Passa ai contenuti principali

Disaccordi imperfetti, Jonathan Coe

Lo scrittore ci assicura che in questo libretto ci sono tutti i racconti che abbia mai scritto e deco dire che sono stata felice di averlo comprato e letto in un oretta sotto l'ombrellone perché ho ritrovato il Coe che adoro, il mio scrittore preferito.
I suoi ultimi libri non mi erano piaciuti. Forse expo58 era in qualche modo gradevole, ma niente a che vedere con La casa del sonno e La banda dei brocchi. Invece in questi racconti l'ho ritrovato e ne sono molto felice.
In genere non apprezzo il racconto come genere, invece questi non mi sono pesati, forse perché vi ho ritrovato l'eco di romanzi che ho amato.


I primi quattro racconti di questa raccolta sono percorsi da una vena di ironica malinconia per le occasioni mancate e per il passaggio inesorabile del tempo. In "Nona e Tredicesima" un musicista di piano-bar sogna ciò che avrebbe potuto essere; in "V.O. Versione originale" un regista della giuria di un festival dell'horror e del fantasy tentenna tra due rapporti possibili per ripiombare nell'inconcludenza di una vita mediocre; in "Ai ferri corti" una coppia di pensionati vive nella solitudine rassegnata di una casa sul mare alla quale non sono riusciti a dare un nome; in "Leida" una donna spiega la nostalgia a un giovane ammiratore. I successivi tre racconti sono storie compiute e allo stesso tempo schizzi e frammenti per un'opera di più ampio respiro intitolata "Unrest", che traccia la storia di una famiglia borghese nella seconda metà del Ventesimo secolo. In "Ivy e le sue sciocchezze" l'io narrante è il figlio più piccolo, che vede il fantasma di un uomo assassinato dalla moglie che cerca di uccidere la nonna. In "Pentatonica" assistiamo alla prima frattura di un matrimonio. E in "Rotary Park" una donna scompare proprio alla vigilia di Natale nell'impossibilità di porre rimedio al senso di inquietudine che domina il suo matrimonio. Infine, "Billy Wilder. Diario di un'ossessione" evoca la vera ossessione dell'autore per un film amato di Billy Wilder, "La vita di Sherlock Holmes, e in particolare per la colonna sonora.

Commenti

Post popolari in questo blog

Curarsi con i libri

Non lo nego, è uno dei libri sui libri più bello che abbia mai letto e sono anche straconvinta dell'efficacia dei rimedi proposti. Ho trovato tanti libri che mi hanno fatto stare bene e che mi sono particolarmente piaciuti tra i rimedi consigliati e quindi posso dire sì, i libri curano.
Mi spiace averlo letto in ebook. Questo è un libro che va sfogliato, sottolineato, tenuto vicino per sempre Ho cercato di prendere qualche appunto qua e là, ma appena posso lo compro di carta, è veramente una bibbia di consigli utili.
Mi è piaciuto anche vedere da una diversa angolazione alcuni libri che ho letto in altre epoche della mia vita, in quel momento non li avevo proprio intesi in quell'ottica. Certo ogni libro può esere inteso e anche travisato dalla predisposizione personale di quel momento ed è vero che se un libro lo leggi a 20 anni a 40 può essere proprio tutto un altro libro, mi sta capitando con Calvino proprio adesso.
I Consigli sono molteplici, va letto, non raccontato.

Ritorno al lavoro

Dopo più di due mesi sono tornata a lavorare. Il suono della sveglia non è stato confortante, ed è stata piuttosto dura alzarsi dopo due mesi e più di ferie, ma... insomma le ferie non possono durare per sempre. Per questa settimana devo tornare all'IPSIA, mentre da sabato si comincia nel mio nuovo ITC. Molti colleghi non sapevano del trasferimento, quindi li sto informando della mia uscita dal famigerato potenziamento. Qualcuno non è d'accordo con la mia scelta, altri invece mi hanno fatto gli auguri per il mio nuovo incarico. 
Inutile dirlo, non vedo l'ora che sia sabato, ho voglia di iniziare con il nuovo incarico. Ho così tanta energia che le brutture di inizio anno dell'IPSIA non mi toccano e sono così felice di aver avuto un altro incarico, un altro anno non l'avrei retto. Per due anni è stata la scuola che mi ci voleva, ma adesso basta, ho bisogno di qualcosa di diverso. So che andrò a lavorare in un posto difficile, ma quale non lo è? In questi tre anni ho…

80 000 persone

Qualche giorno fa ho letto che ogni persona ha contatti nella propria vita con circa 80 mila persone.

Mi sono detta: sono troppe. Sono a metà circa della mia vita e non ho avuto davvero rapporti con 40 mila persone. Però oggi ho incontrato a scuola un assistente tecnico che avevo i primi anni di carriera e insieme abbiamo ripercorso i 10 anni intercorsi e ripensandoci in questi 13 anni di lavoro quante persone ho incontrato? Tra studenti, genitori, colleghi, personale ATA posso contare contatti con 300 o 500 persone all'anno. Alcune sono sempre le stesse, altre no. In tredici anni di carriera avrò visto passare almeno 5000 persone? Non le ricordo più tutte. Contando le persone che casualmente incontri dal dottore, per strada oppure in vacanza e di cui perdi memoria è assolutamente verosimile entrare in contatto in una vita intera con 80 mila persone, almeno per me, che faccio un lavoro a stretto contatto con gli esseri umani.
La cosa triste è perdere la memoria di gran parte di l…

Ci vediamo un giorno di questi

Cosiì tanti avvenimenti in così poche pagine. In questo libro succedono mille e mille cose in pochissime pagine, forse troppe. Però alla fine è stata un'esperienza di lettura positiva, carina. Il libro mi è piaciuto anche se di fondo la storia di Cate è triste e, diaciamola, quella di Ludo davvero assurda.

Il libro è ambientato a Genova, ma alcuni fatti si svolgono anche a Porto Venere. Ho faticato un po' a collocare le zone descritte nonostate io conosca Porto Venere quasi come le mie tasche essendo del luogo, ma comunque poco importa, mi causa sempre una grande emozione vedere sulla carta stampata il nome di casa mia. Poi quando ho trovato scritto Palmaria, il cuore ha proprio cessato di battere. La mia isola, il luogo del mio cuore. Nuotare alla Palmaria è davvero qualcosa per pochi, sapevatelo.

82 Agosto 2018

L’estate 2018 sembra infinita. Le temperature sono ancora molto alte, decisamente fuori stagione. Anche oggi eravamo sui 25. Ma con il mare abbiamo finito, ne abbiamo abusato quest’estate e ora ci sono troppi Americani e ancora troppi turisti in giro per godersi il mare, così andiamo in campagna. Per vari impegni non riusciamo mai a trattenerci per più di un giorno, ma quel giorno mi basta per ricaricarmi. Oggi sono andata nel prato della mia famiglia, mi sono sdraiata al sole e ho ascoltato i rumori della natura,  uccellini, le poiane e le castagne che cadevano. Sarei rimasta ore sdraiata a contemplare questa immensità scaldata dal sole.  Le foglie sono ancora tutte salde sugli alberi e l’autunno tarda ad arrivare. I pomodori crescono ancora sulle piante e ho difficoltà a capire quale sia ormai la verdura di stagione. Quando ero piccola era tutto più cadenzato e normale, il 15 agosto iniziava a piovere e l’estate andava finendo. Si compravano le cose invernali e si mettevano via le …

Il 4 Maggio

Il 4 Maggio è il giorno del mio compleanno. Mi faccio gli auguri da sola perché vorrei tenermi questo giorno tutto per me e non condividerlo con nessuno. o per lo meno condividerlo solo con coloro a cui tengo veramente e in questo periodo li posso contare sulle dita di una mano. E' un brutto periodo per me e vorrei solo la pace intorno a me. Vorrei tanto tagliare i rami morti che mi circondano e ricominciare per davvero la vita da me, solo da me. Questo lo dicono tutti i libri di self-help, peccato che poi sia una soluzione impraticabile. Come si fa a tagliare tutto quello che nella vita non va? Certe cose proprio non si possono tagliare, non ne ho la possibilità.

Il 4 Maggio sono nati Keith Harring, Amos Oz, Rocco Siffredi e un sacco di persone tra atleti, filosofi, architetti e nobili che in qualche modo hanno fatto la storia e che potete leggere qui.
Mi è sempre piaciuto condividere il giorno del compleanno con Keith Harring, davvero. Lo adoro.

Tutti gli anni il 4 Maggio si ce…

Un quarto d'ora di solitudine

Trascorrere 15 minuti al giorno da soli riduce irritabilità ed emozioni negative. Lo suggerisce uno studio americano pubblicato sul Personality and Social Psychology Bulletin.
 Non serviva uno studio per dirmi una cosa di cui mi ero accorta da sola e da tempo. Mi piace davvero stare in mezzo alla gente, mi piace fare festa, mi piace fare tante cose con gli altri, ma ho anche bisogno di stare con me stessa. Mica sempre eh!  Però a volte una colazione in solitudine e in silenzio mi ricarica tantissimo, da sola, prima che tutti si sveglino. Un idromassaggio lunghissimo e caldissimo in pace e tranquillità con un buon libro (sì, leggo anche quando faccio il bagno). Poi ci sono alcuni posti dove mi piace stare sola e in silenzio, come nel bosco, come nella mia casa in campagna, come davanti al camino con un libro e una birra. Insomma ci sono tantissime situazioni in cui è bello stare soli con sé stessi e si sta davvero bene. In questo mondo veloce, così tanto social, fermarsi e pensare so…

quando tutto si fa difficile

Puoi essere positivo quanto vuoi, richiamare solo cose belle, cercare di essere felice, vestire di opportunità il brutto che ti circonda ma prima o poi ti devi fermare e renderti conto che quelle cose che tenti di vedere come oro e brillanti sono solo merda.
Non è la stanchezza che parla, non puoi sperare di nascondere le tue difficoltà facendo finta che non esistono, esistono eccome, non possono essere ignorate per sempre. 
Vorrei solo che ogni tanto coloro che mi circondano si rendessero conto che farmi pensare ad altro non è sempre positivo, certe cose vanno affrontate. Vorrei che chi mi circonda si accorgesse dei miei, anzi dei nostri problemi che sono veri e grandi e la smettesse di trattarli come se fossero sciocchezze o di sminuirli. Vorrei così tanto scappare dal peso dei miei problemi, vorrei così tanto che bastasse un po' di positività per cancellare processi penali, processi civili, invalidità permanenti, cartelle esattoriali, di padri scappati e madri malate, perché s…

Non siamo dei falliti

Oggi, o forse ieri, ho sentito dire alla TV che la generazione dei 40enni ha fallito. Doveva rottamare tutti e invece non è riuscita. Certo che non è riuscita dico io! Come possiamo riuscire a comandare quando abbiamo dietro di noi padri e nonni che appena sbagliamo, appena abbiamo un'incertezza dicono di farci da parte, prendono di nuovo il loro posto? Se da una parte avere ancora i nonni può essere una risorsa dall'altra è sicuramente un limite. Non più tardi di 50 anni fa era normale trovarsi orfano a vent'anni, oggi a 40 è capace che hai ancora i bisnonni in vita. Se da una parte ti danno sicurezza, se per alcuni sono fonte di reddito in molti casi sono solo fonte di impiccio. Non ci fanno spiccare il volo, sono la forza ma soprattutto il limite ( penso a persone come Berlusconi, Prodi ecc. che forse dovrebbero semplicemente godersi la pensione e non tornare in campo). Quindi io credo fermamente che la mia generazione non abbia fallito, è semplicemente troppo rispetto…

Per sempre nel mio cuore

FREDDIE MERCURY 5 Settembre 1946 - 24 novembre 1991

Sarò ormai un po' attempata, ormai verso i 40, ma queste due date io non le dimentico mai, perchè lui occuperà sempre un posto speciale nel mio cuore, voce della mia infanzia, della mia adolescenza, della mia disperazione e della mia consolazione.