9 scatole di libri

Oggi ho aperto i 9 scatoloni di libri che avevo fatto nel 2015 prima di andare a casa della nonna. Li ho aperti perché Vittoria ha preso a leggere molto, non gli piacciono troppo gli eBook e vuole libri di carta. Quindi oggi le ho selezionato dei libri adatti a lei come il diario di Anna Frank, Lessico Familiare, Sognavo l'Africa  ma anche i libri di Asimov. Attraverso i libri ho ripercorso la mia storia di lettrice e delle mie letture anche un po' banali, inesperte e anche da autodidatta. Non ho mai avuto nessuno che mi guidasse quando ero piccola. Mia mamma conosceva solo pochissimi autori e le mie letture sono state prettamente scolastiche. Anche all'università. Solo ora mi sento inserita nel panorama della letteratura a pieno titolo e invidio da morire mia figlia che ha me che la guida e la consiglia proponendo letture adeguate. Quello che io ho sempre sognato. Se avessi frequentato di più lo zio magari sarebbe avvenuto ma è andata altrimenti. Mi ha fatto piacere rivedere i miei libri ma al tempo stesso mi ha fatto male, probabilmente anche quando leggevo tanto non superavo i 20 libri l'anno. Probabilmente nel 2016 ho letto tanti libri come dal 1995 al 2000. Tra il 2000 e il 2006 forse ne ho letti di più, ma non credo più di 200.
Ho bisogno di uno scaffale. In sala non ci stanno più e ho bisogno di vedermeli tutti, di stargli vicino ogni giorno. Di aprire come oggi l'opera omnia di Shakespeare e leggere qua e là alcune battute, di aprire i libri di poesia e leggere qualcosa. Sfogliare un libro già letto in cerca di una nota. Di prenderne uno e di sfogliarlo. Passare il dito sulle coste evocando ricordi.
Ho bisogno di avere a portata i titoli quando lei me lo chiede, come oggi: mamma ma fra tutto questo hai fiabe italiane di Calvino? Eccolo qui. A colpo sicuro fra tanti.
Solo ora capisco la mia vertigine della lista... avere tutto per loro, tutto quello di cui hanno bisogno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Connessione assente

15 Agosto 1982

Il bozzo sul limitare del bosco