Parlare, pensare, smontare e decidere

Ho parlato con tutti.
Ho chiesto consiglio a chiunque.
Ne ho parlato a lungo con tutti.
Ne ho parlato a lungo con me stessa soprattutto.
Ho perso il controllo.
Ho perso il sonno.
Ho guadagnato chili.
Ho smontato tutto in piccole parti.
Ho vagliato possibilità.
Ma non posso dire di aver ancora deciso qualcosa con certezza.
Oppure sì.
Tutta la faccenda è un continuo logorio.

Qualcuno un giorno disse che il male è come un boomerang, torna indietro. Me lo auguro con tutto il cuore perché se ne merita tanto, e ancora di più. E più del suo più.

Certi mestieri non possono più essere considerati semplici lavori, occorre una vera vocazione. Ma più mi guardo intorno e più mi rendo conto che nessuno ha più vocazione per nulla.

Commenti

Post popolari in questo blog

Felicità

Benvenuti a casa mia

Noi che leggevamo Cioè