare una cosa che era normale per la mia famiglia, ovvero salire ad un Santuario della Madonna, il più vicino, a cui la mia famiglia da sempre è devota e stare lì al pomeriggio sotto le querce. Lo facevo anche da bambina, sempre alla domenica, ma si andava in macchina. Domani andremo a piedi, come facevano una volta. Unica sciccheria ho prenotato il ristorante del Santuario.  La mia famiglia onorava sempre la domenica e in particolare la Madonna e non mancava mai di santificare le feste ai Santuari mariani situati nelle vicinanze partendo all'alba, incamminandosi  lungo la francigena per partecipare al culto mariano e queste cose mi hanno sempre affascinata. Quindi sono abbastanza carica per domani, non vedo l'ora! Mi sento un po' tu…

Una Gradita sorpresa

Questa settimana ho fatto il test di inglese per il corso e mi sono trovata con grandissima sorpresa e in modo del tutto inaspettato al livello C1, esattamente il livello a cui ambivo di arrivare in due anni di studio! Invece ci sono arrivata da sola e inconsapevolmente!
Non so come descrivere la mia gioia, anche se sono arrivata da un livello così alto, frequenterò il corso B2, anche perchè diverse cose le ho "tirate ad orecchio", non perchè le sapevo, ma giusto perchè secondo me si diceva così. Quindi preferisco passare un anno al corso inferiore e studiare bene la grammatica e sentirmi sicura.
Come sono arrivata al C1? Ma con Meredith Grey! Devo dire grazie alla tv se sono migliorata così tanto da sola, se sono arrivata così tanto avanti! Un pò di consapevolezza l'avevo maturata, lo ammetto... soprattutto ascoltando la musica mi ero accorta che capivo quel che dicevano al primo ascolto e infatti la musica inglese aveva perso i suo fascino, da qualche estate preferisc…

Ti capisco da quello che leggi

Come sapete leggo molto e di tutto. Però mi piaccio davvero poche cose. So perfettamente cosa mi piace : il grande romanzo americano, il neorealismo italiano, il realismo magico sudamericano se dobbiamo parlare di classificazioni. Cose molto simili fra di loro, ma definite con questi grandi nomi altisonanti che possono confondere. Ma generalmente sono una lettrice di romanzi.Ultimamente ho iniziato a pensare che le persone possono essere classificate per quello che leggono. Ho scoperto che le persone che leggono le cose che piacciono a me sono persone che in qualche modo mi sono affini. Ho scoperto che le persone a cui piace un certo stile di scrittura possono starmi più o meno simpatiche. Ho scoperto che chi legge testi filosofici in genere è una persona con cui mi piace intrattenere una conversazione. In genere mi interesso sempre alle letture delle persone e guardo sempre i libri che la gente tiene in casa e questo mi aiuta a capire se la persona con cui ho a che fare mi interessa…

Il bisogno di fermarsi

Sento impellente il bisogni di fermarmi. Il bisogno di solitudine. Da troppo tempo siamo in continuo movimento, sempre affaccendati in cose, sempre alla ricerca di cose da fare e mi sento ormai esasperata da continui discorsi  cose da fare. Ho bisogno di fermarmi. Darmi pace e ritrovare il mio equilibrio prima del periodo più brutto dell'anno: il Natale. Che PAlle, odio il Natale, gli addobbi, i regali e tutto quello che ne consegue. Potessi addormentarmi l'8 dicembre e risvegliarmi il6 gennaio sarei davvero felice.
Odio coloro che già adesso iniziano a fare l'albero e quelli che iniziano il countdown ad Agosto. Ma che problemi hanno? Cosa ci sarà mai di bello nel Natale dove bisogna stare insieme per forza, condividere regali che devi trovare per forza e che non hai il piacere di fare e di ricevere? Per me sotto l'albero ci sono sempre state grandi delusioni, cose fatte per forza, mai una gioia. Nessuno si è mai sforzato di chiedermi cosa volessi per davvero, ma solo…