Passa ai contenuti principali

Come si fa a leggere più di 100 libri all'anno?


Qualche giorno fa ho letto un articolo che consigliava 5 step per arrivare a leggere 100 libri all'anno. E devo dire che inconsciamente è quello che ho fatto io, a partire dal 2013 e forse solo in questo 2016 arriverò davvero a 100 (secontinuo così, con questo ritmo dovrei arrivare a 88, quindi mi sto impegnando a tirare di più).

Quello che posso dire io della mia esperienza è questo, non si può passare da 10 a 100 in un solo anno. Ci vuole molta forza di volontà.
Nel 2012 ne ho letti 16.
Nel 2013 ne ho letti 37.
Nel 2014 ne ho letti 62.
Nel 2015 ne ho letti 80.
Come vedete sono andata avanti con gradualità.
Innanzi tutto mi sono posta un obbiettivo ad inizio anno, almeno uno in più dello scorso anno.
Seconda cosa nel 2013 sono passata alla lettura digitale e avevo sempre un libro con me. Nel 2013 ho iniziato a leggere ovunque, anche solo una pagina, avevo sempre un libro nel telefono da leggere quando non sapevo cosa fare. In questo modo ho raddoppiato il numero di libri letti.

Poi ho iniziato a frequentare gruppi di lettura e persone a cui piace leggere. Poterne discutere con qualcuno è veramente importante.

Ho iniziato a leggere per piacere. Accanto a libri pesanti avevo sempre un romance. E la vera salvezza è sempre stata leggere almeno tre libri in contemporanea. Uno mi annoia, ne prendo un altro, mentre prima mi obbligavo a finirne uno prima di iniziarne un altro.

Avere a diposizione anche moltissimi titoli fra cui scegliere è importante. Se posso leggere 80 compro 160 libri, in modo da avere sempre scelta. Meglio un libro di una borsa.

Mi ha aiutata tantissimo ad implementare le mie letture redigere quello che io chiamo "il libro dei libri" un quadernetto dove appunto i titoli dei libri che mi interessano, le liste di libri che più o meno un giorno leggerò e lke impressioni su quello che ho letto. Quando non so cosa leggere lo sfoglio e noto che magari è dalk 2014 che devo leggere quel libro e allora lo prendo in mano.

Leggendo così tanto, ho smesso di guardare la tv.  Ma questa è stata una conseguenza.

Come cita l'articolo basta 1 ora al giorno per leggere 100 libri all'anno. Io quell'ora pian piano l'ho trovata e non la lascio più.

Commenti

  1. Cento libri è un traguardo notevole. Io lo scorso anno ne ho letti 42 e ho fatto un post proprio oggi partecipando ad un meme. Se ti interessa sul mio blog ci sono i nomi delle persone da cui ho preso l'idea.
    Faccio come te comunque.
    Ebook sul tablet e cartaceo a casa. Un libro sul comodino per leggere quslche pagina prima di dormire, uno sotto sul divano da leggere mrntre attfndo il marito e la figlia.
    Se un libro non mi piace o mi annoia lo metto in stand by per un po'. Poi, non so perchè quando lo riprendo in mano lo finisco

    RispondiElimina
  2. Cento libri è un traguardo notevole. Io lo scorso anno ne ho letti 42 e ho fatto un post proprio oggi partecipando ad un meme. Se ti interessa sul mio blog ci sono i nomi delle persone da cui ho preso l'idea.
    Faccio come te comunque.
    Ebook sul tablet e cartaceo a casa. Un libro sul comodino per leggere quslche pagina prima di dormire, uno sotto sul divano da leggere mrntre attfndo il marito e la figlia.
    Se un libro non mi piace o mi annoia lo metto in stand by per un po'. Poi, non so perchè quando lo riprendo in mano lo finisco

    RispondiElimina
  3. eppure ci sono riuscita! 100 tondi tondi perché non ho voluto strafare

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il bisogno di fermarsi

Sento impellente il bisogni di fermarmi. Il bisogno di solitudine. Da troppo tempo siamo in continuo movimento, sempre affaccendati in cose, sempre alla ricerca di cose da fare e mi sento ormai esasperata da continui discorsi  cose da fare. Ho bisogno di fermarmi. Darmi pace e ritrovare il mio equilibrio prima del periodo più brutto dell'anno: il Natale. Che PAlle, odio il Natale, gli addobbi, i regali e tutto quello che ne consegue. Potessi addormentarmi l'8 dicembre e risvegliarmi il6 gennaio sarei davvero felice.
Odio coloro che già adesso iniziano a fare l'albero e quelli che iniziano il countdown ad Agosto. Ma che problemi hanno? Cosa ci sarà mai di bello nel Natale dove bisogna stare insieme per forza, condividere regali che devi trovare per forza e che non hai il piacere di fare e di ricevere? Per me sotto l'albero ci sono sempre state grandi delusioni, cose fatte per forza, mai una gioia. Nessuno si è mai sforzato di chiedermi cosa volessi per davvero, ma solo…

Skopas, Menade Danzante

Fino ad ora ho aggiunto a questa mia collezione privata opere che in quel determinato momento significavano qualcosa per me, magari perché le stavo spiegando in classe o perché stavo leggendo un libro. In seguito ho aggiunto due filoni tematici che mi hanno sempre affascinata: i baci e le donne in bianco. Ma di opere che amo fortemente ce ne sono poche.
La Menade danzante di Skopas è una scultura che mi è sempre piaciuta tantissimo sin dal Liceo. Non ho ancora avuto la fortuna di andare a Dresda ad ammirarla dal vivo e mi sono sempre accontentata delle fotografie.
La statua rappresenta una delle menadi, le fanciulle seguaci del dio Dioniso di cui ne celebravano il culto con cerimonie orgiastiche e danze forsennate al suono di flauti e tamburelli, al culmine delle quali aveva luogo il sacrificio di un capretto o di un capriolo, dilaniato a colpi di coltello e divorato crudo nel momento del parossismo estatico. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad una copia di età romana. Di q…

Il Cassettino dei Ricordi

Mi piace un sacco perdermi tra le immagini di Pinterest perchè escono cose che avevo dimenticato. Cose che una volta, negli anni 80 non ci sognavamo davvero di fotografare come questa boccetta di plastica che conteneva la pennicellina che la nonna custodiva nell'armadietto dei medicinali e mi metteva sopra le ferite.
Non aveva data di scadenza.
Esisteva.
Era lì per le mie ginocchia eternamente sbucciate. Non ricordo una sola estate senza una crosta sul ginocchio, e invece le mie figlie hanno quelle ginocchia sempre lisce, come se le ginocchia rotte fossero appanaggio degli anni 80...
E ora grazie a Pinterest e a internet il ricordo sbiadito della nonna che mi cura le ginocchia sarà qualcosa di più concreto.

bacio alla Finestra, Munch

“Il bacio con la finestra” è un dipinto di Munch del 1892 conservato al National Museet for kunst di Oslo. Una coppia di amanti clandestini si baciano vicino a una finestra, nascosti al mondo esterno da una tenda. Al di fuori, pochi passanti e qualche vetrina illuminata. La pittura è carica di tinte macabre e realizzata con pennellate spesse. Le tinte fredde richiamano le atmosfere nordiche. Il dipinto fa parte di un gruppo di opere sul tema del ciclo della vita, della morte e dell’amore.

La nuova scuola

Stamattina mi sono presentata alla nuova scuola. L’istituto tecnico più grande della città, in una zona residenziale, proprio dove abita la mia mamma, giusto 10 minuti a piedi da casa sua, a 20 minuti di autobus dalla mia. Non lavorerò più in centro, non vedrò più il mare dalle finestre. Adoravo queste cose l’anno scorso, però quanto ho sofferto! Questa scuola è dislocata, le finestre danno su un parcheggio, si vedono container, autostrada e porto mercantile. Quando si esce non c’e Un negozio e nemmeno un bar. Però qui avrò 18 ore in classe. Sono finalmente uscita dal potenziamento. Oggi ne ho avuto la conferma. Torno ad essere una professoressa a pieno titolo con classi, studenti, un programma da svolgere, saggi da preparare e interrogazioni. Quando ci penso mi viene da piangere. Mi scendono le lacrime al pensiero di usare una Lim, di ricercare immagini, di fare ppt. Nei prossimi giorni inizierò a guardarmi il programma svolto e farmi un’idea, soprattutto per i grafici. Speravo di u…

Millet, coltivatori di patate

Ho partecipato molte volte alla raccolta delle patate, ma mai alla semina. In questo dipinto Millet racconta la semina delle patate. L'uomo che con la zappa prepara il dolci, la donna che lascia cadere le patate a terra, nella speranza che esse prolificano. Questo dipinto ha la stessa monumentalità di un quadro assai più famoso di Millet, l'Angelus. Anche qui troviamo una coppia di contadini, non intenta alla preghiera ma bensì al lavoro quotidiano.

Piccoli attimi di felicità

Spesso quando spiego in classe mi lascio prendere dalla passione. Spiego opere che mi piacciono e mi lascio trasportare da evidente passione. In questi mesi ho Pian piano scoperto che questa passione è passata ai miei studenti e anche loro credono davvero che quello che ,ostro loro sia bello e soprattutto sia necessario essere visto.  Oggi mi hanno dato prova di credere in ciò che dici, di essersi affidati a me totalmente per apprendere.... non vi nascondo che per me é un’emozione nuova. Sono sempre stata contestata,  messa in discussione e d è la prima volta che mi sento approvata Totalmente. Forse anche perché è la prima volta che credo in me stessa e nelle mie capacità e nel mio sapere. Fino ad oggi mi sono sempre sottovalutata io stessa, mentre ora credo moltissimo nelle mie capacità grazie alle mie colleghe Maura ed Enrica che nei tre anni scorsi mi hanno insegnato tantissimo e fatto crescere professionalmente più dell’univer E della SSIS. Forse per formare gli insegnati bisogne…

Anna Karenina

Questo grande libro è uno dei miei primissimi libri, onestamente fregato ai pochi che erano presenti in casa durante la mia infanzia. Ho cercato di leggerlo a 16 anni, ma dopo alcune centinaia di pagine ho abbandonato. Non è mio costume abbandonare i libri e la mia sfida è durata quasi 25 anni. Mi sono detta che prima o poi avrei riprovato, sono passati 25 anni e l'ho fatto.
La lettura è stata davvero difficile, non vi nascondo che mi sono legata alla sedia per finirlo, come Alfieri. LA prima volta ho abbandonato perchè i nomi erano troppo complicati, mi ero convinta che i personaggi venissero chiamati con troppi nomi diversi e perdevo il filo. stavolta non ho assolutamente incontrato questa difficoltà, anzi la storia ormai mi era nota perchè ho visto diverse riduzioni cinematografiche che mi hanno fatto capire come andava. Invece la grandissima difficoltà questa volta le ho incontrate nelle lunghissime dissertazioni attribuite a  Costantin Levin. Si sa che il peronaggio di Levin…

Ia Orana Maria, Gauguin

Gauguin è uno dei miei pittori preferiti, lo sento da sempre uno spirito affine, condivido con lui l'irrequietezza che lo ha portato ai confini del mondo alla ricerca di un vivere primitivo a totale contatto con la natura per spogliarsi delle convenzioni occidentali, cosa che purtroppo non ha mai trovato, nemmeno a Tahiti, nemmeno nelle isole Marchesi.

un po' così

Questo per me è un momento un po' così, mi sono un po' persa e non so come ritrovarmi. E' un periodo molto difficile e ivece che affrontarlo, fuggo.
Per anni ho tenuto duro vedendo la luce infondo al tunnel, ora mi è impossibile. Vedo solo il buio senza via d'uscita. Mi dico che devo costruire una nuova vita, nuove cose, ma mi manca la propensione. Arrivo fino ad un punto e poi... mi ritiro. Non riesco proprio più ad andare avanti.