Tondelli, Altri libertini


Non conoscevo questo scrittore italiano. Non l'ho mai incontrato nel corso dei miei studi, felice di averlo fatto nelle mie esplorazioni librarie.
E' un libro forte, scritto in prima persona, un flusso di coscienza farcito di scene forti, lessico scurrile. Potrei quasi definirlo l'Harry Miller di noi altri, visto il lessico, il frasario osceno, l'inserimento nei libri proibiti e perfino processato. Anche i temi che tocca sono i medesimi. Solo che la sua prosa è più aulica nonostante cada ogni tre righe nel gergale, nonostante usi tutte quelle parolacce e anche le bestemmie. Ma per descrivere quegli ambienti, quella gioventù bruciata, come può fare ? Non c'è altra via. Ci lascia uno spaccato di vita vera, quella vita omessa da altri, perché nessuno ha il coraggio di raccontarla così com'è.

Solo per caratteri forti e di ampie vedute. Ma va conosciuto.



Altri libertini ha avuto fin dagli inizi una vita avventurosa: pubblicato nel 1980, sequestrato per oscenità e poi assolto dal tribunale (‟con formula ampia”), è stato contemporaneamente giudicato dalla critica una delle opere migliori degli ultimi anni e ha imposto Tondelli tra i nuovi autori italiani più letti anche all’estero. I sei episodi, storie di gruppi più che di individui, legittimano l’adozione di una vera e propria soggettività plurale, di un Noi narrativo che fa del romanzo un ritratto generazionale: sullo sfondo della fauna scatenata che si muove nelle pagine di Tondelli c’è l’irrequietezza dell’ambiente studentesco bolognese, che al ‟realismo” della borghesia e alla rassegnazione del sottoproletariato oppone un vitalismo non eroico, ma disinibito e contagioso. Sia la disinvoltura con la quale Altri libertini, aggressiva opera prima, affronta vecchi tabù sia l’ironica diffidenza con la quale tratta mitologie culturali e politiche testimoniano dell’intima appartenenza dell’autore a una letteratura nuova e combattiva.



Commenti

Post popolari in questo blog

Chiara Parenti - La voce nascosta delle pietre

Il matrimonio di Pippa

Verso il salone del libro