Passa ai contenuti principali

La mia famiglia: istruzioni per l'uso


Prima dell'incidente che ha subito mio marito al lavoro eravamo una famiglia perfetta, tanto perfetta che più volte mi hanno chiesto di scrivere come siamo diventati tanto perfetti. Io allora non lo sapevo, non riuscivo a capire le ragioni del "nostro successo", anzi mi consideravo una mamma a metà.
Poi è iniziato questo brutto periodo, che dura da due anni e di cui non vediamo la fine e ho avuto modo di capire come mai le mie bambine sono tanto belle, felici ed educate.
In questi due anni ci siamo persi, ognuno per la sua strada. Viki ha avuto problemi a scuola, Rachele ha avuto un regresso e si faceva la pipì addosso e noi... noi beh abbiamo dovuto affrontare problematiche veramente grosse.
Oggi forse ho capito qual è la ricetta per bambini felici e docili. I bambini sono lo specchio dei genitori. Un genitore infelice genera un bambino terribile.
Quando penso al nostro prima vedo una famiglia felice, non una famiglia perfetta. Quando è nata Rachele eravamo veramente felici. Vittoria "non era più sola" e in quattro vivevamo meglio che in tre, non so perché. Molte tensioni si erano sciolte e noi eravamo veramente felici. E in una famiglia felice si è tutti sereni, nessuno urla, si è tutti sereni.
Ma la felicità cos'è? Questo non lo so.
Riflettendo sulla mia vita ho capito che queste cose fanno girare bene la mia famiglia.

1) Se io sono felice e tranquilla lo sono anche loro.

2) Per me essere felice significa essere in grado di sognare, essere in grado di coltivare sogni e mettercela tutta per realizzarli. Questa è la cosa che mi appaga veramente. In quel periodo ero capace di sognare e soprattutto capace di realizzare.

3) Quando ero felice avevo una situazione lavorativa più stabile. Ero precaria ieri come oggi, ma ieri avevo qualche garanzia in più e soprattutto un contratto a tempo pieno che ho conservato per tre anni consecutivi, oggi ho un contratto part - time in scadenza e con pochissime probabilità di essere riassunta. Nella testa degli adulti il lavoro e la stabilità lavorativa sono una fetta importante e ho imparato che queste tensioni inconsce si riversano sui figli facendoli diventare terribili.

4) Quando eravamo felici avevamo molto spazio a disposizione. Ho notato che i bambini in uno spazio ristretto diventano isterici, per questo quest'estate sono andata al mare anche quando era brutto tempo, noi abbiamo bisogno di spazio.

5) I soldi non fanno la felicità ma aiutano. Farsi avanzare qualche centinaia di euro al mese per realizzare futili desideri aiuta tantissimo gli adulti ad essere felici e tranquilli. Adulti felici significa bambini tranquilli.


6) Gli amici sono fondamentali. Continuare ad avere una vita sociale è importantissimo. Per me è fondamentale continuare a vedere gli amici che avevi prima di farti una famiglia, uscire da solo qualche volta, uscire tutti insieme altre volte. Se non sono crollata è perché ho avuto vicino delle persone speciali. E ora che siamo tutti e tre insieme nel solito posto di lavoro come una volta sono veramente sollevata.

7) Sapersi ritagliare dei momenti unici con la propria famiglia. Noi per esempio condividiamo la passione per l'acqua. Per noi 4 l'acqua ha avuto sempre un ruolo centrale. L'acqua ci calma e ci distende, l'acqua ci diverte. Fare il bagno insieme per noi è il massimo. Ho sempre pensato che un punto importantissimo del nostro stare bene sia stato il corso di acquaticità che abbiamo iniziato quando Viki aveva solo 2 mesi e che non abbiamo ancora smesso.

8) Ritagliarsi piccoli momenti per coltivare i propri interessi personali aiuta l'umore!

Quindi con dei genitori felici si hanno bambini decisamente tranquilli.
Come faccio a tenerle sotto controllo?

1) Dando loro poche chiare regole, ma che faccio rispettare scrupolosamente

2) Dando loro la libertà di esprimersi.

3) Cerco di non urlare. Con un urlo non si guadagna niente.

4) Limito le spiegazioni, ma non il dialogo.  Alcuni sostengono che hai bambini vanno spiegate le cose, le ragioni dei no. Per me non è corretto. Io decido e non si discute. Questo non vuol dire che non parliamo, anzi ci facciamo delle chiacchierate epiche, ma non sulle regole, sia chiaro, quelle sono imposte, su quello non c'è democrazia.

5)Limito la Tv e il computer in genere. La tv le rende nervose e isteriche. Qualsiasi cosa guardino. e il computer (leggi video giochi, tablet, smartphone) genera conflitti e isterie di cui faccio a meno. Quindi tendo a nascondere tali oggetti dalla loro vista e limitarli nel tempo.

6) Cerco di accontentarle nel limite del possibile. Cerco di dare loro tutto quello che mi è possibile. Dal cupcake  homemade per la merenda a scuola, la socialità, lo sport, i vestiti.

7) Coltivo momenti speciali da rendere unici. Una giornata di shopping, una visita ad un museo, una giornata al parco... insomma quello che mi riesce.

8) Gli dico "ti voglio bene" senza alcun motivo. E' bello sentirselo dire mille e mille volte al giorno! Se sono abituate a sentirselo dire lo faranno anche loro. Pensate quando avete una giornata storta al lavoro e tornate a casa distrutti e il vostro piccolo senza una ragione si avvicina e vi dice "ti voglio bene" e vi dona un abbraccio, non è la migliore di tutte le medicine?

L'unico mio difetto è questo: tendo a dare loro tutto quello che io desideravo quando ero piccola e troppe volte non corrisponde a quello di cui loro hanno bisogno.In questo periodo tendo a controllare questo mio impulso, ma non nascondo che per me è difficilissimo.

Questo mio post non vuole essere una ricetta, o una legge, ma ho solo scritto la mia esperienza sperando sia utile a qualcuno. Io mi sono sempre fidata delle esperienze e non di chi si è messo n cattedra a spiegarmi come devo essere genitore.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ritorno al lavoro

Dopo più di due mesi sono tornata a lavorare. Il suono della sveglia non è stato confortante, ed è stata piuttosto dura alzarsi dopo due mesi e più di ferie, ma... insomma le ferie non possono durare per sempre. Per questa settimana devo tornare all'IPSIA, mentre da sabato si comincia nel mio nuovo ITC. Molti colleghi non sapevano del trasferimento, quindi li sto informando della mia uscita dal famigerato potenziamento. Qualcuno non è d'accordo con la mia scelta, altri invece mi hanno fatto gli auguri per il mio nuovo incarico. 
Inutile dirlo, non vedo l'ora che sia sabato, ho voglia di iniziare con il nuovo incarico. Ho così tanta energia che le brutture di inizio anno dell'IPSIA non mi toccano e sono così felice di aver avuto un altro incarico, un altro anno non l'avrei retto. Per due anni è stata la scuola che mi ci voleva, ma adesso basta, ho bisogno di qualcosa di diverso. So che andrò a lavorare in un posto difficile, ma quale non lo è? In questi tre anni ho…

quando tutto si fa difficile

Puoi essere positivo quanto vuoi, richiamare solo cose belle, cercare di essere felice, vestire di opportunità il brutto che ti circonda ma prima o poi ti devi fermare e renderti conto che quelle cose che tenti di vedere come oro e brillanti sono solo merda.
Non è la stanchezza che parla, non puoi sperare di nascondere le tue difficoltà facendo finta che non esistono, esistono eccome, non possono essere ignorate per sempre. 
Vorrei solo che ogni tanto coloro che mi circondano si rendessero conto che farmi pensare ad altro non è sempre positivo, certe cose vanno affrontate. Vorrei che chi mi circonda si accorgesse dei miei, anzi dei nostri problemi che sono veri e grandi e la smettesse di trattarli come se fossero sciocchezze o di sminuirli. Vorrei così tanto scappare dal peso dei miei problemi, vorrei così tanto che bastasse un po' di positività per cancellare processi penali, processi civili, invalidità permanenti, cartelle esattoriali, di padri scappati e madri malate, perché s…

80 000 persone

Qualche giorno fa ho letto che ogni persona ha contatti nella propria vita con circa 80 mila persone.

Mi sono detta: sono troppe. Sono a metà circa della mia vita e non ho avuto davvero rapporti con 40 mila persone. Però oggi ho incontrato a scuola un assistente tecnico che avevo i primi anni di carriera e insieme abbiamo ripercorso i 10 anni intercorsi e ripensandoci in questi 13 anni di lavoro quante persone ho incontrato? Tra studenti, genitori, colleghi, personale ATA posso contare contatti con 300 o 500 persone all'anno. Alcune sono sempre le stesse, altre no. In tredici anni di carriera avrò visto passare almeno 5000 persone? Non le ricordo più tutte. Contando le persone che casualmente incontri dal dottore, per strada oppure in vacanza e di cui perdi memoria è assolutamente verosimile entrare in contatto in una vita intera con 80 mila persone, almeno per me, che faccio un lavoro a stretto contatto con gli esseri umani.
La cosa triste è perdere la memoria di gran parte di l…

Curarsi con i libri

Non lo nego, è uno dei libri sui libri più bello che abbia mai letto e sono anche straconvinta dell'efficacia dei rimedi proposti. Ho trovato tanti libri che mi hanno fatto stare bene e che mi sono particolarmente piaciuti tra i rimedi consigliati e quindi posso dire sì, i libri curano.
Mi spiace averlo letto in ebook. Questo è un libro che va sfogliato, sottolineato, tenuto vicino per sempre Ho cercato di prendere qualche appunto qua e là, ma appena posso lo compro di carta, è veramente una bibbia di consigli utili.
Mi è piaciuto anche vedere da una diversa angolazione alcuni libri che ho letto in altre epoche della mia vita, in quel momento non li avevo proprio intesi in quell'ottica. Certo ogni libro può esere inteso e anche travisato dalla predisposizione personale di quel momento ed è vero che se un libro lo leggi a 20 anni a 40 può essere proprio tutto un altro libro, mi sta capitando con Calvino proprio adesso.
I Consigli sono molteplici, va letto, non raccontato.

Ci vediamo un giorno di questi

Cosiì tanti avvenimenti in così poche pagine. In questo libro succedono mille e mille cose in pochissime pagine, forse troppe. Però alla fine è stata un'esperienza di lettura positiva, carina. Il libro mi è piaciuto anche se di fondo la storia di Cate è triste e, diaciamola, quella di Ludo davvero assurda.

Il libro è ambientato a Genova, ma alcuni fatti si svolgono anche a Porto Venere. Ho faticato un po' a collocare le zone descritte nonostate io conosca Porto Venere quasi come le mie tasche essendo del luogo, ma comunque poco importa, mi causa sempre una grande emozione vedere sulla carta stampata il nome di casa mia. Poi quando ho trovato scritto Palmaria, il cuore ha proprio cessato di battere. La mia isola, il luogo del mio cuore. Nuotare alla Palmaria è davvero qualcosa per pochi, sapevatelo.

Il 4 Maggio

Il 4 Maggio è il giorno del mio compleanno. Mi faccio gli auguri da sola perché vorrei tenermi questo giorno tutto per me e non condividerlo con nessuno. o per lo meno condividerlo solo con coloro a cui tengo veramente e in questo periodo li posso contare sulle dita di una mano. E' un brutto periodo per me e vorrei solo la pace intorno a me. Vorrei tanto tagliare i rami morti che mi circondano e ricominciare per davvero la vita da me, solo da me. Questo lo dicono tutti i libri di self-help, peccato che poi sia una soluzione impraticabile. Come si fa a tagliare tutto quello che nella vita non va? Certe cose proprio non si possono tagliare, non ne ho la possibilità.

Il 4 Maggio sono nati Keith Harring, Amos Oz, Rocco Siffredi e un sacco di persone tra atleti, filosofi, architetti e nobili che in qualche modo hanno fatto la storia e che potete leggere qui.
Mi è sempre piaciuto condividere il giorno del compleanno con Keith Harring, davvero. Lo adoro.

Tutti gli anni il 4 Maggio si ce…

Orm il rosso

Il primo libro della saga era molto più interessante, questo secondo è stato un po' più lento, Orm è adulto, torna ad essere contadino e soprattutto è Cristiano. I Norreni quando si convertono sono meno interessanti ai miei occhi. Preferisco di certo i rivoltosi e focosi vichinghi ai calmi normanni. RImane il fatto che questo è un bel libro di avventure dove ci sono moltissimi episodi che sono stati presi pari pari dagli sceneggiatori di Vikings e si riconoscono facilmente. Il personaggio stesso di Ragnar è modellato su Orm in certe puntate quasi si sovrappongono. Avendo visto prima la serie e poi letto il libro il confronto è stato ovvio.
Però la lettura è stata piacevole, e mi piacerebbe leggere altri libri del genere, anche se non so se sarò così fortunata nel trovarli ancora.

Ia Orana Maria, Gauguin

Gauguin è uno dei miei pittori preferiti, lo sento da sempre uno spirito affine, condivido con lui l'irrequietezza che lo ha portato ai confini del mondo alla ricerca di un vivere primitivo a totale contatto con la natura per spogliarsi delle convenzioni occidentali, cosa che purtroppo non ha mai trovato, nemmeno a Tahiti, nemmeno nelle isole Marchesi.

Campioni di generosità

In questi giorni mi sono resa conto di essere attorniata da persone generose, anzi, da veri campioni di generosità. Colleghi che devolvono i propri doni di nozze per comprare materiale per la biblioteca della scuola, colleghi che si affannano per fare le collette per alunni in difficoltà, fino a slanci di generosità così grandi che non ci sono davvero parole per descriverli. E io? Io non sono capace di tutto quello che loro fanno. Mi sbatto per assomigliare a loro, ma... non posso essere nemmeno lontanamente così. Il mondo non è poi così nero come lo si dipinge, esiste ancora un po’ di speranza, ancora un po’ di luce, basta cercarla.

La Venere di Willendorf

Inutile nasconderlo, la mia passione è l'Archeologia. Infatti anche questa settima presento un'opera antica, o meglio preistorica. Questa è la Venere Paleolitica detta di Willendorf, luogo in cui è stata trovata. La Venere è una statuetta di piccole dimensioni, solo 11 centimetri, data a circa 20 000 anni fa.

Le statuette come questa sono considerate le prime forme d'arte dell'uomo. Anche per questo motivo abbiamo poche informazioni a riguardo. Si pensa che l'uomo paleolitico le intagliasse nella pietra morbida oppure nell'osso e se ne servisse per i riti legati alla fecondità. Questo lo desumiamo dai tratti femminili accentuati: grossi seni, fianchi larghi e ventre abbondante. Mentre le altre parti del corpo sono semplicemente abbozzate, come le braccia, oppure del tutto inesistenti, come il volto.

Non conosciamo né la funzione, né l'uso. Possiamo solo fare delle ipotesi. Possiamo immaginare che per la mancanza dei piedi la statuetta non dovesse stare posat…