Leggendo After

La copertina di questo libro mi chiama da tutta l'estate. La guardavo e sapevo che sarebbe stato un libro che mi sarebbe piaciuto.
Ma ho esitato.
Poi una mia amica mi ha manifestato la sua intenzione di leggerlo. E allora mi è partito l'embolo:dovevo leggerlo.
Poi profmat mi ha detto che aveva iniziato a leggerlo e non riusciva a stacarsene. Più sere era rimasta sveglia fino alle 3 a leggere.
Dopo queste informazioni ho dovuto leggerlo anch'io.
Ho terminato quello che avevo da terminare e l'ho iniziato. Se profmat è rimasta sveglia fino alle 3 io ci sono rimasta fino alle 5e20. 6 ore di lettura di seguito, non riuscivo a fermarmi...

Che mi ha travolto è dir poco. È dai tempi di Twilight che non mi emozionavo  così tanto. Chiamalo Edward,  chiamalo Damon, chiamalo Travis, chiamalo Hardin... è sempre lui il ragazzo bello e dannato che si innamora della ragazza impacciata e nemmeno bellissima. È l'intreccio amoroso più banale ma che mi fa sognare, che mi piace leggere... sì ho 36 anni ma è come se ne avessi ancora 17... non ho mai smesso di avere 17 anni del resto e sono queste le storie che emozionano la 17enne che è in me e che non vuole morire e che non vuole crescere. Penso che anche quando avrò 80 anni saranno queste storie che mi faranno emozionare.
E ora vado a leggere, conscia del fatto che sono già usciti 3 libri della serie e ne usciranno almeno altrettanti.

Commenti

  1. Io di anni ne ho 64, ma le storie d'amore mi stregano sempre...Atapo

    RispondiElimina
  2. ma qui sono due adolescenti! E comunque anch'io non smetterò mai!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il matrimonio di Pippa

Chiara Parenti - La voce nascosta delle pietre

Paola Calvetti, Gli Innocenti