Pensieri sparsi in una serata solitaria


Nei giorni scorsi mi sono ritrovata spesso a pensare che la vacanza invernale a Tenerife mi ha scaricata parecchio. Una volta tornata a casa non sono più riuscita a concentrarmi sul lavoro, la mia mante è rimasta al cazzeggio estivo e non c'è niente da fare non riesco a tornare lucida. I giorni con il mal di testa sono raddoppiati e mi pesa da morire andare al lavoro.

Sarà che quest'anno al lavoro marca proprio male, sono proprio demotivata, sarà che comunque è un periodo difficile per molte altre questioni è tutto sommato non vedo l'ora che sia estate. Ho voglia di sole, mare e libri. La scuola mi pesa davvero tanto.

Vorrei vincere tanti soldi e chiudere con questa vita, non è insopportabile però mi sta abbastanza stretta. Penso di meritare ancora di più. Mi sento di valere come insegnante eppure sono al nulla. Sostituisco i colleghi assenti. Quest'anno non ho altra funzione. Mi sento in grado di dare di più, mi manca proprio insegnare, preparare le lezioni, correggere le verifiche. MA chissà quando riuscirò ad uscire da questa situazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Profeta

Maturità 2017

Mal di testa