Ancora una volta

Svegliarsi al mattino con la notizia di un nuovo attentato gela il sangue di prima mattina, così tanto che nemmeno le coperte e il terpore della notte possono salvarti.

Preferisci non parlarne, ma qualcuno prima o poi ti dice "hai sentito di Parigi?".
Ormai succede così tante volte che l'unica risposta che riesci a darti è "la prossima volta tocca a noi".

E poi capisci che un po' tutti hanno paura dei luoghi affollati, qualcuno inizia ad aver paura durante la Messa. Molti preferiscono passare ponti e vacanze in luoghi un po' dimenticati, posti un po' nascosto ma bellissimi della nostra Italia cercando una sicurezza che le grandi capitali non riescono a darci.
Pensando in questo modo hanno vinto loro, noi tutti abbiamo paura. E chi non ha paura in questo momento?

P.s. Il poliziotto ucciso aveva la mia età, che strazio

Commenti

Post popolari in questo blog

sognando le vacanze che non farò

La seconda prova di maturità

Un libro con il nome di un personaggio nel titolo