La Spezia in un giorno

Post dedicato a tutti coloro che sostano nella mia città per un solo giorno, soprattutto a coloro che arrivano con la nave da crociera.

La Spezia è una piccola città visitabile senza sforzo a piedi, specialmente dal terminal crociere.

Come potete vedere da questa pianta non è molto difficile girare tutta la città nel giro di un giorno.
La città sta subendo una lenta trasformazione, da città industriale e quasi dormitorio quale era negli anni 80, sta cercando la via del turismo dopo la progressiva smilitarizzazione. 
La Spezia è sorta intorno all'Arsenale a partire dalla metà dell'ottocento, prima era un piccolo borgo non dissimile dagli altri paesi della provincia come per esempio Lerici,  tutto concentrato attorno al castello di San Giorgio. Oggi è rimasto poco di quel piccolo borgo, per lo più distrutto dalle bombe della seconda guerra mondiale, e le piccole vestigia della città antiche sono sotto gli occhi di tutti ma ormai gli spezzini non le vedono più.

Partendo dalla passeggiata Morin (ovvero dal terminal crociere) si può vedere tutto senza ricorrere a bus, taxi o altro.

La passeggiata a mare e i giardini pubblici meritano una visita. I giardini pubblici della città sono ricchi di varie specie botaniche, costituiscono certamente un aspetto di grande importanza per il tessuto urbano e sociale della Spezia.
Al termine della passeggiata troverete il nuovissimo ponte Thaon di Revel, a mio avviso la parte più bella della nuova città. Spendete 10 minuti per percorrerlo, arrivati al centro avrete la città in mano. Davanti a voi il castello San Giorgio, a destra il porto mercantile e a sinistra il porto militare. Alle vostre spalle tutto il golfo nel suo splendore. 
Se è ora di pranzo o di cena fermatevi pure a mangiare dai pescatori, la coda è sempre un po' lunga ma merita. Oppure se è estate sulla passeggiata trovate uno stand dove si cucinano i muscoli (non chiamatele mai cozze quando siete qui) e la focaccia, piatto tipico e semplice e con pochi euro mangerete davvero bene.


Poi a voi la scelta. Volete vedere i musei oppure gironzolare per il centro? I musei che meritano una visita sono il Museo Navale che si trova vicino alla porta principale dell'Arsenale e poi il Museo Archeologico del Castello San Giorgio. Questi sono i nostri musei più importanti perché custodiscono la storia della città, da una parte la vocazione marinara e militare, dall'altra la storia trimillenaria della provincia. Al Castello San Giorgio ci si arriva a piedi percorrendo Via del Prione, più comunemente Via Prione, che potrete imboccare dopo i giardini. Percorrendola troverete indicazioni per raggiungere al primo dei due ascensori che vi faciliteranno l'ascesa al castello. 
Al museo del Castello San Giorgio troverete le antiche statue steli della Lunigiana e una collezione di reperti della vicina Luna, la città romana a pochi km da qui. E dalle terrazze del castello potrete ammirare un panorama mozzafiato della città e dell'intero golfo.



Se vi interessa vedere la città allora percorrete Via Prione e Corso Cavour le due vie centrali. Non siamo ancora una città pienamente turistica, quindi troverete negozi normali, qualcuno si sta attrezzando con souvenir, ma non si nota poi così tanto. Potete mangiare a prezzi modici nella pizzeria LA PIA. Si trova in una piccola traversa di Via Prione e in città la conoscono tutti, non esitate a chiedere, chiunque saprà indicarvi la via. La Pia è lì da più di 100 anni e in origine serviva un pezzo di farinata e un bicchiere di vino agli operai che uscivano dall'arsenale dopo il lavoro. L'arsenale si è svuotato, ma la Pia è sempre lì. Ovviamente oggi serve sia Pizza al taglio che farinata, e un assaggio merita davvero! Come dolce vi offre il castagnaccio. Ricordatevi che la Liguria era una terra povera e poveri sono i suoi piatti tipici.

Nei dintorni della stazione potrete trovare molti palazzi Liberty perfettamente conservati. Ma di questo ne parlerò nei prossimi post!

Commenti

Post popolari in questo blog

Il matrimonio di Pippa

Chiara Parenti - La voce nascosta delle pietre

Paola Calvetti, Gli Innocenti