Passa ai contenuti principali

Amos Oz Cari Fanatici

Ho trovato la pubblicità di questo libro sulla pagina Instagram dlla Feltrinelli e non ho saputo resistere al richiamo, ho dovuto leggerlo immediatamente. Ultimamente le foto su Instagram atttirano la mia attenzione più di ogni altra cosa e alla fine leggo solo i libri che vedo passare su instagram (visitate il mio profilo su instagram @la_casa_della_maestra).
Questo libro, e soprattutto Amos Oz, mi ha aperto gli occhi su diverse questioni di cui non mi ero mai voluta occupare ne tantomeno interessare. Non ho mai seguito con attenzione, come invece avrei dovuto, cosa accade tra Palestina e Israele, anzi ci fu un tempo in cui ero così attenta al passato e così poco al presente che non riuscivo neanche a distinguere un Israeliano da un Palestinese. Leggendo questo libro ho invece capito molte cose e ho capito che dovrei anche andare più a fondo su altre questioni.
In questo testo sono contenuti due saggi sull'argomento "fanatismo". Uno più generico e uno più incentrato e specifico su Israele in particolare. Nella prima parte Oz ci tiene a far sapere che il fanatismo è qualcosa di indipendente dalla politica e dalla religione e fa l'esempio dei vegani, quanti fanatici ci sono fra i vegani? Oserei dire più che fra i Cristiani!
Gli spunti di riflessione sono veramente tanti e non è questo il luogo per descriverli tutti, lascio a voi il piacere della scoperta. Lo consiglio a chi ha voglia di riflettere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Allerta Meteo

Ecco il nostro autunno, sole caldo e allerte meteo. Oggi si comincia a chiudere le scuole, siamo tutte a casa con un giorno di vacanza inaspettato, ma che dovremmo poi recuperare, almeno io, prima o poi. Ero un po' stanca e un giorno di riposo è stato il benvenuto, non lo nego, ma quello che ho recuperato oggi lo riperderò in seguito. A quanto pare la perturbazione che attendevamo con paura si è scaricata sulla Sardegna e in mare, per cui siamo, come al solito, corsi ai ripari senza subire le conseguenze. I soliti mugugni sulle precauzioni ci sono, ma lo ammetto preferisco stare a casa con lo scampato pericolo che trovarmi in una situazione di pericolo senza essere stata avvertita. Qui in Liguria è un attimo, piove con grande intensità, un piccolo canale si ingrossa in poco tempo e il peggio è dietro l'angolo, sono convinta che se non avessero chiuso le scuole ci sarebbero stati disagi e polemiche. Insomma si sa i Liguri non sono mai contenti.

Prendiamo il lato positivo, eran…

quando tutto si fa difficile

Puoi essere positivo quanto vuoi, richiamare solo cose belle, cercare di essere felice, vestire di opportunità il brutto che ti circonda ma prima o poi ti devi fermare e renderti conto che quelle cose che tenti di vedere come oro e brillanti sono solo merda.
Non è la stanchezza che parla, non puoi sperare di nascondere le tue difficoltà facendo finta che non esistono, esistono eccome, non possono essere ignorate per sempre. 
Vorrei solo che ogni tanto coloro che mi circondano si rendessero conto che farmi pensare ad altro non è sempre positivo, certe cose vanno affrontate. Vorrei che chi mi circonda si accorgesse dei miei, anzi dei nostri problemi che sono veri e grandi e la smettesse di trattarli come se fossero sciocchezze o di sminuirli. Vorrei così tanto scappare dal peso dei miei problemi, vorrei così tanto che bastasse un po' di positività per cancellare processi penali, processi civili, invalidità permanenti, cartelle esattoriali, di padri scappati e madri malate, perché s…

Ritorno al lavoro

Dopo più di due mesi sono tornata a lavorare. Il suono della sveglia non è stato confortante, ed è stata piuttosto dura alzarsi dopo due mesi e più di ferie, ma... insomma le ferie non possono durare per sempre. Per questa settimana devo tornare all'IPSIA, mentre da sabato si comincia nel mio nuovo ITC. Molti colleghi non sapevano del trasferimento, quindi li sto informando della mia uscita dal famigerato potenziamento. Qualcuno non è d'accordo con la mia scelta, altri invece mi hanno fatto gli auguri per il mio nuovo incarico. 
Inutile dirlo, non vedo l'ora che sia sabato, ho voglia di iniziare con il nuovo incarico. Ho così tanta energia che le brutture di inizio anno dell'IPSIA non mi toccano e sono così felice di aver avuto un altro incarico, un altro anno non l'avrei retto. Per due anni è stata la scuola che mi ci voleva, ma adesso basta, ho bisogno di qualcosa di diverso. So che andrò a lavorare in un posto difficile, ma quale non lo è? In questi tre anni ho…

Notturno Indiano

Non riesco a sganciarmi da Tabucchi in nessun modo. Quando devo scegliere la lettura successiva ricado su di lui perché la sua scrittura mi ha conquistata.
Tabucchi aveva parlato di questo suo libro in Viaggi e altri viaggi che ho letto un po' di tempo fa e non ne era più contento, lo avrebbe riscritto volentieri, lo trovava ingenuo. Io l'ho letto con piacere fino alla scena che chiamerò "della Scimmia", da lì le parole dello stesso Tabucchi mi sono riaffiorate alla mente e mi hanno tolto il piacere della lettura dandomi l'impressione di aver già letto il libro. Di fatto non l'avevo letto, avevo letto ciò che ne pensava a posteriori lo stesso Tabucchi.
Le ultime tre pagine però mi hanno lasciato l'amaro in bocca. L'epilogo mi ha lasciata un po' perplessa. Non vi voglio dire nulla in merito, se siete curiosi leggetelo, in qualche modo merita comunque.

Curarsi con i libri

Non lo nego, è uno dei libri sui libri più bello che abbia mai letto e sono anche straconvinta dell'efficacia dei rimedi proposti. Ho trovato tanti libri che mi hanno fatto stare bene e che mi sono particolarmente piaciuti tra i rimedi consigliati e quindi posso dire sì, i libri curano.
Mi spiace averlo letto in ebook. Questo è un libro che va sfogliato, sottolineato, tenuto vicino per sempre Ho cercato di prendere qualche appunto qua e là, ma appena posso lo compro di carta, è veramente una bibbia di consigli utili.
Mi è piaciuto anche vedere da una diversa angolazione alcuni libri che ho letto in altre epoche della mia vita, in quel momento non li avevo proprio intesi in quell'ottica. Certo ogni libro può esere inteso e anche travisato dalla predisposizione personale di quel momento ed è vero che se un libro lo leggi a 20 anni a 40 può essere proprio tutto un altro libro, mi sta capitando con Calvino proprio adesso.
I Consigli sono molteplici, va letto, non raccontato.

Il 4 Maggio

Il 4 Maggio è il giorno del mio compleanno. Mi faccio gli auguri da sola perché vorrei tenermi questo giorno tutto per me e non condividerlo con nessuno. o per lo meno condividerlo solo con coloro a cui tengo veramente e in questo periodo li posso contare sulle dita di una mano. E' un brutto periodo per me e vorrei solo la pace intorno a me. Vorrei tanto tagliare i rami morti che mi circondano e ricominciare per davvero la vita da me, solo da me. Questo lo dicono tutti i libri di self-help, peccato che poi sia una soluzione impraticabile. Come si fa a tagliare tutto quello che nella vita non va? Certe cose proprio non si possono tagliare, non ne ho la possibilità.

Il 4 Maggio sono nati Keith Harring, Amos Oz, Rocco Siffredi e un sacco di persone tra atleti, filosofi, architetti e nobili che in qualche modo hanno fatto la storia e che potete leggere qui.
Mi è sempre piaciuto condividere il giorno del compleanno con Keith Harring, davvero. Lo adoro.

Tutti gli anni il 4 Maggio si ce…

Non siamo dei falliti

Oggi, o forse ieri, ho sentito dire alla TV che la generazione dei 40enni ha fallito. Doveva rottamare tutti e invece non è riuscita. Certo che non è riuscita dico io! Come possiamo riuscire a comandare quando abbiamo dietro di noi padri e nonni che appena sbagliamo, appena abbiamo un'incertezza dicono di farci da parte, prendono di nuovo il loro posto? Se da una parte avere ancora i nonni può essere una risorsa dall'altra è sicuramente un limite. Non più tardi di 50 anni fa era normale trovarsi orfano a vent'anni, oggi a 40 è capace che hai ancora i bisnonni in vita. Se da una parte ti danno sicurezza, se per alcuni sono fonte di reddito in molti casi sono solo fonte di impiccio. Non ci fanno spiccare il volo, sono la forza ma soprattutto il limite ( penso a persone come Berlusconi, Prodi ecc. che forse dovrebbero semplicemente godersi la pensione e non tornare in campo). Quindi io credo fermamente che la mia generazione non abbia fallito, è semplicemente troppo rispetto…

Una gran voglia di emigrare

Ho sempre avuto il pallino dell’immigrazione, fin da quando ero piccola. Speravo sempre che mio padre accettasse un trasferimento in qualche base stranieracome accadeva ai padri dei miei amici,  ma non accadde mai. Da grande ho cercato di andarmene ma in realtà non ne ho mai avuto il coraggio. Sei anni fa credevo che finalmente fosse giunto il momento.  Ho pensato davvero, concretamente a lasciare l’Italia per gli Stati Uniti.  L’idea del sogno americano è qualcosa di molto forte. Poi la certezza del ruolo imminente mi ha fatto desistere, ma in questi anni sono rimasta molto delusa dal mio paese, così tanto che la voglia dì andarmene é molto forte. L’Italia é un paese ingiusto, pieno di burocrazia e corruzione.  Per me è il paese dove è possibile sopravvivere e non vivere. Non so se davvero tutto il mondo è paese, e se dappertutto troverei questi problemi, quello che so é che a volte mi sento soffocare e vorrei cambiare aria. Purtroppo le radici sono forti, fortissime, e andare via n…

Campioni di generosità

In questi giorni mi sono resa conto di essere attorniata da persone generose, anzi, da veri campioni di generosità. Colleghi che devolvono i propri doni di nozze per comprare materiale per la biblioteca della scuola, colleghi che si affannano per fare le collette per alunni in difficoltà, fino a slanci di generosità così grandi che non ci sono davvero parole per descriverli. E io? Io non sono capace di tutto quello che loro fanno. Mi sbatto per assomigliare a loro, ma... non posso essere nemmeno lontanamente così. Il mondo non è poi così nero come lo si dipinge, esiste ancora un po’ di speranza, ancora un po’ di luce, basta cercarla.

Voglio arrivare qui

Vorrei alzarmi una mattina ed essere a questo livello.
Per ora ci riesco solo per poche ore. Ore fantastiche e bellissime che spero diventino sempre di più.
Vorrei non occuparmi più della gente, vorrei non preoccuparmi più di quelo che pensano gli altri, di essere totalmente libera di vivere come voglio io senza dover rendere conto a nessuno.
Non voglio fare cose assurde, voglio finalmente, per una volta, essere me stessa, come mai nella vita ho potuto.
Vorrei solo che coloro che mi circondano se ne rendessero conto e finalmente facessero un passo indietro.
Anch'io mi merito un briciolo di serenità, dopo tutto.