Passa ai contenuti principali

La Reading Challenge 2017


Non credo che andrò oltre, chiudo qui. Mi sembra di aver fatto un ottimo lavoro visto che non volevo neanche iniziare.

Grazie a questa Challange ho scoperto moltissimi libri e mi sono imposta di leggerne altri che vegetavano da troppo tempo nelle mie liste senza speranza alcuna di essere letti come per esempio il libro di Paola Calvetti, Noi due come un romanzo, che poi mi è anche piaciuto tantissimo.

1. A book recommended by a librarian 
2. A book that's been on your TBR list for way too long PAOLA CALVETTI, noi due come un romanzo 
3. A book of letters NATALIA GINZBURG, Caro Michele
4. An audiobook
5. A book by a person of color Noo Saro-Wiwa In cerca di Transwonderland
6. A book with one of the four seasons in the title LIVELY, L'estate in cui tutto cambiò
7. A book that is a story within a story CALVINO, se una notte d'inverno un viaggiatore
8. A book with multiple authors, ECO - CARRIERE , non sperate di liberarvi dei libri

9. An espionage thriller
10. A book with a cat on the cover HOWARD - Leggere è una faccenda da gatti
11. A book by an author who uses a pseudonym TIJAN - Finalmente noi
12. A bestseller from a genre you don't normally read Pedro Chagas Freitas Era te che cercavo

13. A book by or about a person who has a disability Tempo d'estate - Lafaye
14. A book involving travel UHLMAN - Niente ressurezioni per favore
15. A book with a subtitle RECALCATI, Il complesso di telemaco, genitori e figli dopo il tramonto del padre
16. A book that's published in 2017 Fighting to be free
17. A book involving a mythical creature Sogni di sogni, TABUCCHI

18. A book you've read before that never fails to make you smile
19. A book about food ITO OGAWA la cena degli addii
20. A book with career advice AIME Timbuctu
21. A book from a nonhuman perspective Il Gatto che Aggiustava i cuori
22. A steampunk novel
23. A book with a red spine Diotallevi, Amedeo je T'Aime
24. A book seet in the wilderness
25. A book you loved as a child
26. A book by an author from a country you've never visited Coelho - Il Cammino di Santiago
27. A book with a title that's a character's name Squarciò - Solinas
28. A novel set during wartime Uhlman, Un'anima non vile
29. A book with an unreliable narrator GIBRAN Il Profeta
30. A book with pictures ECO - La vertigine della lista
31. A book where the main character is a different ethnicity than you ATIQ RAHIMI, Terra e Cenere
32. A book about an interesting woman Natalia Ginzburg Tutti i nostri ieri
33. A book set in two different time periods Julian Fellowes, Passato imperfetto
34. A book with a month or day of the week in the title McIwan, Sabato
35. A book set in a hotel
36. A book written by someone you admire DORIS LESSING Il senso della Memoria
37. A book that's becoming a movie in 2017 Kent Haruf Le nostre anime di notte
38. A book set around a holiday other than Christmas Bramati, Tutta colpa della mia impazienza
39. The first book in a series you haven't read before Anna Todd Nothing More
40. A book you bought on a trip

Advanced
1. A book recommended by an author you love Sandor Marai L'eredità di Eszter
2. A bestseller from 2016 KENT HARUF il canto della Pianura
3. A book with a family member term in the title Paola Calvetti , Cara Sorella
4. A book that takes place over a character's life span Memorie di una Geisha
5. A book about an immigrant or refugee ROTH La leggenda del santo bevitore
6. A book from a genre/subgenre you've never heard of
7. A book with an eccentric character MASSIMO BONTEMPELLI, la vita intensa
8. A book that's more than 800 pages
9. A book you got from a used book sale Amori stregati BEN JELLOUN
10. A book that's been mentioned in another book ELSA MORANTE, L'isola di Arturo
11. A book about a difficult topic RECALCATI , Melanconia e creazione in Van Gogh

12. A book based on mythology Boewulf


Ho scelto di lasciare 10 posti vuoti e ora vi spiego perché:
1. Un libro consigliato da un bibliotecario: non ho messo niente ma avrei potuto mettere Le città invisibili di Calvino, oppure la Boutique del Mistero di Buzzati o qualsiasi altro libro che ho letto, di fatto potrebbe essermi stato consigliato da un bibliotecario ma in verità non ne frequento e non ne conosco e sono io la bibliotecaria di me stessa, quindi lascio in bianco.
4. un audiobook: ci ho provato nel 2016 ma proprio non mi piacciono. Non potete obbligarmi.
9. Un thriller: anche in questo caso non mi piacciono, non posso leggere quello che non mi piace per una challenge.
18. Rileggere un libro che ti farà ridere: non leggo mai un libro due volte salvo casi speciali o fortuiti, quindi mi dispiace... non posso partecipare.
22. Un romanzo Steampunk: non è la prima volta che c'è, mi intriga il genere ma poi finisco sempre per non leggere mai niente, insomma non mi è capitato fra le mani il titolo giusto.
24. Un libro ambientato nella natura selvaggia: anche in questo caso non sono riuscita a trovare qualcosa che mi interessasse davvero.
25. Un libro che hai amato da bambino: ho iniziato a leggere tardi, ma mi piacerebbe leggere tutti quei libri che ho perso come per esempio il giardino segreto, piccole donne, ecc. ma allo stesso tempo ho paura che non sia più il momento e mi deludano quindi non ho il coraggio e lascio stare.
35. Un libro ambientato in Hotel: ne ho trovato uno solo e... non è che mi ha ispirato e non l'ho iniziato.
40. un libro comprato durante un viaggio: nonostante i miei numerosi viaggi durante questo 2017, non mi è mai capitato di comprare un libro... ultimamente li compro nei mercatini oppure su internet, e poi tantissimi ebook...
ADVANCED
6. un libro di un genere che non conosci... qui sono in difficoltà perché i generi ahimè credo di conoscerli tutti
8. un libro di più di 800 pagine: quest'anno non sono andata oltre le 600, i libri grandi mi spaventano.

Commenti

Post popolari in questo blog

Reading Challenge 2019

Eccola. Ecco anche quella 2019.
Dopo i disastrosi risultati della 2018 cosa farai carissima Artemisia?
Io intanto me la sono appuntata sul mio libro dei libri come faccio ogni anno, me la sono accuratamente  tradotta in Italiano, e mi sono resa conto che in questi anni ho fatto veramente tantissimi passi avanti nel mio inglese! Ho usato translate solo 2 volte e a dire il vero Wikipedia un pochino più spesso perchè certi generi non so proprio cosa siano, non è un problema di traduzioni, è proprio che non so di cosa si sta parlando, un esempio su tutti, ho scoperto proprio oggi che esiste una letteratura chiamata LitRPG, ovvero la letteratura relativa ai giochi di ruolo. Questo è il motivo per cui cerco sempre La Pop Sugar Rading Challange, perchè in un modo o in un altro mi apre a nuovi mondi contemporanei che se no io ignorerei. Se lo scosro anno ho imparato ad apprezzare la letteratura LGBQT ecc. Quest'anno potrei sicuramente implementare e allargare i miei interessi verso nuovi…

Un quarto d'ora di solitudine

Trascorrere 15 minuti al giorno da soli riduce irritabilità ed emozioni negative. Lo suggerisce uno studio americano pubblicato sul Personality and Social Psychology Bulletin.
 Non serviva uno studio per dirmi una cosa di cui mi ero accorta da sola e da tempo. Mi piace davvero stare in mezzo alla gente, mi piace fare festa, mi piace fare tante cose con gli altri, ma ho anche bisogno di stare con me stessa. Mica sempre eh!  Però a volte una colazione in solitudine e in silenzio mi ricarica tantissimo, da sola, prima che tutti si sveglino. Un idromassaggio lunghissimo e caldissimo in pace e tranquillità con un buon libro (sì, leggo anche quando faccio il bagno). Poi ci sono alcuni posti dove mi piace stare sola e in silenzio, come nel bosco, come nella mia casa in campagna, come davanti al camino con un libro e una birra. Insomma ci sono tantissime situazioni in cui è bello stare soli con sé stessi e si sta davvero bene. In questo mondo veloce, così tanto social, fermarsi e pensare so…

Il bisogno di fermarsi

Sento impellente il bisogni di fermarmi. Il bisogno di solitudine. Da troppo tempo siamo in continuo movimento, sempre affaccendati in cose, sempre alla ricerca di cose da fare e mi sento ormai esasperata da continui discorsi  cose da fare. Ho bisogno di fermarmi. Darmi pace e ritrovare il mio equilibrio prima del periodo più brutto dell'anno: il Natale. Che PAlle, odio il Natale, gli addobbi, i regali e tutto quello che ne consegue. Potessi addormentarmi l'8 dicembre e risvegliarmi il6 gennaio sarei davvero felice.
Odio coloro che già adesso iniziano a fare l'albero e quelli che iniziano il countdown ad Agosto. Ma che problemi hanno? Cosa ci sarà mai di bello nel Natale dove bisogna stare insieme per forza, condividere regali che devi trovare per forza e che non hai il piacere di fare e di ricevere? Per me sotto l'albero ci sono sempre state grandi delusioni, cose fatte per forza, mai una gioia. Nessuno si è mai sforzato di chiedermi cosa volessi per davvero, ma solo…

Venere di Milo a cassetti

Il fascino della venere di Milo di esemplifica, a mio avviso, in quest'opera di Dalì. Dalì riproduce la Venere inserendo dei cassetti nella testa, nei seni, nella pancia e su un ginocchio. Aggiunge ai cassetti un pomello di pelliccia che ci invita ad accarezzarlo per rinvigorire la sessualità repressa dalla diffusa morale cristiana. I cassetti sarebbero i nostri segreti più intimi che solo oggi la psicoanalisi è in grado di aprire.
Ma secondo Breton i significati sarebbero altri e per i dadaisti non significa semplicemente niente, anzi qualcuno suppone che ci sia lo zampino di Duchamp in questa opera di Dalì...

Piccoli attimi di felicità

Spesso quando spiego in classe mi lascio prendere dalla passione. Spiego opere che mi piacciono e mi lascio trasportare da evidente passione. In questi mesi ho Pian piano scoperto che questa passione è passata ai miei studenti e anche loro credono davvero che quello che ,ostro loro sia bello e soprattutto sia necessario essere visto.  Oggi mi hanno dato prova di credere in ciò che dici, di essersi affidati a me totalmente per apprendere.... non vi nascondo che per me é un’emozione nuova. Sono sempre stata contestata,  messa in discussione e d è la prima volta che mi sento approvata Totalmente. Forse anche perché è la prima volta che credo in me stessa e nelle mie capacità e nel mio sapere. Fino ad oggi mi sono sempre sottovalutata io stessa, mentre ora credo moltissimo nelle mie capacità grazie alle mie colleghe Maura ed Enrica che nei tre anni scorsi mi hanno insegnato tantissimo e fatto crescere professionalmente più dell’univer E della SSIS. Forse per formare gli insegnati bisogne…

Immenso dolore

Oggi ho avuto una terribile notizia, una mia alunna ha deciso di porre fine alla propria vita. Quando l’ho saputo mi è mancato il fiato, la terra sotto i piedi.  Una ragazza con tanta tristezza, una vita difficile, e forse nessuno che le è stato accanto. Io non so cosa dire o cosa fare. Se fossi stata ancora la sua professoressa non avrei retto. Non sarei riuscita ad uscirne. Ne sono così profondamente addolorata che non riesco a pensare ad altro.  Adoravo quella classe, ho un ricordo bellissimo di tutte le ragazze, una per una. Lei era la migliore, la più brava. In questo momento non è retorica, ma realtà . Forse ho parlato di lei in queste pagine è proprio ieri la pensavo, mi sono trovata a pensarla, ora che si avvicinava la maturità.  Che dire... sono svuotata dentro. Non ho parole. Solo mancamenti. Spero solo che riposi in pace.

Riflettere su me stessa

Il gesto estremo compiuto da G. Mi ha portato a lunghe riflessioni, su me stessa, sul mio periodo di depressione, sul mio attuale stato, sul mio essere insegnate e su quello che voglio essere e su cosa voglio dal mio futuro. Che questo gesto sia avvenuto 10 giorni dopo il mio compleanno mi ha portato a fare anche dei bilanci. Appena laureata  la mia missione era insegnare ai professionali perché volevo essere colei che insegnava a chi non aveva opportunità, colei in grado di cambiare un ragazzo. Ai professionali ho insegnato per sei anni su tredici di carriera e ho toccato con mano quanto questa missione, seppur nobile, richieda troppa parte di te per essere svolta. Lo scorso anno ho deciso di abbandonare e chiedere trasferimento perché ero troppo coinvolta nelle loro storie e non riuscivo ad aiutarli perché ero io la prima ad avere bisogno di aiuto. Le loro storie mi coinvolgevano troppo emotivamente e stavo troppo male, non nascondo che se fossi stata l’insegnante di G. Come lo sco…

Ritorno al lavoro

Dopo più di due mesi sono tornata a lavorare. Il suono della sveglia non è stato confortante, ed è stata piuttosto dura alzarsi dopo due mesi e più di ferie, ma... insomma le ferie non possono durare per sempre. Per questa settimana devo tornare all'IPSIA, mentre da sabato si comincia nel mio nuovo ITC. Molti colleghi non sapevano del trasferimento, quindi li sto informando della mia uscita dal famigerato potenziamento. Qualcuno non è d'accordo con la mia scelta, altri invece mi hanno fatto gli auguri per il mio nuovo incarico. 
Inutile dirlo, non vedo l'ora che sia sabato, ho voglia di iniziare con il nuovo incarico. Ho così tanta energia che le brutture di inizio anno dell'IPSIA non mi toccano e sono così felice di aver avuto un altro incarico, un altro anno non l'avrei retto. Per due anni è stata la scuola che mi ci voleva, ma adesso basta, ho bisogno di qualcosa di diverso. So che andrò a lavorare in un posto difficile, ma quale non lo è? In questi tre anni ho…

Attraverso i loro occhi

Alcuni di loro non li ho mai dimenticati. Li sento sempre vicini, ho matenuto i contatti attraverso facebook e attraverso instagram.
Li ho visti laurearsi, sposarsi e avere bambini. li ho visti diventare grandi e persino provare a diventare miei colleghi, del resto con i primi ci passiamo giusto 10 anni.
Ho visto nascere un sacco di amori fra i banchi di scuola, e da uno di questi amori, ormai diventato maturo, aspettiamo con ansia la nascita di un bel maschietto fra qualche giorno. Ogni anno ho un nuovo "nipotino" che nonostante tutto mi rende felice. Ora spetto lui, guardo le foto del magnifico viaggio di nozze di un'altra e le foto della laurea di altri di loro che si sono impegnati e ora stanno concludendo i loro studi. Di qualche altro seguo con fierezza la carriera professionale, magari spendendo una parola di conforto nei momenti difficili. Mi piace esserci ancora anche se non sono più la loro prof.

E ora che sono tornata ad essere prof e ho alunni tutti miei son…

Crepuscolo, Kent Haruf

In Robin Hood della Walt Disney la topina, moglie del sacrestano dice a Fra Tuck "Lo conservavamo per un giorno di pioggia" e da una moneta per i poveri al Frate. Così anch'io ho dei libri che "conservo " per i tempi duri, quando sono disperata e non ho niente di bello da leggere per trovare un po' di consolazione.  Con Kent Haruf vado sul sicuro, è sicuramente nell'olimpo dei miei scrittori e non sbaglia un colpo. Semmai io ho sbagliato a leggere l'ordine della trilogia della pianura, lasciando Crepuscolo, che è il secondo libro, per ultimo. Poco male, perchè tutti i libri di Haruf parlano di Holt e dei suoi cittadini e le storie si intrecciano e bene o male non ho commesso un grande danno.
Mi piace tantissimo la scrittura ascitta di Haruf, è scritto esattamente come vorrei fosse scritto ogni libro. L'ho decisamente amato dall'inizio alla fine.