Passa ai contenuti principali

Maturità - giorno 0


Ed eccomi al pezzo ad affrontare la mia sesta maturità. Una da studentessa e ben 5 da insegnante. Ho saltato  4 volte la maturità nella mia carriera la prima volta non ho potuto farla perché ero incinta e avevo fatto troppe assenze durante l'anno, la seconda volta ero proprio incinta e in astensione obbligatoria, la terza volta avevo fatto gli esami di qualifica e quindi ho saltato la maturità e la quarta volta ero ricoverata in ospedale con la polmonite. Ho una discreta esperienza se penso che tra i miei colleghi commissari c'è chi è alla prima esperienza (proprio prima di andare in pensione) e chi non ha il piacere da ben 14 anni. E mi son chiesta : "solo io la faccio sempre?"


Comunque l'esperienza numero 5 è partita. Dalle premesse mi pare una buona maturità. Quest'anno i ragazzi sono decenti, non pessimi, ma nemmeno eccellenti, una via di mezzo, che renderà tutto più facile.

Finisco citando questa massima che ho trovato sul web:




Si sta come 
a giugno
nella merda
i maturandi.






Proprio non capisco tutta questa paura. Da studentessa me la sono fatta sotto, oggi sinceramente non vedo proprio il motivo di tutta questa ansia. Sarà che ho dato tanti esami, sarà che durante la specializzazione ho smesso di preoccuparmi dei voti e degli esami, ma quando uno lavora tutto l'anno cosa deve temere? Non lo so. Io non ho più paura. Anche se non lo nascondo a volte me la sogno ancora...

Dimenticavo, dal 4 Luglio iniziano le mie vacanze, DDL permettendo.

Commenti

  1. Se penso alla mia maturità mi emoziono ancora e pensare che non è andata come speravo, nel senso che da studentessa modello, alla maturità ho fatto piuttosto pena: mi ricordo il tema di italiano, il peggiore della mia carriera scolastica!!!

    RispondiElimina
  2. L'emozione spesso gioca brutti scherzi, spesso ai più bravi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La nuova scuola

Stamattina mi sono presentata alla nuova scuola. L’istituto tecnico più grande della città, in una zona residenziale, proprio dove abita la mia mamma, giusto 10 minuti a piedi da casa sua, a 20 minuti di autobus dalla mia. Non lavorerò più in centro, non vedrò più il mare dalle finestre. Adoravo queste cose l’anno scorso, però quanto ho sofferto! Questa scuola è dislocata, le finestre danno su un parcheggio, si vedono container, autostrada e porto mercantile. Quando si esce non c’e Un negozio e nemmeno un bar. Però qui avrò 18 ore in classe. Sono finalmente uscita dal potenziamento. Oggi ne ho avuto la conferma. Torno ad essere una professoressa a pieno titolo con classi, studenti, un programma da svolgere, saggi da preparare e interrogazioni. Quando ci penso mi viene da piangere. Mi scendono le lacrime al pensiero di usare una Lim, di ricercare immagini, di fare ppt. Nei prossimi giorni inizierò a guardarmi il programma svolto e farmi un’idea, soprattutto per i grafici. Speravo di u…

Quante volte mi capita....

Non riconosco alla prima almeno l’80% delle persone che mi saluta. Spesso saluto senza nemmeno preoccuparmi di sapere chi è, saluto e basta perché tanto non so certamente chi è. Ho persino iniziato a simulare, salutare e persino intessere una vera e propria conversazione senza sapere chi ho davanti, anzi ormai sono diventata bravissima a simulare. Eppure questa cosa mi urta e non poco. Come è possibile che dimentichi così tanto? Come è possibile che nella mia mente non ci sia spazio per ricordare tutti?
È così brutto non essere riconosciuti eppure io non riconosco proprio nessuno e mi dispiace, non lo faccio a posta. Non ricordo proprio. E non so neanche come si possa fare a ricordare.

Una Gradita sorpresa

Questa settimana ho fatto il test di inglese per il corso e mi sono trovata con grandissima sorpresa e in modo del tutto inaspettato al livello C1, esattamente il livello a cui ambivo di arrivare in due anni di studio! Invece ci sono arrivata da sola e inconsapevolmente!
Non so come descrivere la mia gioia, anche se sono arrivata da un livello così alto, frequenterò il corso B2, anche perchè diverse cose le ho "tirate ad orecchio", non perchè le sapevo, ma giusto perchè secondo me si diceva così. Quindi preferisco passare un anno al corso inferiore e studiare bene la grammatica e sentirmi sicura.
Come sono arrivata al C1? Ma con Meredith Grey! Devo dire grazie alla tv se sono migliorata così tanto da sola, se sono arrivata così tanto avanti! Un pò di consapevolezza l'avevo maturata, lo ammetto... soprattutto ascoltando la musica mi ero accorta che capivo quel che dicevano al primo ascolto e infatti la musica inglese aveva perso i suo fascino, da qualche estate preferisc…

Piccoli attimi di felicità

Spesso quando spiego in classe mi lascio prendere dalla passione. Spiego opere che mi piacciono e mi lascio trasportare da evidente passione. In questi mesi ho Pian piano scoperto che questa passione è passata ai miei studenti e anche loro credono davvero che quello che ,ostro loro sia bello e soprattutto sia necessario essere visto.  Oggi mi hanno dato prova di credere in ciò che dici, di essersi affidati a me totalmente per apprendere.... non vi nascondo che per me é un’emozione nuova. Sono sempre stata contestata,  messa in discussione e d è la prima volta che mi sento approvata Totalmente. Forse anche perché è la prima volta che credo in me stessa e nelle mie capacità e nel mio sapere. Fino ad oggi mi sono sempre sottovalutata io stessa, mentre ora credo moltissimo nelle mie capacità grazie alle mie colleghe Maura ed Enrica che nei tre anni scorsi mi hanno insegnato tantissimo e fatto crescere professionalmente più dell’univer E della SSIS. Forse per formare gli insegnati bisogne…

Attraverso i loro occhi

Alcuni di loro non li ho mai dimenticati. Li sento sempre vicini, ho matenuto i contatti attraverso facebook e attraverso instagram.
Li ho visti laurearsi, sposarsi e avere bambini. li ho visti diventare grandi e persino provare a diventare miei colleghi, del resto con i primi ci passiamo giusto 10 anni.
Ho visto nascere un sacco di amori fra i banchi di scuola, e da uno di questi amori, ormai diventato maturo, aspettiamo con ansia la nascita di un bel maschietto fra qualche giorno. Ogni anno ho un nuovo "nipotino" che nonostante tutto mi rende felice. Ora spetto lui, guardo le foto del magnifico viaggio di nozze di un'altra e le foto della laurea di altri di loro che si sono impegnati e ora stanno concludendo i loro studi. Di qualche altro seguo con fierezza la carriera professionale, magari spendendo una parola di conforto nei momenti difficili. Mi piace esserci ancora anche se non sono più la loro prof.

E ora che sono tornata ad essere prof e ho alunni tutti miei son…

Antonio frilli, nudo disteso sull'amaca

Antonio Frilli, Nudo disteso sull'amaca (1890) Collezione Lord Lloyd-Webber
Spesso la scultura neoclassica è snobbata, considerata fredda e di poco valore, ma a dire il vero a me piace e anche molto. Reputo questa fanciulla addormentata sull'amaca davvero notevole. Adoro quando il marmo si fa stoffa, si fa carne, si fa qualsiasi cosa tranne duro e gelido marmo.
Probabilmente Antonio Frilli raccolse più successi all'estero che in patria, ieri come oggi, visto che non esiste quasi sul web se non in pagine di lingua inglese. A riprova di questo un aneddoto: questa scultura fu portata dal fratello dell'autore a St. Luis nel Missuri dove vinse diversi premi.

Curarsi con i libri

Non lo nego, è uno dei libri sui libri più bello che abbia mai letto e sono anche straconvinta dell'efficacia dei rimedi proposti. Ho trovato tanti libri che mi hanno fatto stare bene e che mi sono particolarmente piaciuti tra i rimedi consigliati e quindi posso dire sì, i libri curano.
Mi spiace averlo letto in ebook. Questo è un libro che va sfogliato, sottolineato, tenuto vicino per sempre Ho cercato di prendere qualche appunto qua e là, ma appena posso lo compro di carta, è veramente una bibbia di consigli utili.
Mi è piaciuto anche vedere da una diversa angolazione alcuni libri che ho letto in altre epoche della mia vita, in quel momento non li avevo proprio intesi in quell'ottica. Certo ogni libro può esere inteso e anche travisato dalla predisposizione personale di quel momento ed è vero che se un libro lo leggi a 20 anni a 40 può essere proprio tutto un altro libro, mi sta capitando con Calvino proprio adesso.
I Consigli sono molteplici, va letto, non raccontato.

Il Toro di Picasso

Da questo disegno è nata la mia passione per Picasso. Una mia collega me lo ha fatto notare almeno 2 anni fa ad una mostra a Pisa e mi ha fatto riflettere molto. Questo è sicuramente il mio punto di partenza nell'innamoramento fra me e Picasso, fra me e l'arte del 900.

Il bisogno di fermarsi

Sento impellente il bisogni di fermarmi. Il bisogno di solitudine. Da troppo tempo siamo in continuo movimento, sempre affaccendati in cose, sempre alla ricerca di cose da fare e mi sento ormai esasperata da continui discorsi  cose da fare. Ho bisogno di fermarmi. Darmi pace e ritrovare il mio equilibrio prima del periodo più brutto dell'anno: il Natale. Che PAlle, odio il Natale, gli addobbi, i regali e tutto quello che ne consegue. Potessi addormentarmi l'8 dicembre e risvegliarmi il6 gennaio sarei davvero felice.
Odio coloro che già adesso iniziano a fare l'albero e quelli che iniziano il countdown ad Agosto. Ma che problemi hanno? Cosa ci sarà mai di bello nel Natale dove bisogna stare insieme per forza, condividere regali che devi trovare per forza e che non hai il piacere di fare e di ricevere? Per me sotto l'albero ci sono sempre state grandi delusioni, cose fatte per forza, mai una gioia. Nessuno si è mai sforzato di chiedermi cosa volessi per davvero, ma solo…

Alla ricerca di posti instagrammabili

Ho fatto caso che ultimamente si vaalla ricerca di posti instagrammabili e spesso ormai instagram è il posto dove si scoprono luoghi bellissimi e scatta la voglia di esserci. cerco di non farmi prendere troppo da queste cose, ma spesso ci casco.
Così siamo partiti per vedere questa meravigliosa cascata, sperando anche che non ci fossero troppe persone, che fosse un luogo poco frequentato, ah come mi sbagliavo! Probabilmente precovid avrei pensato che non ci fosse nessuno, ma oggi anche 10 persone ti sembrano davvero tante. L'acqua era gelida, le trasparenze invitanti.
Il posto era davvero bellissimo, ma il pensiero spesso andava ai bozi che che ci sono intorno alla fattoria, la cascata non è così alta, il bozo non è così profondo, ma la nostalgia era davvero tanta. Mi sembra che postquarantena tutti i sentimenti siano più intensi e più profondi. quando provo un'emozone questa è prorompente e lascia sempre il segno. Questo luogo era sublime, talmente bello da star male, talmente bell…