Fuggire


Per mesi ho cercato di pianificare una fuga. Ho controllato aerei, hotel, mete esotiche... quando la fuga migliore l'avevo sotto il naso, davvero vicino a casa senza il dispendio di molte risorse.
Spesso le cose migliori le abbiamo sotto il naso e non ce ne accorgiamo, o forse semplicemente non le vogliamo vedere, tanto siamo abituati a cercare sollievo nell'irraggiungibile, mentre la felicità è nelle piccole cose intorno a noi, nell'abbraccio sincero della famiglia, nel focolare, nel raccoglimento di una piccola chiesa di campagna. La felicità è nella via lattea ancora visibile, nel paese riunito ad ascoltare musica, nel paese riunito a ridere delle scenette di una piccola compagnia teatrale.
La felicità tanto rincorsa è nella puzza del letame, è nell'uccellino che ha fatto il nido nella finestra della camera del nonno, è nel latte che caglia e diventa formaggio che si mangia ancora caldo.

In questo idillio ti rendi conto che ti basta una sola maglietta, perché infondo averne cinquanta serve solo a riempire il vuoto lasciato quando questo non c'è, e bisogna solo fare in modo che la mia vita sia  più piena di momenti come questo, ne abbiamo bisogno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Colazione da Pandora

la quinta elementare

Campioni di generosità

Curarsi con i libri

Non siamo dei falliti

Il primo giorno di mare

Numb, Nicolas

la TBR di MAggio